Vai al contenuto

Il rifiuto cinese dell’amianto: ufficiale

 

Fonte : Segretariato Internazionale per il divieto dell'amianto

19 maggio 2020

Il rifiuto cinese dell'amianto: ufficiale

Un documento pubblicato questo mese (maggio 2020) segnalava che un altro importante passo era stato compiuto dalle autorità in Cina - un importante consumatore e produttore di amianto crisotilo (bianco) 1 - nel riconoscere le conseguenze mortali dello sfruttamento commerciale dell'amianto. Come il testo intitolato: Distribuzione di imprese di amianto e casi di asbestosi - Cina, 1997-2019 2 è stato pubblicato nell'attuale numero di China CDC Weekly, una piattaforma online per il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie - “a livello governativo e nazionale organizzazione tecnica ”- e finanziato dalla National Natural Science Foundation of China e dall'Accademia di Ingegneria, è probabile che i risultati degli autori saranno discussi e approvati dai più alti livelli di governo.

Nella prima sezione dell'articolo, i coautori hanno definito lo stato di paria dell'amianto:

"L'amianto è classificato come cancerogeno di classe I dall'agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) perché l'esposizione causa il mesotelioma e il cancro ai polmoni oltre all'asbestosi e alle placche. Finora, l'amianto è stato bandito in 67 paesi, ma il crisotilo, una forma comunemente conosciuta di amianto, è ancora ampiamente usato in Cina e nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo. La maggior parte dei tumori causati dall'amianto non sono segnalati, registrati e compensati in molti paesi ... Le imprese dovrebbero essere incoraggiate a utilizzare sostituti più sicuri e vietare gradualmente i materiali di amianto in Cina ".

Alla domanda sull'attuale politica cinese in materia di rischio di amianto, un sostenitore di lunga data della tecnologia senza amianto con sede a Pechino ha convenuto che la produzione e la pubblicazione di questo documento sono indicative di un crescente riconoscimento da parte del governo del pericolo rappresentato dalla produzione e dall'uso dell'amianto. In uno scambio di e-mail della scorsa settimana, ha riferito che la quantità di propaganda pro-amianto diffusa dall'industria è stata notevolmente ridotta e che i prodotti contenenti amianto "non sono stati promossi da nessuno nel mercato cinese". L'industria dell'amianto e le sue attività erano, secondo lui, in declino in Cina.

Le opinioni dell'esperto sono supportate da dati che dimostrano che tra il 2012 e il 2016 il consumo di amianto in Cina è diminuito del 33% da 431.000 tonnellate a 288.000 tonnellate. 3 Revisionando una cronologia cronologica che delinea le restrizioni nazionali sull'amianto, 4 emerge un modello che mostra una riduzione dell'uso dell'amianto in Cina:

  1. La Cina vieta l'uso dell'amianto nei materiali di attrito nell'industria automobilistica.
  2. Il Ministero della Salute cinese impone nuove restrizioni e linee guida in: Criterio per il controllo e la prevenzione dei rischi professionali nella lavorazione dell'amianto.
  3. La Cina proibisce l'uso dell'amianto nella costruzione di infrastrutture per le Olimpiadi di Pechino e i Giochi asiatici del 2010.
  4. La Cina vieta l'uso di tutti i tipi di amianto, incluso il crisotilo, a partire dal 1 ° giugno nei materiali da costruzione per pareti e rivestimenti secondo lo standard nazionale GB50574-2010. Gli esperti del settore prevedono che il nuovo codice per l'uso dei materiali per pareti negli edifici ridurrebbe la domanda di prodotti in lamiera piana di cemento-amianto.
  5. Il nuovo "Elenco dei sostituti raccomandati per le materie prime tossiche e pericolose" della Cina è stato ufficialmente pubblicato il 27 dicembre dal Ministero dell'industria e della tecnologia dell'informazione cinese. L'amianto è incluso nella categoria 3, la classe più avanzata per la quale sono stati sviluppati e utilizzati sostituti. Nel documento, l'amianto è classificato come sostanza tossica e pericolosa che potrebbe essere sostituita da alternative più sicure.

La lobby globale dell'amianto - guidata negli ultimi anni dalle parti interessate dell'amianto in Russia e Kazakistan - sarà ben consapevole dell'importanza del cambiamento della Cina nella politica ufficiale. Quando la Cina - un paese che ha le seconde riserve mondiali di amianto crisotilo - dà la priorità alla salute pubblica e professionale rispetto ai guadagni finanziari, mettendo al bando gli usi rimanenti dell'amianto, altri paesi della regione seguiranno sicuramente l'esempio. Il futuro è privo di amianto.

1 Attualmente, la Cina non ha solo la seconda più grande riserva di amianto, ma è anche il terzo produttore e consumatore di prodotti di amianto al mondo.
https://pubs.usgs.gov/periodicals/mcs2020/mcs2020-asbestos.pdf

2 Chen M, Wang H, et al. Distribuzione di imprese e casi di asbestosi di amianto - Cina, 1997-2019. 1 maggio 2020 .
http://weekly.chinacdc.cn/fileCCDCW/journal/article/ccdcw/2020/18/PDF/200023.pdf

3Indagine geologica degli Stati Uniti. Statistiche e informazioni sull'amianto.
https://www.usgs.gov/centers/nmic/asbestos-statistics-and-information

4 Segretariato internazionale per il divieto dell'amianto. Cronologia dei divieti e delle restrizioni di amianto.
http://ibasecretariat.org/chron_ban_list.php