Vai al contenuto

Emergenza Covid-19: Banca d’Italia, numero test è cresciuto in tutte le Regioni e appare adeguato

Fonte Regioni.it

 

Inail: aggiornati i dati dei contagi sul lavoro

(Regioni.it 3885 - 20/07/2020) "Le strette misure di contenimento adottate in Italia e in molti altri paesi dell'Unione europea tra marzo e aprile hanno permesso di ridurre il contagio da SARS-CoV-2 e di mantenere l'epidemia sotto controllo nella maggior parte della regione anche dopo l'allentamento delle restrizioni" lo scrive la Banca d'Italia nell'Aggiornamento sull'eveoluzione della pandemia Covid-19.
Va però sottolineato che  "Tra maggio e giugno la pandemia ha colpito sempre più altre aree del pianeta, come l'America Latina, il subcontinente indiano e il Medio Oriente" e "il contagio è inoltre ripreso a ritmi elevati nelle zone degli Stati Uniti meno colpite nella prima fase, nelle quali le misure di contenimento erano state meno stringenti o in vigore per un periodo più limitato".
In generale e "secondo le informazioni disponibili" (caratterizzate da una forte eterogeneità nelle metodologie di rilevazione tra paesi) in questa seconda fase dell’epidemia a fronte di un "aumento più rilevante nel numero di contagi", si riscontra "una letalità relativamente più contenuta". Secondo Bamkitalia "Molti fattori potrebbero aver concorso a determinare questa evoluzione, incluse le caratteristiche demografiche dei paesi emergenti principalmente coinvolti in questa fase".
"L'Italia resta uno dei paesi più colpiti dal contagio in termini di incidenza della mortalità per Covid-19 nella popolazione", ma "Il rigido lockdown nazionale, in vigore dal 10 marzo al 4 maggio, ha consentito una riduzione del contagio e dei decessi, portando a un progressivo allentamento delle restrizioni".
"A distanza di due mesi dalle prime riaperture - sottolinea la Banca d'Italia - le evidenze a disposizione sembrano indicare che l'epidemia si è mantenuta sotto controllo, anche se il ritmo di riduzione del contagio è rallentato rispetto al periodo di lockdown e sono emersi alcuni focolai di infezione per ora geograficamente circoscritti".
Mantenere sotto controllo la diffusione del virus nei prossimi mesi dipenderà - prosegue il rapporto - in misura cruciale dalle politiche di prevenzione, di test e di tracciamento dei contatti.
Rispetto alle diverse polemiche di questi giorni sui test arriva da via Nazionale un riconoscimento rilevante: 'Il numero dei test in rapporto al contagio è cresciuto in tutte le regioni e appare complessivamente adeguato".
Persiste però "un'eterogeneità regionale nelle politiche di testing e non è al momento chiaro se tutte le regioni siano dotate di sistemi informativi di sorveglianza adeguati per il monitoraggio e il tracciamento dei contatti per i casi sospetti. Il rischio di ripresa del contagio potrebbe continuare a rimanere elevato in presenza di un'ampia diffusione del virus al di fuori dei confini nazionali".
Sempre sul fronte dell'emergenza Covid-19 sono stari resi noti dall'Inai i dati sui contagi sul lavoro, rilevati dall’Istituto alla data del 30 giugno: sono 49.986, 965 in più rispetto al monitoraggio del 15 giugno e pari a circa un quinto delle denunce di infortunio pervenute all’Istituto dall’inizio dell’anno. I casi mortali sono 252 (+16), concentrati soprattutto tra gli uomini (82,5%) e nelle fasce 50-64 anni (69,8%) e over 64 anni (19,5%), con un’età media dei deceduti di 59 anni. Prendendo in considerazione il totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’Inail, il rapporto tra i generi si inverte – il 71,6% dei lavoratori contagiati sono donne – e l’età media scende a 47 anni. A fare il punto della situazione è il sesto report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, pubblicato oggi insieme alla versione aggiornata delle schede di approfondimento sui casi registrati nelle 19 regioni italiane e nelle due province autonome di Trento e Bolzano, diffuse con cadenza mensile.
Dall’analisi territoriale emerge che più di otto denunce su 10 sono concentrate nell’Italia settentrionale: il 56,2% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est, seguiti da Centro (11,8%), Sud (5,7%) e Isole (2,1%). Concentrando l’attenzione sui contagi con esito mortale, la percentuale del Nord-Ovest rispetto al totale sale al 58,3%, mentre il Sud, con il 15,1% dei decessi, precede il Nord-Est (13,1%), il Centro (11,9%) e le Isole (1,6%). La Lombardia è la regione più colpita, con oltre un terzo dei casi denunciati (36,1%) e il 44,8% dei decessi. Nel dettaglio, il 30,2% dei 18.032 contagi sul lavoro denunciati nel territorio lombardo riguardano la provincia di Milano, ma con 32 decessi la provincia di Bergamo conferma il primato negativo per i casi mortali, seguita da Milano (22), Brescia (20) e Cremona (16).
Oltre un terzo dei decessi - conclude l'Inail - è evvenuto in ambito sanitario: Tecnici della salute, medici e operatori socio-assistenziali le categorie più coinvolte.


Aggiornamento sull'evoluzione della pandemia Covid-19

[INAIL] Covid-19, quasi 50mila i contagi sul lavoro denunciati all’Inail. Pubblicate le nuove schede regionali - 20.07.2020