Vai al contenuto

E se Covid-19 fosse trasmesso per via aerea?

FONTE PSINTERNATIONAL

Quanto è significativa la trasmissione aerea del virus che causa Covid-19? Questa domanda ha infastidito scienziati, operatori sanitari e pubblico dall'inizio dell'epidemia globale nel gennaio 2020.

Il dibattito sulla trasmissione aerea di Covid-19 si è intensificato all'inizio di luglio quando 239 scienziati di 32 paesi hanno lanciato un "appello aperto alla comunità medica e agli organi nazionali e internazionali competenti a riconoscere il potenziale di diffusione nell'aria di Covid-19".

Pochi giorni dopo, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha aggiornato il suo brief scientifico del 29 marzo intitolato "Modalità di trasmissione del virus che causa Covid-19: implicazioni per le raccomandazioni di precauzione per la prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC)". Questo dibattito non è solo una tempesta in una tazza da tè scientifica. Ha implicazioni politiche molto importanti per le misure di infezione e protezione, comprese quelle per salvaguardare la sicurezza e la salute degli operatori sanitari.

In termini pratici per gli operatori sanitari, ciò implicherebbe l'uso di dispositivi di protezione individuale, compresi i respiratori, preferibilmente alle maschere mediche.
La prima guida dell'OMS sulla malattia fu la "Prevenzione e controllo delle infezioni durante l'assistenza sanitaria quando un nuovo coronavirus (nCoV) Si sospetta infezione ”documento rilasciato il 25 gennaio. È stato adattato dalla precedente guida per la prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC) sviluppata per affrontare l'infezione da coronavirus (MERS-CoV) della sindrome respiratoria del Medio Oriente. Ha posto l'accento sulle precauzioni di contatto e delle goccioline.

Una lettera aperta è stata immediatamente emessa da Global Nurses United, firmata dai sindacati delle infermiere, comprese le affiliate PSI. La lettera sottolineava che la guida non era all'altezza di ciò che era necessario per proteggere la vita di infermieri e altri operatori sanitari. Considerando il fatto che molte cose sono rimaste sconosciute sul virus e sulle sue modalità di trasmissione, hanno chiesto "l'implementazione di precauzioni per via aerea quando gli operatori sanitari si prendono cura di pazienti con possibili infezioni del 2019-nCoV".

Ciò sarebbe in linea con il principio di precauzione "che afferma che non dovremmo aspettare fino a quando non sappiamo con certezza che qualcosa è dannoso prima di agire per proteggere la salute delle persone". In termini pratici per gli operatori sanitari, ciò implicherebbe una guida che richiede a tutti gli operatori sanitari che si occupano di casi COVID-19 confermati o sospetti di utilizzare dispositivi di protezione individuale, compresi i respiratori, preferibilmente alle maschere mediche.

Fino ad ora, i documenti di orientamento dell'OMS hanno sottolineato che i respiratori devono essere utilizzati solo dove gli operatori sanitari eseguono procedure di generazione di aerosol. Si tratta di procedure mediche che "possono produrre goccioline molto piccole (chiamate nuclei o aerosol di goccioline aerosol) che sono in grado di rimanere sospese nell'aria per lunghi periodi di tempo". Questi aerosol possono contenere il coronavirus.

Dietro l'affermazione degli oltre 200 esperti che "è il momento di affrontare la trasmissione aerea di Covid-19", si cela il fatto che studi che loro e altri scienziati hanno condotto "hanno dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio" che i virus vengono rilasciati quando espirano persone infette , tossire o parlare, in "microdroplet abbastanza piccoli da rimanere in aria". Questo, come sottolineano ulteriormente; "Rappresenta un rischio di esposizione a distanze superiori a 1-2 m da un individuo infetto".

L'OMS afferma che sono necessarie ulteriori informazioni per comprendere meglio la trasmissione di Covid-19, poiché si tratta di una nuova malattia. E ci sono stati casi in cui i funzionari dell'OMS hanno dovuto tornare indietro sulle risposte durante le sessioni di domande e risposte, ad esempio a giugno in merito alla trasmissione da parte di persone infette asintomatiche.

In questo contesto e mettendo in prospettiva il tasso inaccettabilmente elevato di infezione tra gli operatori sanitari, siamo fermamente convinti che un approccio precauzionale dovrebbe essere palpabile nelle linee guida IPC dell'OMS. Ad esempio, i sindacati degli operatori sanitari sono convinti che l'uso di respiratori e non di maschere mediche dovrebbe essere esplicitamente raccomandato agli operatori sanitari che si prendono cura di tutti i casi sospetti o confermati di Covid-19 e non solo quando eseguono procedure che generano aerosol.

Nella sua raccomandazione del 5 giugno sulle maschere, l'OMS ha sottolineato che "la disponibilità di maschere mediche rispetto ai respiratori, implicazioni in termini di costi e approvvigionamenti, fattibilità, equità di accesso a queste protezioni respiratorie da parte degli operatori sanitari di tutto il mondo" erano parte delle considerazioni alla base del rispetto raccomandazioni precedenti sull'uso di maschere mediche anziché di respiratori per la maggior parte degli operatori sanitari.

Questi sono problemi che vanno oltre la scienza. E non sono naturali, scaturiscono dalla mercificazione della vita sociale che è diventata la norma, consentendo di privilegiare la ricchezza delle aziende sulla salute delle persone. L'emergenza globale deve essere affrontata con rapidi cambiamenti che, in modo non scologetico, mettono le persone sul profitto, come abbiamo affermato nelle priorità e nella prospettiva del PSI .

Quando si tratta di condurre guerre e reprimere i cittadini, per la maggior parte dei governi non manca quasi mai la disponibilità di armi e munizioni. Perché una carenza di DPI necessari come i respiratori è ancora la norma per sei mesi nella pandemia?

Covid-19 potrebbe non andare via non appena speriamo. E c'è davvero bisogno di maggiori informazioni per capire meglio questa malattia e come viene trasmessa. Ma con la crescente evidenza che la sua trasmissione potrebbe essere dispersa nell'aria, molte vite, in particolare degli operatori sanitari, potrebbero essere salvate se si applica il principio di precauzione.

Con il suo ruolo di impostazione delle norme globali, invitiamo l'OMS a compiere passi in questa direzione. PSI e le sue affiliate faranno anche una campagna per gli organismi nazionali affinché adottino misure per salvaguardare meglio la vita dei nostri membri e del pubblico in generale.