Vai al contenuto

In tutto il mondo, gli operai edili sono coinvolti tra il rischio di coronavirus e la mancanza di lavoro

 

Un pendolarismo giornaliero di due ore e mezza a tratta avrebbe un impatto su chiunque, ma per Özkan, un operaio edile a Istanbul, la parte più difficile del suo lungo viaggio è far fronte alle sue paure su ciò che potrebbe accadere dopo casa.

"Le condizioni sul nostro sito di lavoro sono deplorevoli e mi sento psicologicamente rotto dal preoccuparmi di poter infettare altre persone, in particolare mia moglie o mio figlio di 8 anni", afferma Özkan. “Non abbiamo modo di disinfettarci sul sito, quindi appena torno a casa vado direttamente in bagno a farmi una doccia. Non posso baciare mio figlio, posso solo salutarlo da lontano. ”

In tutto il mondo, i governi chiedono ai loro cittadini di rimanere a casa per proteggere se stessi e gli altri dalla pandemia di COVID-19 , ma milioni di operai edili sono ancora al lavoro, intrappolati tra il rischio della propria salute e la perdita di mezzi di sussistenza.

"La salute e la sicurezza sono molto importanti, ma nei luoghi in cui i lavoratori non hanno sicurezza, è difficile per loro non lavorare", afferma Ambet Yuson, segretario generale dell'Unione internazionale dei lavoratori edili e del legno (BWI). "Puoi morire di coronavirus, ma puoi anche morire di fame."

Più di 15.000 operai edili a Istanbul sono stati lasciati andare dai loro lavori su grandi progetti , la maggior parte senza ricevere alcun compenso, durante un periodo di due settimane a marzo, quando i siti hanno iniziato a interrompere le operazioni o a ridurre la forza lavoro, secondo il sindacato turco dei lavoratori edili Dev -Yapı-IS. Il sindacato stima che circa 295.000 persone siano impiegate nelle costruzioni a Istanbul e oltre un milione in tutto il paese. I lavoratori e i sostenitori del lavoro affermano che a coloro che rimangono impiegati sono state offerte poche protezioni contro il coronavirus in un'occupazione già pericolosa in cui è difficile far rispettare le distanze sociali.

“Le maschere sono distribuite in alcuni cantieri, ma non molti. Entrambe le conoscenze su come usare queste maschere e soprattutto il numero disponibile, sono molto insufficienti. Non vengono prese altre precauzioni ", afferma il dott. Ercan Duman, membro della Commissione per la medicina del lavoro e della medicina del lavoro della Camera dei medici di Istanbul. Un recente rapporto della Confederazione dei sindacati progressisti della Turchia (DİSK), che include Dev-Yapı-İş, indica che i membri di DİSK si sono rivelati positivi per COVID-19 ad un tasso tre volte superiore al tasso medio per 1000 persone testate tra il grande pubblico in Turchia.

Nel sito in cui Özkan e altri 70 sono impiegati, afferma che l'unica modifica è stata una direttiva per i lavoratori che si siedono a parte mentre mangiano, una misura che definisce "insignificante" dati i bassi standard di igiene nella loro mensa improvvisata.

Video e foto diffusi sui social media dai sindacati turchi e dai loro sostenitori mostrano che i lavoratori sono stipati in mense e dormono 10 in una stanza in dormitori in loco. Descrivendo la sistemazione dei lavoratori nel suo sito, Özkan afferma: “La strada è più pulita. Vivi nella sporcizia. È contrario alla dignità umana. "

Lavoro essenziale?

Le pratiche del settore edile sono state esaminate in molti paesi a causa della pandemia in corso mentre i governi stabiliscono politiche divergenti - e non sempre chiare - sui tipi di progetti di costruzione che sono considerati lavoro essenziale e che quindi hanno permesso di continuare tra gli ordini di soggiorno e blocchi.

"È comprensibile che il pubblico sia preoccupato, perché stanno guardando fuori dalle loro finestre in città e vedono in corso questa costruzione che sta sollevando problemi sul distanziamento sociale", afferma Ian Woodland, funzionario nazionale delle costruzioni per il sindacato britannico e irlandese Unite . "Esistono numerosi progetti che sono infrastrutture critiche come la costruzione di ospedali, ma altri, come la costruzione di appartamenti di lusso, non sono di natura critica".

