Vai al contenuto

La posizione del Sindacato tedesco Ver.di per la riqualificazione del sistema di pulizie negli ospedali.

FONTE VER.DI

( traduzione  dal tedesco assistita  da google translator _)

La pandemia di coronavirus  mostra l'importanza di una pulizia di alta qualità negli ospedali e nelle strutture di cura. Qui sono richiesti anche requisiti vincolanti per il personale.

Il sindacato Ver.di ha da tempo sottolineato la situazione problematica nella pulizia di ospedali e strutture di cura. È da tempo noto quanto siano importanti per prevenire la diffusione di virus e germi ospedalieri. Tuttavia, i datori di lavoro hanno risparmiato qui negli ultimi anni: un numero particolarmente elevato di personale è stato tagliato nelle aree di servizio, la pulizia e altri servizi sono stati esternalizzati quasi ovunque a filiali o esternalizzati a società esterne. Ad esempio, uno studio condotto negli Stati Uniti mostra che l'outsourcing moltiplica il rischio di infezioni.

Un sondaggio condotto dalla Società tedesca per l'igiene ospedaliera (DGKH) nel 2013 indica anche la connessione tra tagli nella pulizia e rischio di infezioni. A quel tempo, il 60 percento dei medici e degli specialisti dell'igiene affermava che la pulizia era peggiorata negli anni precedenti. In più della metà delle cliniche, la pulizia non viene più effettuata la domenica. E anche negli altri giorni, in particolare sabato e mercoledì, viene spesso rimossa solo la sporcizia più grossolana.

Chiara connessione: se più è esternalizzato, ci sono più infezioni


Da allora non è cambiato nulla di fondamentale. Inoltre, in molti luoghi è presente l'istruzione "pulire" se non c'è abbastanza tempo. E questo è spesso il caso, perché le aree che un pulitore deve pulire ogni giorno sono semplicemente troppo grandi. "In quattro ore, 17 camere devono essere pulite, più la sala, la cucina e tutte le altre stanze", riferisce un collega di una grande clinica universitaria, che ha affidato in outsourcing le pulizie a una società di servizi. “E poi devono essere realizzate altre stazioni con corridoi, servizi igienici, ecc. Se qualcosa non viene fatto, viene fatto dopo il lavoro o il giorno successivo. Quindi i servizi devono essere curati, come ripulire la cucina e la lavastoviglie. È troppo. «

In una clinica, la direzione ha incaricato il personale addetto alle pulizie di riempire i secchi sul carrello di pulizia e di sistema solo a metà perché la fornitura di disinfettante è stagnante. "L'unico effetto è che hai più percorsi a piedi perché devi riempire il secchio più spesso", dice un collega. "Ma questo non salva i disinfettanti - a meno che non si pulisca semplicemente con un panno umido." Poco prima che scoppiasse la pandemia, la frequenza di pulizia degli uffici e di alcuni corridoi dell'ospedale è stata modificata: invece di due volte a settimana, vengono puliti solo una volta alla settimana - risparmiare. Ciò significa più lavoro per il personale addetto alle pulizie perché le stanze sono più sporche e i bidoni della spazzatura traboccano.

Un addetto alle pulizie di un altro grande ospedale riferisce che i dipendenti della società di servizi parzialmente privatizzata hanno significativamente meno tempo per lo stesso lavoro rispetto ai loro colleghi che lavorano direttamente in clinica. Quest'ultimo sarebbe normalmente disponibile per 15 minuti per pulire una stanza del paziente e solo dieci minuti nella filiale. »Ad esempio, ci vuole circa un'ora per pulire una stanza di isolamento che contiene un paziente corona. Questa volta siamo impiegati a tempo indeterminato, «dice un addetto alle pulizie. »Ma i colleghi della società di servizi devono creare le stazioni in un tempo fisso. I loro manager affermano di dare più tempo per le stanze di isolamento, ma sento qualcosa di diverso dai loro colleghi.

