Vai al contenuto

I sindacati statunitensi fanno causa a OSHA per non aver protetto i lavoratori da Covid-19

FONTE MORNING STAR 

I sindacalisti statunitensi hanno presentato documenti per intentare causa contro la Sicurezza sul lavoro e la salute (OSHA) del paese, accusando il presidente Donald Trump di rifiutare di costringere le aziende a proteggere i lavoratori da Covid-19.

L'AFL-CIO, che rappresenta quasi 13 milioni di lavoratori negli Stati Uniti, ha intentato causa alla Corte d'appello di Washington DC lunedì.

La federazione ha insistito sul fatto che la questione era urgente poiché gli stati stavano iniziando a riaprire le imprese e la folla stava cominciando a riunirsi, aumentando il rischio della diffusione del coronavirus.

Richard Trumka, presidente dell'AFL-CIO, ha dichiarato: “È davvero una giornata triste in America, quando i lavoratori devono fare causa all'organizzazione incaricata di proteggere la nostra salute e sicurezza, ma non ci è stata scelta.

“Milioni di persone sono infette e quasi 90.000 sono morte, quindi è urgente che vengano prese misure per proteggere i lavoratori che ogni giorno rischiano la vita per rispondere a questa emergenza di sanità pubblica. Se l'amministrazione Trump rifiuta di agire, dobbiamo costringerli a farlo. "

La federazione ha chiesto un'audizione entro 12 giorni, dando tempo all'OSHA di dare una risposta scritta al reclamo, con un ordine del tribunale a seguire dopo 30 giorni.

“Migliaia di lavoratori sono stati infettati sul posto di lavoro a causa dell'esposizione a pazienti infetti, collaboratori e membri del pubblico non schermati.

"Quando l'economia si riaprirà e le persone torneranno al lavoro, aumenteranno i contatti da persona a persona e gli esperti sanitari prevedono che il numero già scioccante di infezioni e decessi tra i lavoratori aumenterà", ha avvertito la federazione in una nota.

La mossa è arrivata dopo che la federazione sindacale ha scritto al segretario del lavoro americano Eugene Scalia, chiedendo che misure più severe e obbligatorie sostituiscano l'attuale orientamento, che è volontario e privo di potere legislativo.

Ma Scalia ha insistito sul fatto che non erano necessarie nuove norme obbligatorie, sostenendo che l'attuale codice volontario era sufficiente.

Anche il Consiglio nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (Nacosh) è preoccupato per la mancanza di protezione dei lavoratori

La portavoce di Nacosh, Jessica Martinez, specialista in sanità pubblica, ha affermato che è essenziale che "i lavoratori siano al tavolo" nelle discussioni sulla sicurezza in un mondo post-Covid-19 e sullo sviluppo di linee guida statali e federali.

Ma le attuali condizioni sul posto di lavoro, anche prima che il virus colpisca, producono "un diseguale equilibrio di potere sul posto di lavoro [che] significa che la sicurezza spesso passa in secondo piano, specialmente per i lavoratori di colore, gli immigrati e altri nelle comunità emarginate", ha detto.

“Fortunatamente, i lavoratori non accettano lo status quo. Il rischio e le conseguenze orribili ... hanno portato a un numero senza precedenti di abbandoni e altre azioni lavorative - e nella maggior parte dei casi, i lavoratori hanno avuto successo nel vincere protezioni per ridurre i rischi per se stessi, i colleghi, le loro famiglie e il pubblico in generale “.

 

5