Vai al contenuto

Una ricerca del Sindacato Public Services International . La maggior parte delle lavoratrici brasiliane in prima linea ( nella lotta al Covid-19 ) sta vivendo una condizione di sofferenza psichica

Fonte:  Public Services International 

Questo è riportato dal 56% delle donne, mentre tra gli uomini il tasso è del 44%. Il sondaggio fa parte della campagna "Safe Workers Save Lives", condotta da Public Services International e dalle sue affiliate in Brasile.
Al sondaggio hanno risposto volontariamente dal 27 marzo al 29 aprile 2.575 lavoratori brasiliani in servizi essenziali che sono in prima linea nella risposta alla pandemia di coronavirus rivelando che il 56% delle donne professionisti soffre di sofferenza psichica. Tra gli uomini, il tasso è del 44%. Le donne, infatti, sono il 73% di coloro che hanno risposto al sondaggio - l'83% del totale degli intervistati sono professionisti della salute, il 51% proviene da professioni infermieristiche e il 61% è dipendente pubblico.

Queste cifre fanno parte di un sondaggio che fa parte della campagna "Safe Workers Save Lives" lanciata il 31 marzo da Public Services International (PSI) e dalle sue affiliate in Brasile, il cui obiettivo è utilizzare le informazioni sulle condizioni di lavoro per fare pressione sulle autorità pubbliche e private datori di lavoro per migliorarlo. Le risposte vengono raccolte attraverso un sondaggio online - l'identificazione non è obbligatoria. Ispirata dalla campagna globale di PSI , l'iniziativa è guidata dall'ufficio dell'organizzazione in Brasile e da numerosi sindacati affiliati in questo paese.


"La sofferenza psichica nei servizi essenziali nel contesto di una pandemia è probabilmente correlata, tra gli altri fattori, alla mancanza di dispositivi di protezione individuale (DPI) sufficienti e alla mancanza di una formazione adeguata per far fronte allo scoppio. Ma la differenza tra le percentuali delle donne e degli uomini non è sorprendente e potremmo analizzare questo problema sulla base della disuguaglianza di genere: doppio o triplo orario di lavoro per le donne, rapporti di lavoro più precari, mancanza di condivisione dei compiti domestici, donne come capofamiglia e maggiori responsabilità e molestie morali e / o sessuali. Le donne professioniste sono le più colpite dal coronavirus, sia fisicamente - perché sono la maggioranza nel settore sanitario, per esempio - o psicologicamente, a causa di questi problemi che ho appena menzionato ", afferma Denise Motta Dau , PSI 's segretario subregionale per il Brasile.

L'indagine mostra che le condizioni di lavoro e di protezione dei lavoratori non sono migliorate rispetto alla prima divulgazione parziale: il 65% degli intervistati continua a dichiarare che non ci sono abbastanza DPI sul posto di lavoro per un corretto scambio e sanificazione, mentre il 69% dei gli operatori sanitari informano di non aver ricevuto una formazione adeguata sui protocolli di assistenza forniti alla popolazione e sull'uso delle attrezzature.

Altri dati allarmanti sono che un terzo dei professionisti (35%) ha compiuto viaggi di 12 ore o più nelle ultime settimane e il 21% ha utilizzato i mezzi pubblici per recarsi al lavoro, ovvero hanno un ulteriore rischio di contaminazione. Inoltre, nel 93% dei casi, non viene offerto alcun alloggio ai lavoratori che non possono tornare a casa per non contaminare i familiari appartenenti a gruppi a rischio.