Linee guida non realistiche
La gestione delle cliniche e delle case di cura concorda anche con le cosiddette specifiche di servizio delle società di servizi interne, che stabiliscono quale pulizia dovrebbe effettivamente essere eseguita. Come è comune nel settore della pulizia degli edifici, l'output è espresso in metri quadrati all'ora, spesso utilizzando numeri di riferimento non realistici per il dimensionamento dell'area. Questi devono essere significativamente più bassi in un ospedale che in un ufficio o una scuola. Perché i requisiti di igiene differiscono sostanzialmente. La pratica attuale porta a requisiti eccessivi e di conseguenza a scarsa igiene

C'è anche una mancanza di apprezzamento per l'importante lavoro del personale addetto alle pulizie. "Il nostro lavoro non è visto", critica un collega in un sondaggio presso un ospedale di Berlino. "Nessuna considerazione viene data all'età, alla salute: non sei niente." Un altro addetto alle pulizie spiega: "Abbiamo bisogno di più persone, non puoi farlo a lungo termine." La conseguenza di ciò porta un altro collega al punto: "Noi abbiamo bisogno di una valutazione del personale. Non abbiamo abbastanza tempo per grandi aree. La pulizia visiva e parziale in ospedale deve essere abolita. «

Per fare ciò, il Sindacato Ver.di mette pressione sui datori di lavoro e sui responsabili della politica. Le nostre richieste:

1. Abolizione della cosiddetta pulizia visiva negli ospedali (= pulizia solo in presenza di contaminazione visibile): in molte strutture, la pulizia visiva viene regolarmente organizzata da uno a diversi giorni alla settimana, in modo che virus e batteri altamente infettivi non possano essere contrastati efficacemente.

2. Pianificazione realistica delle prestazioni dell'area in base alle linee guida elaborate dal Robert Koch Institute (RKI): L'area da pulire è spesso troppo grande e non può essere creata in un determinato momento. Sia la RKI che la Società tedesca per l'igiene ospedaliera (DGKH) hanno avvertito anni fa che i livelli di personale dovrebbero essere pianificati in modo realistico. Finora, tuttavia, non esistono requisiti specifici vincolanti. Questi sono urgentemente necessari.

3. Considerazione del tempo totale e delle esigenze del personale nella pianificazione del personale: servizi aggiuntivi ("pulizia speciale"), interruzioni dovute alla pulizia durante il funzionamento (duplicazione necessaria, interruzioni), tempi di viaggio e tempi di installazione spesso non sono sufficientemente presi in considerazione. Tempi adeguati devono essere programmati per questo.

4. Presenti e addestrati in modo permanente per la rispettiva area nelle aree a rischio: in particolare nelle aree a rischio (ad es. Stazioni di infezione, stazioni di terapia intensiva, stazioni per il trattamento di pazienti immunosoppressi, neonati pretermine), le stazioni e le aree necessitano costantemente di personale di pulizia appositamente addestrato che lavora a stretto contatto con il personale medico.

5. Ritiro dell'outsourcing: a causa dell'economizzazione del sistema sanitario, anche la pulizia è stata sottoposta a pressioni estreme per la razionalizzazione. È stato spesso esternalizzato a filiali o esternalizzato interamente. Ciò porta a interruzioni della collaborazione e mancanza di comunicazione. Una protezione efficace contro le infezioni richiede strutture sanitarie in cui tutti i gruppi professionali possano lavorare insieme senza barriere formali.

6. Adeguata familiarizzazione e qualificazione: la corretta gestione di vari disinfettanti e strumenti, la procedura corretta per la pulizia di aree potenzialmente infettive e un'adeguata autoprotezione sono fondamentali. Ma in molti casi vengono impiegati lavoratori non qualificati. Devono essere previsti standard chiari per la familiarizzazione e la formazione periodica di aggiornamento, nonché una strategia per impartire queste conoscenze al personale addetto alle pulizie con scarsa conoscenza del tedesco o per promuovere la loro acquisizione della lingua in modo mirato.