Vai al contenuto

SEGNALAZIONE ARTICOLI DA STAMPA INTERNAZIONALE SU PANDEMIA COVID-19

 

Scientific American USA 

 

 

Il trauma psicologico è la prossima crisi per gli operatori sanitari del coronavirus
Il culto degli eroi da solo non protegge i clinici in prima linea dall'angoscia

https://www.scientificamerican.com/article/psychological-trauma-is-the-next-crisis-for-coronavirus-health-workers/?spMailingID=64672485&spUserID=OTIyNDczMDQ2NTkS1&spJobID=1880629434&spReportId=MTg4MDYyOTQzNAS2

———————————————

GB. I sindacati mettono in guardia contro la riapertura prematura delle scuole

I segretari generali di 10 sindacati degli insegnanti in tutto il Regno Unito e in Irlanda hanno scritto ai ministri dell'istruzione in tutte e 5 le giurisdizioni sollecitando “un'attenzione significativa in qualsiasi considerazione relativa alla riapertura delle scuole

https://neu.org.uk/press-releases/unions-warn-against-premature-reopening-schools

=========================
GERMANIA
SINDACATO DELLA FUNZIONE PUBBLICA VER.DI
Stress estremo per i dipendenti
In vista della diffusione del coronavirus, ver.di sottolinea l'elevato onere per gli operatori sanitari e chiede miglioramenti fondamentali

Comunicato stampa, Berlino, 12 marzo 2020.In vista della rapida diffusione del coronavirus (Covid-19) anche in Germania, il sindacato ver.di richiama l'attenzione sulle elevate esigenze del personale ospedaliero e chiede miglioramenti strutturali. “I dipendenti degli ospedali sono professionisti. In una situazione di crisi, fanno tutto il possibile per salvare vite umane e rallentare la diffusione del virus ", ha spiegato Sylvia Bühler, responsabile dell'assistenza sanitaria nel consiglio esecutivo federale ver.di. “Anche senza l'estremo onere dell'epidemia, troppo spesso i dipendenti vanno oltre i propri limiti perché si preoccupano del benessere e della sicurezza dei pazienti. Deve quindi finire che i proprietari della clinica e le persone politicamente responsabili traggano vantaggio da questo impegno. Tutti i responsabili devono ora impostare il segnale: Stiamo lavorando duramente per migliorare le condizioni di lavoro. Innanzitutto, ciò significa più personale ".
L'ARTICOLO SEGUE ALLA FONTE
https://gesundheit-soziales.verdi.de/++co++024a869a-6451-11ea-9b22-525400f67940

===========================

 

POLONIA - SOLIDARNOSCH
""Solidarność". Il governo si sta dirigendo verso un conflitto aperto: chiediamo dialogo e consultazione

"Anti-crisi shield 2" non è stato oggetto di consultazioni pubbliche. - Si tratta di una violazione deliberata della costituzione polacca e del diritto internazionale - queste le valutazioni di "Solidarność" nella sua posizione e avverte che si tratta di un percorso per aprire il conflitto.

Sebbene la nuova versione della legge "scudo anti-crisi - 2" riguardi i diritti di milioni di dipendenti, questa non è stata oggetto di consultazioni pubbliche. Nella sua posizione, il Presidio della Commissione nazionale "Solidarietà" del NSZZ critica fortemente il governo sia per le soluzioni contenute nel progetto sia per la procedura stessa. Oggi ha anche emesso un ampio parere sulle modifiche proposte.

- Il governo ha imposto un disegno di legge su strumenti di supporto speciali in relazione alla diffusione del virus SARS-CoV-2 - il cosiddetto "Anti-crisi shield 2" senza consultazione pubblica. Questa è una violazione consapevole della legge, compresa la costituzione polacca e il diritto internazionale. È come un'entrata ingiustificata sulla strada che porta alla prossima crisi del dialogo sociale, simile a quella che nel 2013 ha portato alla liquidazione della Commissione tripartita per gli affari socioeconomici.

