Vai al contenuto

Le ragioni dei più forti – Cronache del Processo Telecom France

 

Dopo la quarantena , il 4 giugno, un libro importante sarà disponibile nelle librerie, "The Reason of the Strongest: Chronicles of the France Telecom Trial". »Alle edizioni Atelier. Questo libro non deve scomparire nel bazar del "deconfinamento". Si riferisce all'intero processo contro i leader di France Telecom accusati di "molestie morali istituzionali" durante quella che fu spesso chiamata "crisi suicida di France Telecom", dal 2005 al 2010. Una lotta dal "vecchio mondo" ? Non ci credo affatto. Ho avuto l'onore e la felicità di essere associato a questo processo e a questo libro, per scriverne una cronaca, come alcune decine di altri "lavoratori intellettuali" (scrittori, giornalisti, registi, comici, musicisti, accademici,
Riassumerò rapidamente. Alla fine del XX secolo, negli anni '90, France Telecom era una grande impresa statale, un servizio pubblico che impiegava 120.000 lavoratori, la maggior parte dei quali erano dipendenti pubblici e assicurò l'ingresso della Francia nella rivoluzione. Nuove tecnologie di comunicazione, con alcune belle, forse promettenti innovazioni al suo attivo. Ma questi furono gli anni dell'ideologia neoliberista trionfante, il dogma dell'organizzazione del libero mercato e il peso crescente dei capitalisti finanziari sull'apparato statale francese. E poi, le prospettive di profitti nella nuova filiale sono ardenti. Così France Telecom è stata privatizzata nel 2004, diventerà Orange. Un nuovo management team arriva a capo dell'azienda, con un obiettivo chiaro ed esplicito: ottenere la partenza “volontaria” di 22.000 dipendenti, che non possono essere licenziati poiché sono dipendenti pubblici e causare la mobilità interna di altri 10.000.

Per raggiungere questo obiettivo, i mezzi mostrati sono molestie morali a dosi elevate, per raggiungere l'obiettivo con marce forzate tra il 2007 e il 2010. E funziona, in un certo senso. Le tutele legali vengono aggirate, I gruppi di lavoratoori collettivi vengono dislocati, le partenze e le mobilità avvennero. Si noti inoltre che gli azionisti della società hanno ricevuto dividendi significativi durante questo periodo, ma che France Télécoms non è più tra i primi nella classifica delle società innovative. L'obiettivo delle marce forzate tra il 2007 e il 2010. E funziona, in un certo senso. Gli statuti scoppiarono, i lavoratori collettivi dislocati, le partenze e le mobilità avvennero. .
I lavoratori e le loro organizzazioni sindacali non riuscirono a organizzare lotte collettive che bloccassero i processi sul lavoro e istituzioni rappresentative come il Comitato per la salute e la sicurezza furono completamente emarginate dalla direzione, come la medicina e l'ispezione del lavoro .
In assenza di reazioni collettive, la crisi prese la forma della generalizzazione della sofferenza sul lavoro ampiamente diffusa tra i dipendenti, vissuta su base individuale, che arrivò a provocare un'ondata di suicidi sul lavoro che iniziò nel 2006 e culminò in 2008 - 2009 (38 suicidi in due anni). L'amministratore delegato di France Télécoms, mai avaro di buone parole, parla di una "modalità suicida" e uno dei suoi collaboratori, più letterario, di un "effetto Werther".
I sindacati si misero alla ricerca di modi per combattere in questa situazione, non esisteva una "tradizione della classe operaia" in materia. In alcune professioni particolarmente colpite dal fenomeno, come ad esempio la polizia (in Francia, un suicidio alla settimana, in media, per anni), i sindacati preferiscono tacere e basare la loro rappresentatività sulla gestione congiunta delle carriere. A France Télécoms, il sindacato Sud PTT e CFE-CGC reagirono molto rapidamente. Primo obiettivo, conoscere e far conoscere la realtà. Poiché il management blocca il CHSCT e lo rende impotente, nel 2007 fu creato un "Osservatorio dello stress e della mobilità forzata", fuori dalla portata delle manovre di gestione, a cui poterono unirsi tutti gli attivisti sindacali di varie affiliazioni, e che, sin dal suo inizio, fu ampiamente apprezzato da un intero gruppo di ricercatori, accademici, medici. L'Osservatorio identificò in modo molto preciso, nonostante molteplici ostacoli, tutti i suicidi, discusse con le famiglie e lanciò un sondaggio di massa sulla sofferenza sul lavoro in azienda, che raccolse più di 30.000 risposte. Come utilizzare questi dati, come andare oltre? Se non sembrò ancora possibile mobilitare in modo massiccio i dipendenti per bloccare la società in piena ristrutturazione, nel mezzo di una crisi finanziaria globale, il sindacato South PTT rese pubblico il fenomeno e l'opinione e presentò una denuncia legale nel 2009 contro i leader di France Telecom per "molestie morali istituzionali". Certo, la giustizia non può fare tutto, nessuno ha illusioni al riguardo, ma questa denuncia fu un mezzo per estendere, per espandere l'azione. E per la prima volta, la denuncia non è diretta contro i capisquadra, i molestatori, ma i capi, coloro che progettano il sistema e danno ordini, senza mai bagnarsi direttamente (Durante il processo, l'accusato che non conosceva nemmeno le vittime di cui si stava parlando ...) Con una piccola speranza di vittoria, perché il sindacalismo non si nutre di sconfitte, deve vincere se non vuole scomparire.
Il processo è stato mirabilmente condotto dalle parti civili, 19 famiglie di coloro che si sono suicidati o coloro che sono rimasti gravemente feriti nella loro integrità si sono uniti ai sindacati. Un'intera schiera di intellettuali si è mobilitata per partecipare alle sessioni, per due mesi, e per scrivere un rapporto giornaliero della sessione del giorno precedente. Questi sono i conti che compongono oggi il volume "The Reason of the Strongest". Punti di vista molto diversi, narrazioni stimolanti. Questa apertura, questa diversità, questo desiderio di creare una riflessione collettiva, di creare un'eco, una risonanza, devono essere caratteristiche eccezionali delle lotte di domani, per uscire dalle rigidità di oggi. E le condizioni di lavoro saranno un tema importante di mobilitazione, perché, se pongono la questione del potere nell'impresa, lo fanno in un modo estremamente concreto, immediato, vissuto da tutti i lavoratori. Non è certo una coincidenza che il governo macroniano, nel tentativo di demolire il codice del lavoro, abbia iniziato a sopprimere i comitati per la salute e la sicurezza. Un grande progetto per il mondo di domani.