Vai al contenuto

REPORT ILO . COVID-19 mostra perché i lavoratori domestici hanno bisogno degli stessi diritti e protezione degli altri

Riportiamo la traduzione di questo articolo di Liliam Marrero, segretario generale del sindacato UNFETRAH-FENAMUTRA  della Repubblica Dominicana che illustra l'impatto sui lavoratori che assistono le persone. Questi lavoratori e lavoratrici sono senza diritti, quando si presentano i sintomi vengono licenziati e finiscono i quarantena senza stipendio. Questo succede anche in paesi molto più ricchi della Repubblica Dominicana come l'Italia...
FONTE ILOBLOG.ORG
Liliam Marrero, segretario generale dell'UNFETRAH-FENAMUTRA

 

 

 

 

Personalmente, con COVID-19  ho avuto un impatto molto grave. Sono stato un domestico e un assistente per tutta la vita. Per più di sette anni mi sono preso cura di una donna di 95 anni a Santo Domingo, nella Repubblica Dominicana. Ma ora sono in quarantena a casa mia senza stipendio. Il mio datore di lavoro mi ha licenziato senza pagamento perché non può pagarmi.

So che l'impatto di COVID-19 sui lavoratori domestici nella Repubblica Dominicana è stato piuttosto traumatico.

Dal momento in cui mi sveglio ascolto i messaggi dei nostri membri: i loro bisogni, dolori e sofferenze. Comunichiamo con i nostri membri attraverso i nostri gruppi di WhatsApp. Come leader sindacale il mio carico di lavoro quotidiano è triplicato perché sono aumentate le esigenze e le richieste dei membri. Le nostre responsabilità nei loro confronti si sono ampliate per supportare le loro condizioni di salute e le esigenze di base, come cibo e cure. Abbiamo mobilitato il sostegno di altre organizzazioni e chiese. Ho organizzato per i membri del Comitato Esecutivo del sindacato la consegna di cibo, sapone, disinfettante per le mani e dentifricio per i bambini, in un quartiere dove vivono molti impiegati domestici.

La mia prima paura è per coloro che potrebbero essere infetti ma non hanno la possibilità di sottoporsi a un test medico. Il test COVID-19 è costoso, oltre $ 5.000 DR ($ 86 USD). Questa è circa la metà dello stipendio mensile di un lavoratore domestico qui. Mentre alla fine i lavoratori domestici sono stati autorizzati a ricevere un sostegno al reddito attraverso un programma governativo chiamato "Quedate en casa", il mio sindacato stima che solo il 40% dei lavoratori domestici lo abbia ricevuto. Quindi, la mia paura è che i lavoratori domestici rimangano soli.

Collaboratrice domestica papuana © A. Mirza / ILO

Un secondo timore riguarda le sfide finanziarie che le famiglie e i bambini dei lavoratori domestici devono affrontare. Ricevo telefonate ogni giorno dai nostri membri che mi dicono che non hanno abbastanza cibo. Inoltre, non possono andare a lavorare o cercare un nuovo lavoro, poiché molti datori di lavoro non vogliono che i lavoratori domestici entrino nelle loro case.

Queste preoccupazioni crescono ogni giorno perché presto non avranno né cibo né risparmi.

Mentre il mio lavoro sindacale è duro, il nostro impegno ora è più forte. Non possiamo permettere ai nostri membri di ammalarsi di COVID-19 perché molto probabilmente non saranno diagnosticati e sottoposti a cure mediche. La nostra strategia è la prevenzione e l'informazione su come prendersi cura di noi stessi.

Dobbiamo anche continuare a sostenere la protezione sociale. Stavamo facendo un ottimo lavoro per ottenere la protezione sociale per il nostro settore e iniziando a vedere risultati, ma ora tutto ciò si è fermato.

Qui nella Repubblica Dominicana, il governo ha ratificato la Convenzione ILO 189 sul lavoro dignitoso per i lavoratori domestici . Ma COVID-19 ha messo in luce le esigenze del nostro settore. Per garantire che i lavoratori domestici non affrontino mai più questa situazione, abbiamo bisogno di leggi che attuino i diritti e le protezioni che la Convenzione n. 189 ci garantisce. Vogliamo ricevere i diritti del lavoro e le protezioni che hanno gli altri lavoratori.

Il sindacato Nacional FENAMUTRA de Trabajadoras del Hogar, rappresenta 1.200 lavoratori domestici nella Repubblica Dominicana, compresi i lavoratori domestici migranti haitiani.