Vai al contenuto

“Per loro siamo come siringhe, usa e getta”

DONNE, RAZZISMO E CAPITALISMO (IV)

 

 

 

FONTE : CTXT.ES
Le vite di addetti alle pulizie, assistenti, assistenti, infermieri ... sono importanti. Queste donne, i legami più precari nell'assistenza sanitaria, si trasferiscono da Madrid a Buenos Aires per rivendicare i propri diritti

Autrice : Josefina L. Martínez

Addetti alle pulizie, guardie, assistenti, badanti, infermieri ... i loro corpi esausti sono gli anelli più precari nella catena dell'assistenza sanitaria. Quelli che sono stati esposti in prima linea per combattere una pandemia che nessuno si aspettava e per la quale non eravamo preparati. Da Madrid alla provincia di Buenos Aires, in Argentina, si organizzano contro privatizzazioni e tagli, perché anche la vita dei lavoratori conta e la salute non deve essere un affare.

“Siamo essenziali. Senza una buona pulizia, un ospedale non funziona "

Durante la prima ondata della pandemia, gli addetti alle pulizie sono stati al centro della tempesta. A Madrid, epicentro della crisi, hanno rischiato la vita per disinfettare i pronto soccorso, pulire i pavimenti e le sale operatorie, senza un'adeguata protezione. E come sono stati pagati? Il governo di Díaz Ayuso ha annunciato il 3 giugno la privatizzazione del servizio di pulizia dell'Ospedale Gregorio Marañón (l'unico ospedale della città che fino ad ora mantiene le pulizie nel proprio personale). Grazie alla lotta dei lavoratori e alle denunce presentate dai sindacati, la gara è stata rallentata, ma può essere ripresa in qualsiasi momento. Per questo si sono organizzati e sono ancora sul sentiero di guerra. In piena estate, nei mesi di luglio e agosto, si potevano vedere nelle loro vesti verdi e gialle davanti alle porte dell'ospedale, accompagnato da vicini, studenti e organizzazioni di solidarietà. Adesso stanno preparando una grande manifestazione per settembre.

María Villa Fuentes Sánchez ha iniziato a lavorare per Gregorio Marañón 15 anni fa. Prima sostituzioni, e con una posizione stabile dal 2015. “La pandemia che abbiamo vissuto con paura, era qualcosa che non sapevamo e nessuno ci ha spiegato niente. Non avevamo materiali per affrontare la disinfezione, con persone che avevano contratto il virus e anche chi era morto ”. Dice che i protocolli cambiavano ogni giorno, l'incertezza era totale e finivano per esaurirsi. Sono 553 gli addetti alle pulizie, tra l'Ospedale Centrale e il Maternity Hospital, compreso il personale che è stato assunto per rafforzare la lotta al coronavirus.

"Tutti i compagni si guardarono senza dire nulla e con grande tristezza. E poi il ritorno a casa è stato il più duro, perché non sapevamo cosa potevamo portare ai nostri figli o ai nostri genitori, anziani ”. La sua storia è scioccante: “Era come il peggiore dei sogni, come un film di fantascienza, dove le persone muoiono a causa di un semplice virus e c'è un caos tremendo. Bene, questo è quello che viviamo lì. E dopo tutto quello che abbiamo passato, che sono stati mesi molto duri ed estenuanti, ci danno la notizia che vogliono privatizzare il servizio di pulizia di questo ospedale ”, dice indignato. “Nel servizio di pulizia siamo i dimenticati, gli invisibili, ma ci siamo resi conto che siamo molto importanti. Siamo essenziali. Perché se in questa pandemia non ci fosse stata una pulizia professionale, accurata e approfondita,

Puoi anche trovare Elvira Díaz Maroto ad ogni concentrazione, megafono in mano, che canta ad alta voce: "Con i nostri panni e mop abbiamo combattuto, ora ci dai un bastone". Da poco più di un anno lavora come donna delle pulizie presso Gregorio Marañón, dove copre la perdita di un collega. Ha vissuto la pandemia come un incubo, lo ricorda e non può trattenersi dall'emozione: “Sono venuto per pulire un letto e un nonno mi tiene per mano e dice: 'Sto morendo, giusto?' E dovendo guardarlo, sorridergli e dire: "No, amico, calmati, te ne andrai". E sapere che non aveva nessuno della sua famiglia ”.

La paura e l'insicurezza sono state aggravate dai maltrattamenti da parte della direzione dell'ospedale. “Abbiamo iniziato a renderci conto che il personale delle pulizie era totalmente indifeso, perché c'erano solo maschere per il personale sanitario, come lo chiamano, e non siamo entrati nel loro progetto personale sanitario. Infatti non siamo entrati perché il direttore e la signora Ayuso avevano già in mente che le pulizie sarebbero state privatizzate, le avrebbero affidate a un'azienda privata ".
Aziende come Clece de Florentino Pérez o Ferrovial potrebbero mantenere la gestione della pulizia del Gregorio Marañón. Gruppi privati ​​che gestiscono la salute come impresa, con conseguenze fatali per la popolazione, come si è visto nelle case di cura di Madrid - zone calde di contagio, con il maggior numero di morti. Queste grandi aziende che forniscono servizi di pulizia a ospedali, uffici e università hanno come marchio di fabbrica la precarietà di una forza lavoro femminizzata e razzializzata.

