Vai al contenuto

Cliniche in rosso in Germania di Franco Di Giangirolamo

Lo scrive Rainer Stadtler sul Suddeutschezeitung di una settimana fa. Uno studio di Roland Berger sostiene che il 57% dei manager intervistati prevede un deficit per il 2020, a causa del corona e che le cliniche con più di 100 letti avranno perdite nella misura del 72%. Motivo: basso tasso di occupazione nei mesi di marzo e aprile. C'è stata una massiccia trasformazione dei posti letto in terapie intensive, che sono molto costose e che sono state utilizzate per il 70%. Soprattutto i grandi ospedali, che si occupano di terapie complesse e costose, hanno annullato o posticipato interventi e il tasso di occupazione dei p.l. è passato dal 90 al 60-70%, con abbattimento delle entrate fatturabili. Hanno ricevuto circa 560 euro al giorno anche per i p.l.
tenuti liberi ma pare che siano insufficienti. I p.l.liberi vengono compensati con un giornaliero che va dai 360 euro ai 760. Solo a fine anno si saprà se sono stati sufficienti. Si pensa che ci vorranno almeno 6 mesi per tornare alla situazione di normalità precedente l'epidemia. Alcuni studi prevedono anni di recessione, a causa di problemi strutturali prepandemia (numero ospedali e tasso occupazione letti) la cui soluzione dovrebbe accelerarsi con gli interventi straordinari (sinergie tra cliniche, aumento assitenza ambulatoriale, digitalizzazione servizi, etc.). C'è soddisfazione nel mondo politico per la tenuta del sistema sanitario in occasione della Pandemia. D'altra parte (nota mia) destinano al settore una quota di PIL relativamente più elevata di molti paesi europei, Italia compresa.