Vai al contenuto

Canada.Livelli di ansia tra gli operatori sanitari durante COVID-19 legati a DPI inadeguati

 

Fonte  Institute for Work & Health

Lo studio di OHCOW, con il supporto di IWH, si basa sull'indagine di 4.000 lavoratori nell'aprile 2020

Pubblicato: 23 maggio 2020

Quasi sei su 10 operatori sanitari intervistati in Canada hanno riferito ansia a livelli che superano una soglia accettata per lo screening clinico per la condizione, secondo un sondaggio condotto su 4.000 lavoratori condotto ad aprile.

L'analisi delle risposte al sondaggio ha rilevato che i livelli di ansia erano associati alla disponibilità di dispositivi di protezione individuale (DPI): i lavoratori che hanno segnalato esigenze di DPI più insoddisfatte hanno anche riferito livelli di ansia più elevati.

Il sondaggio sull'esperienza pandemica dei lavoratori sanitari è stato condotto dalla Clinica per la salute occupazionale per i lavoratori dell'Ontario (OHCOW) con il supporto analitico del Dr. Peter Smith, co-direttore scientifico dell'Institute for Work & Health (IWH). I risultati preliminari sono stati condivisi dal ricercatore capo John Oudyk durante la prima serie di webinar del Primo Maggio, del Primo Maggio dell'OHCOW.

Condotto tra il 6 e il 30 aprile, l'indagine ha chiesto agli operatori sanitari la necessità e l'accesso a una vasta gamma di DPI come guanti, abiti, protezioni per gli occhi, visiere, maschere chirurgiche, maschere e respiratori N95. Ha riscontrato che il 18% dei lavoratori ha dichiarato di aver soddisfatto tutti i propri bisogni di DPI, mentre il 35% ha dichiarato di aver soddisfatto più della metà dei propri bisogni e che il 38% ha dichiarato di soddisfare meno della metà dei propri bisogni. Il restante 8% ha dichiarato che nessuno dei loro bisogni di DPI era soddisfatto.

Lo studio ha anche chiesto agli operatori sanitari circa nove politiche e pratiche relative alla prevenzione COVID-19. (Gli esempi includevano politiche di screening del paziente, pratiche di pulizia della casa e l'uso di maschere per pazienti sintomatici.) La suddivisione delle risposte era simile a quella delle domande sui DPI: il 16% ha affermato che le politiche e le pratiche nei loro luoghi di lavoro soddisfacevano tutti i esigenze, il 39% ha soddisfatto più della metà dei propri bisogni, il 30% ha soddisfatto meno della metà dei propri bisogni e il 12% non ha soddisfatto nessuno dei suoi bisogni.

Ai partecipanti sono state inoltre poste due domande dallo screener di disturbo d'ansia generalizzato (GAD-2) e due domande dallo screener di Patient Health Questionnaire (PHQ-2). Per entrambi questi questionari, i punteggi di 3 e superiore indicavano rispettivamente il potenziale di ansia e depressione.

Nel sondaggio, quelli che non segnalavano nessuno dei loro bisogni di DPI erano i più ansiosi, con il 65% che riportava livelli di ansia più alti del punteggio limite di 3. In confronto, del 18% degli intervistati che ha dichiarato tutti i loro I fabbisogni di DPI sono stati soddisfatti, solo il 43% ha ottenuto un punteggio superiore a 3. Anche i livelli di ansia sono aumentati quando i lavoratori hanno segnalato politiche e pratiche COVID-19 inadeguate, ma meno rapidamente.

Un modello simile è stato osservato per la depressione: il 38% degli operatori sanitari rispondenti che avevano soddisfatto tutti i loro bisogni di DPI ha riportato punteggi di depressione superiori a 3, mentre il 56% di coloro che hanno affermato che nessuno dei loro bisogni di DPI è stato soddisfatto ha ottenuto un punteggio più alto rispetto al soglia.

"Ci aspettavamo di vedere un aumento dell'ansia e della depressione durante questa pandemia, ma non ci aspettavamo di vedere livelli così alti", afferma Oudyk. "Ciò che è notevole è che, se le politiche e le pratiche di protezione dei DPI e di controllo delle infezioni sono adeguate, questo onere per la salute mentale può essere ridotto."

Come in qualsiasi sondaggio in cui il reclutamento viene effettuato tramite il passaparola, i risultati potrebbero essere sovrarappresentati da persone motivate a segnalare esperienze negative, osserva Smith. "Tuttavia, mentre ciò può portare a livelli più elevati di ansia e depressione nella popolazione del sondaggio rispetto alla popolazione degli operatori sanitari in generale, è meno probabile che influisca sugli esiti che mostrano la relazione tra DPI e esigenze di politica e procedura", aggiunge .

Oudyk attribuisce credito alle relazioni in corso tra le parti interessate e i ricercatori per la velocità con cui è stato avviato questo studio. Oudyk, che aveva precedentemente collaborato con Smith nella ricerca relativa alle condizioni di lavoro psicosociale, è stato anche coinvolto in una rete di ricerca con diversi sindacati sanitari dall'epidemia di SARS-1 del 2003. È stato quest'ultimo gruppo che ha visto, a gennaio e febbraio di quest'anno, la necessità e l'opportunità di condurre questo studio - a tempo debito, afferma Oudyk, “per catturare le percezioni e le esperienze dei rischi degli operatori sanitari mentre si stavano svolgendo gli eventi “.

Il sondaggio sanitario è ancora aperto, così come un sondaggio analogo per gli operatori non sanitari . La presentazione di Oudyk sui risultati preliminari dell'indagine sulla salute è disponibile all'indirizzo: https://www.ohcow.on.ca/mayday-mayday-2020.html . Presenta anche i primi risultati dell'indagine non sanitaria sull'ultima puntata della serie del Primo Maggio, del Primo Maggio dell'OHCOW  , il 29 maggio.