Al Gregorio Marañón, i lavoratori dicono che, se c'è privatizzazione, l'equazione è semplice: si riducono i posti di lavoro, si perdono i diritti e si fa più lavoro, in condizioni peggiori. E chi vuole essere ricoverato in un ospedale che non garantisce un buon servizio di pulizia? In quelli privati ​​"il personale non è professionale o qualificato per pulire gli ospedali, tanto meno di fronte a una pandemia come quella che stiamo vivendo di nuovo", dice María Villa. Ecco perché "non fa bene alla salute dei madrileni, se permettiamo a questa donna di continuare a privatizzare". Elvira la pensa allo stesso modo: “La nostra lotta non è solo per noi, è per il mondo intero, perché ci meritiamo l'assistenza sanitaria pubblica. Nessuno si merita che giochino con la nostra salute, che le aziende private ci mettano e ci sia un malfunzionamento ".

"Ieri ci avete applaudito, oggi abbiamo bisogno che ci sosteniate e lottiamo insieme per la salute pubblica al 100%", chiedono i lavoratori.

La vita dei lavoratori è importante

“Il ruolo delle donne nei servizi sanitari può essere considerato come un'estensione delle loro funzioni assistenziali in ambito domestico; la divisione del lavoro domestica per sesso si trasferisce sul posto di lavoro ”. Così Natalia Aguilera spiega il rapporto tra la femminilizzazione del lavoro negli ospedali e la precarietà che gli operatori sanitari vivono ogni giorno. È infermiera presso l'ospedale San Martín de La Plata, in Argentina, ed è membro della Corrente di sinistra per la sanità pubblica. In questo paese, come in gran parte dell'America Latina, l'assistenza sanitaria sta cadendo a pezzi, ed è sostenuta solo grazie agli sforzi dei suoi lavoratori.

La precarietà si è approfondita nell'ultimo decennio, con tagli maggiori in tutte le aree, che colpisce soprattutto le lavoratrici: “Con condizioni di lavoro estremamente precarie, senza diritti di alcun genere e orari flessibili, per poter adattare l'orario di lavoro in ospedale (lo stipendio non copre il paniere alimentare di base e molti di noi sono capofamiglia) e le faccende domestiche nelle nostre case e le cure che i nostri figli richiedono ”, dice.

“In tempi di pandemia si corre da un lavoro all'altro, con i rischi che questo comporta, aumentando ulteriormente le possibilità di contagio. Questo sovraccarico di lavoro ci porta ad uno stress logico e ad esaurimento, non solo fisico ma emotivo. Oltre al fatto che chi come noi lavora nel campo della salute si trova ad affrontare ogni giorno una corsa contro la malattia e la morte ”.

La crisi COVID sta colpendo la popolazione più vulnerabile in Argentina in diversi modi. All'emergenza sanitaria e al contagio di chi deve uscire a lavorare per mangiare, si aggiunge l'aumento della povertà e dell'indigenza, cosa che non è cambiata sotto i diversi governi. “Quelli di noi che lavorano nella sanità e soprattutto nella sanità pubblica sono quelli che ricevono e percepiscono direttamente il deterioramento della salute dei lavoratori e delle persone, che sono quelli che vanno all'ospedale pubblico. Molte volte stiamo, con le nostre forze, evitando la mancanza di rifornimenti, di personale, stanchi per i doppi turni, quelli che ci mettiamo ogni giorno sul corpo perché in qualche modo la salute pubblica funzioni ”.

In mezzo a questa catastrofe, gli operatori ospedalieri stanno creando una nuova organizzazione, eleggendo rappresentanti di tutti i settori, da coordinare. “Se c'è qualcosa che hanno i lavoratori, è l'immaginazione e questo momento non ha fatto eccezione. Come operatori sanitari ci organizziamo anche in Pandemia ”, sottolinea Aguilera con entusiasmo.

"Lì non importa se sei di terapia, maternità, clinica, guardia, ordinato o amministrativo, medico, infermiere, igiene, residente, badante, siamo tutti uniti nella stessa lotta, costruendo uno strumento che ci permette di coordinarci tra settori, e non solo esigiamo le nostre richieste, ma controlliamo anche che siano rese efficaci ". In questo modo sono riusciti a superare le divisioni tra i diversi settori e tra i vari sindacati. "Abbiamo tratto la conclusione che dovremmo costruire uno strumento di base, che avrebbe l'espressione dell'intero team sanitario insieme ai sindacati che sono in Sanità, cioè il nostro primo corpo di delegati".

Come gli addetti alle pulizie di Madrid, gli infermieri e il personale sanitario di molti ospedali in Argentina stanno combattendo contro tagli e privatizzazioni da parte dei governi e contro gruppi economici che speculano con cliniche private, mentre la salute pubblica peggiora: Quelli che vincono, quei potenti che non hanno scrupoli nel riempirsi le tasche a costo non solo della nostra salute ma della nostra vita ”.

Aguilera sostiene che è importante trasformare tutta quella indignazione e rabbia in forza per continuare a combattere “non solo per il nostro lavoro, le condizioni di vita, ma per attaccare il nostro vero nemico: un sistema sociale che genera fame, famiglie per strada, discriminazione , maltrattamenti, miseria, povertà per noi lavoratori, mentre pochi continuano a spalarla ”.

"Questo è il motivo per cui la costruzione di uno strumento politico per lavoratori, donne e giovani è essenziale", aggiunge. “Siamo essenziali, ma per loro siamo come siringhe, usa e getta. È qui che conta l'idea che le vite lavorative contano, che sia un sentimento che viene dalle nostre viscere e che viaggia per il mondo, si fa forte e si impone. Poiché questa crisi deve essere pagata da chi l'ha generata, chiediamo che smettano di fare affari con le nostre vite! ”, Dice Natalia Aguilera dall'altra parte della linea che collega - molto più di quanto sembri - Madrid con Buenos Aires.