Vai al contenuto

USA . “I lavoratori del Meatpacking intentano causa contro l’OSHA, accusando l’agenzia di non averli tenuti al sicuro”

Riassumiamo i contenuti di questo articolo apparso sul Washington Post

Nell'articolo si fa riferimento ai lavoratori di un'azienda della Pennsylvania che lavora e confeziona carni che hanno intentato una causa contro OSHA, l'Agenzia della Amministrazione Federale USA per la salute e la sicurezza sul lavoro. I lavoratori affermano di essere stati messi in pericolo a causa della inazione dell'Agenzia durante l'epidemia di Coronavirus. Questa causa fa parte di una offensiva sindacale che cerca di costringere OSHA e le stesse aziende ad agire con maggiore determinazione perchè siano adottate misure di sicurezza e protezione individuale nel corso della pandemia.La causa, intentata presso il tribunale distrettuale federale in Pennsylvania, si basa su una denuncia che gli avvocati che lavorano per conto dei lavoratori hanno presentato all'OSHA a maggio.
La denuncia ha accusato Maid-Rite di non aver fornito adeguati dispositivi di protezione o distanziamento sociale sulle linee di lavorazione per cui i lavoratori sono stati esposti senza adeguate protezioni al contagio.
Queste cause individuali o di piccolo gruppo servono a sollecitare l'iniziativa che l'Agenzia Osha dovrebbe intraprendere contro l'azienda di propria iniziativa. L'Agenzia OSHA, in ragione anche degli indirizzi del Presidente Trump, è apparsa inerte durate la fase acuta della epidemia di Coronavirus. Per ora, si afferma nell'articolo, i lavoratori non hanno ancora ottenuto risultati nè da OSHA nè dall'azienda.