Nel lungo elenco di obiezioni alle soluzioni contenute nel cosiddetto "Shield 2" del Presidium del CC come menzione inaccettabile:

- lasciare le indennità di disoccupazione all'attuale livello estremamente basso,

- livello troppo basso di cofinanziamento degli stipendi dei dipendenti, fornire lavoro in orari di lavoro più brevi o rimanere in periodi di inattività economica,

- introdurre possibilità illimitate di riduzione dell'occupazione e drastiche e discriminatorio nei confronti di altri gruppi professionali, deterioramento della situazione giuridica ed economica per i dipendenti dell'amministrazione pubblica,

- nessun legame tra la liberazione dell'imprenditore dal contributo del Fondo di previdenza sociale e una diminuzione del suo fatturato,

- l'introduzione di un riposo settimanale e giornaliero ininterrotto ridotto,

- spostamento dei costi più elevati per i dipendenti consentendo la riduzione simultanea dell'orario di lavoro e dei tempi di inattività economica, anche dopo il periodo di pagamento delle indennità,

- estensione del catalogo dei datori di lavoro a cui sono concessi diritti speciali per la durata dell'epidemia limitando le disposizioni del codice del lavoro,

- mancanza di accesso a un'indennità di assistenza aggiuntiva per genitori e tutori di bambini di età superiore a 8 anni,

- la possibilità di trasferire temporaneamente un dipendente del governo locale senza benefici aggiuntivi per lavorare in unità di assistenza sociale al di fuori del luogo di residenza,

- mancata classificazione dei lavoratori domestici ammissibili al sostegno,

- incapacità di ottenere sostegno per le famiglie che, avendo perso il reddito, non sono in grado di pagare le proprie passività.

La "solidarietà" accusa anche il governo che le soluzioni attuate discriminano i dipendenti impiegati ai sensi del codice del lavoro, perché coloro che pagano coscienziosamente tutti i contributi pubblici saranno maggiormente gravati dagli effetti della crisi.

- Gli effetti economici della crisi pandemica saranno trasferiti in modo sproporzionato a quei dipendenti che, lavorando ai sensi del codice del lavoro, hanno sostenuto l'onere di mantenere il Fondo di previdenza sociale per anni e sono diligenti pagatori di contributi pubblici. I principali beneficiari saranno coloro che hanno sostenuto un onere minimo o nullo. Le soluzioni implementate colpiscono chiaramente i dipendenti, riducendo significativamente il livello di sicurezza sociale di milioni di polacchi, privandoli dei diritti costituzionali, ad esempio per la protezione sindacale - è stato scritto nella posizione.

Infine, il Presidio della Commissione Nazionale avverte il governo di un conflitto aperto con la Solidarnosch e chiede una correzione del progetto tenendo conto delle richieste dell'Unione.

- Avvertiamo i governanti che, aggirare ulteriormente e ignorare NSZZ "Solidarność" si tradurrà in un conflitto aperto per il quale siamo preparati come Unione.

La posizione è stata inoltrata al Primo Ministro, al Presidente, al Ministro della Famiglia del lavoro e delle politiche sociali e al Ministro dello sviluppo.

http://www.solidarnosc.org.pl/aktualnosci/wiadomosci/kraj/item/19418-solidarnosc-rzad-zmierza-do-otwartego-konfliktu-zadamy-dialogu-i-konsultacji

===============================

 

 

BRASILE. CUT. Le violazioni di Bolsonaro nel mezzo del covid-19 sono denunciate nell'OAS
La diffusione di covid-19 tra i più poveri, l'attacco ai diritti e l'escalation autoritaria sono trattati nella Commissione interamericana dei diritti umani dell'OSA

I leader delle organizzazioni e degli organismi brasiliani che lavorano per difendere i diritti umani sono stati ascoltati lunedì pomeriggio (4) dalla Commissione interamericana per i diritti umani (IACHR) dell'Organizzazione degli Stati americani (OAS). Attraverso un incontro virtuale che è durato almeno due ore, sono state segnalate violazioni che il governo del presidente Jair Bolsonaro ha commesso contro la società brasiliana, in particolare le popolazioni più povere e più vulnerabili, nel contesto della pandemia covida-19.

La malattia causata dal nuovo coronavirus, che progredisce principalmente nelle periferie, ha già ucciso oltre 7.300 brasiliani. Il paese ha più di 105.000 infetti, secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute.

