Vai al contenuto

Canada. IWH. Cosa può fare la ricerca: stimare il ruolo dei luoghi di lavoro nelle trasmissioni COVID-19

IWH - Institute for Work & Health Canada Istituto per il lavoro e la salute

IWH  è  un'organizzazione indipendente, senza scopo di lucro. La sua  missione è promuovere, proteggere e migliorare la sicurezza e la salute dei lavoratori conducendo ricerche attuabili apprezzate dai datori di lavoro, dai lavoratori e dai responsabili politici.

Dal dottor Cam Mustard, presidente e scienziato senior, IWH

Man mano che il Canada esce dal blocco e un numero maggiore di lavoratori torna ai propri spazi di lavoro fisici, l'efficacia delle pratiche sul posto di lavoro per prevenire la trasmissione di COVID-19 diventerà sempre più importante. Per anticipare le sfide future, dobbiamo conoscere il ruolo che la trasmissione professionale ha svolto nei primi sei mesi della pandemia.

Sebbene la maggior parte dei datori di lavoro abbia rispettato le misure di emergenza e chiuso le proprie operazioni fisiche, secondo le nostre stime, oltre il 35% della forza lavoro dell'Ontario è rimasta sul posto di lavoro. I datori di lavoro in una vasta gamma di settori essenziali - sanità, servizi di emergenza, estrazione mineraria, trasporti, edilizia, produzione, produzione alimentare, distribuzione e vendita al dettaglio - dovevano tutti gestire il rischio di trasmissione professionale.

Quale percentuale di infezioni da COVID-19 nella provincia era associata all'esposizione sul lavoro? Sebbene ci siano lacune nelle informazioni importanti, possiamo fare un'ipotesi plausibile.

Ecco cosa sappiamo. In Ontario, due fonti di informazioni possono essere utilizzate per stimare l'incidenza delle infezioni da COVID-19 che derivano dall'esposizione e dalla trasmissione sul posto di lavoro.

La prima fonte di informazioni è il lavoro svolto dai funzionari della sanità pubblica per tracciare i contatti recenti di persone che risultano positive al COVID-19. Questo tracciamento dei contatti può identificare la trasmissione che potrebbe essersi verificata negli ambienti di lavoro.

Il secondo è il numero di richieste di risarcimento registrate presso il Workplace Safety and Insurance Board (WSIB) da parte di lavoratori risultati positivi al COVID-19 e che credono di aver contratto il virus in un ambiente lavorativo. I funzionari della WSIB giudicano le richieste individuali per valutare le prove per la trasmissione relativa al lavoro prima di consentire la richiesta di risarcimento.

Durante il primo periodo dell'emergenza COVID-19 in Ontario, da marzo a maggio, le 32 unità di sanità pubblica della provincia hanno dovuto affrontare enormi sfide nel completare tempestivamente interviste di tracciamento dei contatti con persone risultate positive al COVID-19. Con l'eccezione delle infezioni tra gli operatori sanitari negli ospedali e nelle strutture di assistenza a lungo termine, le informazioni sullo stato occupazionale, l'occupazione e il settore industriale non sono state registrate in modo coerente per i casi tra gli adulti in età lavorativa.

Nello stesso periodo, il WSIB ha istituito team dedicati di giudici e amministratori delle richieste per valutare le richieste di risarcimento presentate dai lavoratori e dai loro datori di lavoro. Dall'inizio di giugno, il WSIB ha iniziato a pubblicare il numero di richieste di risarcimento attribuite a COVID-19, tabulando il numero di richieste di risarcimento consentite, non consentite e in attesa di giudizio all'interno dei settori economici.

Combinando le informazioni del sistema sanitario pubblico dell'Ontario e del WSIB, possiamo costruire un quadro dell'incidenza del COVID-19 attribuito alla trasmissione sul posto di lavoro. All'inizio di agosto, i nuovi casi giornalieri in Ontario erano scesi a circa 100, da un picco di 600 casi giornalieri a metà aprile. Dei 40.000 casi confermati tra marzo e la prima settimana di agosto, circa il 60% (24.380) si è verificato tra gli adulti in età lavorativa (età 20-59). A partire dalla prima settimana di agosto, il WSIB riportava 4.507 richieste di risarcimento consentite, 966 non consentite e 605 in attesa di giudizio.

Utilizzando il numero di richieste di risarcimento consentite e il numero di persone infette in età lavorativa, possiamo stimare in modo prudente che un 20% non banale delle infezioni tra gli adulti in età lavorativa in Ontario può essere attribuito alla trasmissione sul posto di lavoro.

Delle richieste di risarcimento consentite, oltre il 70% è associato a lavoratori del sistema sanitario, sebbene le nuove infezioni tra questi lavoratori siano diminuite sostanzialmente. I lavoratori agricoli nel sud-ovest dell'Ontario hanno subito il più alto carico di trasmissione professionale nel periodo da giugno a luglio.

Poiché i luoghi di lavoro sanitari hanno aumentato l'accesso ai necessari dispositivi di protezione individuale e acquisito esperienza nella cura in sicurezza di pazienti e residenti infetti, dovremmo aspettarci che l'incidenza delle infezioni diminuisca in questo settore. Al contrario, poiché più posti di lavoro riprendono l'attività economica, abbiamo bisogno di una maggiore vigilanza per ridurre il rischio di trasmissione professionale in tutti i settori. Le cattive pratiche di controllo delle infezioni sul posto di lavoro potrebbero essere un fattore importante per le dimensioni e la diffusione di COVID-19 nella potenziale seconda ondata.