Vai al contenuto

L’ITUC Global Rights Index espone i fallimenti del modello economico mondiale: un nuovo contratto sociale può aiutarci a costruirne uno nuovo

Fonte : Equaltimes.org

BLOG

Sharan Burrow è stata eletta segretaria generale dell'ITUC al suo secondo congresso mondiale a Vancouver, giugno 2010. In precedenza, ha ricoperto la carica di presidente dell'ITUC dal suo congresso di fondazione a Vienna (novembre 2006) e la carica di presidente dell'ICFTU dal suo 18 ° Congresso mondiale a Miyazaki (novembre 2004). È la prima donna ad aver ricoperto una di queste posizioni. Info su Sharan Burrows

Alcuni paesi useranno la crisi COVID-19 per accelerare i loro attacchi ai lavoratori, ma possiamo usare l' indice ITUC Global Rights 2020 per fermare questo, e poi invertirlo.

Dobbiamo farlo perché il 2020 Rights Index espone la rottura del contratto sociale tra governi, datori di lavoro e lavoratori, con violazioni dei diritti dei lavoratori al massimo di sette anni. Democrazia e libertà sono sottoposte a continui attacchi.

Governi e datori di lavoro hanno limitato i diritti dei lavoratori limitando la contrattazione collettiva, interrompendo il diritto di sciopero ed escludendo i lavoratori dai sindacati. Ciò è stato aggravato da un aumento del numero di paesi che impediscono la registrazione dei sindacati.

L'incredibile 85 per cento dei paesi ha violato il diritto di sciopero. Scioperi e manifestazioni furono banditi in Bielorussia, Guinea, Senegal e Togo e incontrarono estrema brutalità in Bolivia, Cile ed Ecuador. In Iran e Iraq, sono stati fatti arresti di massa durante le proteste.

L'ottanta per cento dei paesi ha violato il diritto di contrattare collettivamente. L'Egitto e l' Honduras si sono entrambi mossi per eludere i diritti di contrattazione collettiva ponendo ostacoli alla registrazione sindacale e licenziando i rappresentanti dei lavoratori.

In modo allarmante, il numero di paesi che ha impedito la registrazione dei sindacati è aumentato a 89, dagli 86 del 2019. Il Sudan ha sospeso tutti i sindacati e le associazioni, e in Bangladesh, delle 1.104 domande di registrazione sindacale esaminate tra il 2010 e il 2019, il 46% è stato respinto dal dipartimento del lavoro.

Un aumento del numero di paesi che negano o limitano la libertà di parola mostra la fragilità delle democrazie, mentre il numero di paesi che limitano l'accesso alla giustizia è rimasto inaccettabilmente elevato ai livelli dell'anno scorso.

La Turchia e Hong Kong sono stati tra gli esempi più estremi dei 56 paesi e territori che hanno negato o limitato la libertà di parola, rispetto ai 54 del 2019.

Nel 72% dei paesi i lavoratori non hanno avuto o hanno limitato l'accesso alla giustizia, con casi gravi segnalati in Bangladesh, dove i tribunali del lavoro hanno accumulato un arretrato di tre anni, mentre erano ancora pendenti 18.000 casi archiviati dai lavoratori. In Iran , a marzo 2020, 38 attivisti del lavoro sono stati ancora arbitrariamente imprigionati, spesso detenuti in remote carceri segrete, sottoposti a maltrattamenti e negato l'accesso a un avvocato.

I leader sindacali di Indonesia, Corea e Turchia sono stati tra gli arresti di alto profilo nel 2020; i lavoratori hanno subito arresti e detenzioni arbitrarie in 61 paesi.

I peggiori trasgressori

Questa settima edizione dell'Indice sui diritti classifica 144 paesi in base al grado di rispetto dei diritti dei lavoratori. I dieci paesi peggiori per i lavoratori nel 2020 sono Bangladesh, Brasile , Colombia, Egitto, Honduras, India , Kazakistan, Filippine , Turchia e Zimbabwe .

L'Honduras è entrato a far parte di questo gruppo per la prima volta, mentre la legislazione repressiva del lavoro in India l'ha vista rientrare da quando è apparsa per la prima volta nel 2016. L'Egitto è stato uno dei dieci paesi peggiori nel 2015, 2017, 2018 e fa ritorno nel 2020.

Il Medio Oriente e il Nord Africa sono la peggiore regione del mondo per i lavoratori per il settimo anno consecutivo, con l'insicurezza e il conflitto in corso in Palestina, Siria, Yemen e Libia, insieme alla regione più regressiva per la rappresentanza dei lavoratori e i diritti sindacali .

Giordania, Pakistan, Sudafrica, Togo e Venezuela hanno visto peggiorare le proprie valutazioni nel 2020. Diversi paesi hanno visto migliorare le proprie valutazioni, tra cui Argentina, Canada, Ghana, Namibia, Sierra Leone, Spagna e Vietnam .

I lavoratori sono stati uccisi, anche durante le proteste sostenute dai sindacati, in nove paesi: Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Honduras, Iraq, Filippine e Sudafrica. Con sei dei nove paesi, le Americhe sono diventate il luogo più mortale per i lavoratori. Complessivamente, i lavoratori sono stati esposti alla violenza in 51 paesi.

In questo abbiamo visto l'arrivo di COVID-19 ; la più grande perturbazione dell'economia mondiale nelle generazioni. Ma siamo chiari, le sfide che affrontiamo rimangono le stesse. La pandemia rappresenta una convergenza di crisi: disuguaglianza e sfiducia, emergenza climatica, uguaglianza delle donne, razzismo, tecnologia, crisi del multilateralismo.

Lo shock sociale ed economico ha visto i lavoratori in molti paesi esposti a malattie e morte a causa dell'attuale repressione dei sindacati e del rifiuto dei governi di rispettare i diritti e impegnarsi nel dialogo sociale. Questi paesi si sono trovati incapaci di combattere efficacemente la pandemia e, sotto la copertura di misure per combattere il coronavirus, stanno avanzando la loro agenda sui diritti dei lavoratori.

Ma è qui che l'ITUC Global Rights Index è più efficace perché non è solo un elenco di violazioni: lo useremo per costruire il nuovo modello economico di cui il mondo ha bisogno mentre recupera dalla pandemia di COVID-19. Deve essere un'economia globale resiliente costruita su un nuovo contratto sociale : un nuovo impegno per i diritti dei lavoratori, nuovi investimenti nel rispetto e nello stato di diritto e democrazia sul posto di lavoro. Queste sono le basi per un futuro in cui non lasciamo nessuno alle spalle.