Questo forum sociale organizzato per affrontare le questioni brasiliane si è svolto una settimana dopo l'evento che ha discusso della situazione in Argentina. Tra i problemi segnalati vi sono gli effetti dell'omissione, della disinformazione e della negazione riguardo alla gravità della malattia che ha messo il mondo in quarantena e una politica che ha eletto l'economia a spese della salute e della vita.

Covid-19 si diffonde in favelas, prigioni, comunità terapeutiche, tra la popolazione di strada. Mancano politiche e assistenza per la popolazione trans e le prostitute. I diritti degli indigeni vengono violati nelle loro terre, tra cui l'omissione dal contagio portato da minatori e disboscatori. Il modo ineguale di accadimenti di morti che colpiscono uomini e donne neri e sottostima a causa della mancanza di test. La mancanza di assistenza, l'indebolimento della partecipazione sociale, l'ascesa dell'autoritarismo, la perdita dei diritti. E nel mezzo di tutto ciò, la disinformazione - il capo dello stato contraddice quotidianamente le raccomandazioni delle autorità mediche in Brasile e nel mondo.

Incapacità di coordinarsi

Le questioni strutturali relative al diritto al lavoro e al reddito sono state segnalate dal presidente di Unisol Brasil e dal vice presidente del Consiglio nazionale per i diritti umani (CNDH), Leonardo Pinho. “Segnaliamo l'escalation autoritaria, con manifestazioni organizzate intorno al discorso del presidente Bolsonaro contro le istituzioni, che richiedono la rottura istituzionale, il colpo di stato e un nuovo AI-5, e la sua incapacità di coordinarsi. Inoltre, il governo federale non svolge il proprio ruolo di coordinatore di azioni strategiche e il presidente parla di boicottaggi di misure di isolamento sociale. È necessario revocare l'emendamento costituzionale 95 per garantire la capacità dello Stato di investire per garantire diritti e reddito ", ha affermato Pinho.

Sono stati segnalati anche un indebolimento e il boicottaggio della partecipazione sociale. “Nel contesto della crisi, il governo indebolisce ulteriormente i consigli e le commissioni, rendendo impossibile tenere riunioni e accedere alle informazioni. Inoltre, viola le linee guida costituzionali e dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL), imponendo negoziati individuali contro la contrattazione collettiva ", ha affermato.

Secondo il consulente, la commissione OAS è stata informata del fatto che Bolsonaro promuove l'insicurezza alimentare violando la legge federale che garantisce pasti scolastici per tutte le famiglie di studenti nelle scuole pubbliche, rendendo difficile l'accesso al reddito di base di emergenza - che è causando punti di agglomerazione nelle città, escludendo al contempo le popolazioni vulnerabili dagli aiuti. Inoltre, non ha rispettato la legge 873/20, che garantisce entrate a migliaia di famiglie che praticano l'agricoltura, i raccoglitori di rifiuti e l'economia solidale.

Secondo round

La riunione è stata presieduta dal presidente IACHR Joel Hernández, dal primo vicepresidente Antonia Urrejola Noguera, relatrice speciale per i diritti umani economici, sociali, culturali e ambientali, Soledad Garcia Muñoz e dal segretario esecutivo della Commissione, brasiliano Paulo Abrão.

Il forum tenuto ieri si svolge nell'ambito del Coordinamento e della sala di risposta responsabile e integrata alla crisi in relazione alla pandemia covida-19 (Sacroi Covid-19). Fa parte di una strategia per monitorare e monitorare l'impatto sui diritti umani delle popolazioni e dei gruppi in situazioni di vulnerabilità nel contesto della pandemia.

È prevista una seconda serie di comunicazioni telefoniche con i rappresentanti delle organizzazioni per aggiornare le informazioni. E anche l'invio di comunicazioni dettagliate a supporto del lavoro della commissione.

"Speriamo che il rapporto di Joel Hernández, presidente dell'IACHR e relatore per il Brasile, sia un altro elemento di pressione internazionale affinché il governo adotti le giuste misure", ha affermato Leonardo Pinho.

https://www.cut.org.br/noticias/violacoes-do-bolsonaro-em-meio-a-covid-19-sao-denunciadas-na-oea-4c6c