Vai al contenuto

TUC. Rivista Risks .Un blocco anticipato delle attività avrebbe salvato la vita ai conducenti di autobus di Londra.

 n.b. traduzione automatica con google translator )

tratto da RISKS , Newsletter 29 luglio 2020 del sindacato britannico TUC 

Imporre un blocco anticipato in Inghilterra avrebbe salvato la vita dei lavoratori, secondo un rapporto sull'elevato tasso di mortalità nella pandemia di autisti di autobus londinesi  secondo il parere di  un esperto in materia di disuguaglianze sanitarie e sociali. Gli autisti di autobus di Londra da 20 a 65 anni hanno rischiato una probabilità 3,5 volte maggiore di morire per Covid-19 tra marzo e maggio rispetto agli uomini in altre occupazioni in Inghilterra e Galles, ha affermato Sir Michael Marmot dell'Institute of Health Equity (IHE). Il rapporto è stato commissionato da Transport for London tra le maggiori preoccupazioni per la morte dei conducenti di autobus nella capitale. “Guidare un autobus, un pullman o un taxi è tra le occupazioni in prima linea associate all'aumento del rischio di morte per Covid-19. Poiché Londra è stata il primo centro della pandemia, è probabile che l'aumento del rischio tra i conducenti di autobus londinesi sia associato all'esposizione ", ha affermato il professor Marmot. “La nostra ricerca suggerisce esplicitamente che il blocco è stato il principale fattore che ha salvato la vita dei conducenti di autobus. Se il blocco fosse avvenuto in precedenza, probabilmente avrebbe salvato più vite. Per coloro che soffrono di ipertensione, l'esposizione a Covid-19 è particolarmente pericolosa, con ripercussioni sproporzionate sui conducenti delle minoranze etniche. Oltre a ridurre l'esposizione al virus, tutti i conducenti dovrebbero quindi essere sottoposti a screening per i rischi per la salute. " Il rapporto rileva che le malattie cardiache sono note per essere un pericolo professionale per il conducente di autobus dagli anni '50. Dieci compagnie di autobus stavano lavorando per TFL all'inizio della pandemia, impiegando circa 30.000 persone, di cui 34 sarebbero morte con Covid-19. Di questi, almeno 29 erano tra i 25.000 autisti di autobus. Il rapporto ha rilevato che potrebbero essercene stati altri due, uno dei quali si è ammalato a febbraio, mentre l'altro è morto a giugno. I risultati non si limitano a Londra. Considerando l'eccesso di mortalità per l'Inghilterra e il Galles nel periodo da marzo a maggio, è stato più elevato ovunque per i conducenti di autobus rispetto alle altre professioni.
Comunicato stampa dell'Institute of Health Equity (IHE) . London Bus Drivers Review , IHE, 2020. Dichiarazione TfL . The Guardian . Stella del mattino .