Unite stima che solo circa un quarto dei cantieri del Regno Unito abbiano sospeso i lavori a causa della pandemia. Il sindacato ha chiesto l'adozione di misure più severe per rafforzare la sicurezza e garantire che i lavoratori non siano costretti a lavorare su progetti non essenziali. Quasi 130 membri del parlamento hanno sottoscritto una lettera che solleva preoccupazioni per l'aumento del rischio di coronavirus rappresentato dal fatto che i luoghi di lavoro non essenziali, compresi i cantieri, rimangano aperti. Dibattiti simili si verificano nelle grandi città degli Stati Uniti, con 10.000 membri di un importante sindacato settore delle costruzioni a Boston in possesso di un arresto di lavoro di questo mese più di preoccupazione per la salute e la sicurezza coronavirus-correlato.

"Riteniamo che i lavori di costruzione essenziali possano continuare se vengono prese le precauzioni di salute e sicurezza", afferma Yuson di BWI. "Se un sito viene chiuso, è necessario assicurarsi che i lavoratori abbiano un reddito e che i loro lavori siano garantiti".

La logistica di molti lavori di costruzione e la struttura del settore in molti paesi rendono entrambe le opzioni difficili da garantire.

“Per alcuni lavori in loco, l'associazione è una necessità per motivi di sicurezza, nonché per la natura del lavoro. È impossibile eseguire il distanziamento sociale raccomandato di due metri in tutte le operazioni di costruzione ", afferma Woodland. “Iniziare con un viaggio al lavoro, su autobus aziendali o con i mezzi pubblici, fare la fila per fare il cronometro e entrare in cantiere, accedere alla mensa e ai servizi igienici durante la giornata lavorativa - è praticamente impossibile imporre il distanziamento sociale in tutte quelle situazioni “.

Lavoratori precari e migranti

In molti paesi, tra cui sia la Turchia che il Regno Unito, i lavoratori edili sono spesso lavoratori autonomi, impiegati in modo irregolare da agenzie o impiegati da subappaltatori, condizioni che possono comportare la loro esclusione da schemi retributivi retribuiti o la mancata ricezione di sussidi statali per i disoccupati . Questa precarietà può avere conseguenze pericolose.

In Turchia, la stragrande maggioranza della forza lavoro delle costruzioni a Istanbul e in altre grandi città è costituita da migranti interni da città più piccole e province rurali. Quando i lavoratori sono stati licenziati prima nella pandemia senza indennità, molti sono tornati nella loro città natale, contribuendo potenzialmente alla diffusione del virus. Da quando la Turchia ha interrotto la maggior parte dei viaggi interurbani alla fine di marzo, coloro che perdono il lavoro sono abbandonati nelle città in cui avevano lavorato, spesso con scarso sostegno finanziario o sociale.

Scenari simili si sono svolti altrove. "Il blocco in India ha lasciato molti migranti interni, soprattutto operai edili, bloccati nelle città senza cibo da mangiare", afferma Yuson. "Devono lavorare per essere pagati, quindi vedi ancora molte persone nelle strade, andare al lavoro o cercare di trovare lavoro".

La forza lavoro migrante è anche ad alto rischio nei paesi del Golfo come il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti, entrambi con grandi settori edilizi.

"La costruzione è stata considerata un'industria essenziale negli Emirati Arabi Uniti e le protezioni per i non cittadini sono state ritirate attraverso le indennità per i datori di lavoro per ridurre i salari dei lavoratori", afferma Isobel Archer, un responsabile di progetto presso il Centro risorse e diritti umani con sede a Londra (BHRRC). Sebbene le misure negli Emirati Arabi Uniti richiedano l'ottenimento del consenso reciproco del dipendente, i lavoratori migranti già vulnerabili hanno poco potere di negoziazione, afferma.

"Entrambi i paesi hanno adottato misure per chiudere le sedi sociali e annullare o posticipare gli eventi, quindi sono chiaramente consapevoli che il coronavirus è un enorme problema di salute pubblica", aggiunge Archer. "Ecco perché è così allarmante che questa distinzione venga fatta negli Emirati Arabi Uniti con i lavoratori migranti".

Lo sviluppatore Emaar Properties ha recentemente annunciato che sospenderà i grandi progetti a Dubai, mentre il Qatar ha diretto i datori di lavoro del settore privato a limitare l'orario di lavoro nei cantieri e ad aumentare le misure di salute e sicurezza sul lavoro per proteggere dalla diffusione del coronavirus. Ma sette delle 14 società di costruzioni intervistate dal BHRRC su quali misure stanno adottando per proteggere i lavoratori migranti non hanno risposto, e nessuna di quelle che avevano piani adeguati in atto, ha detto l'organizzazione in un comunicato stampa .

"La pandemia sta davvero mettendo in luce la necessità di una riforma su questioni che sono state ripetutamente investigate dalle ONG", afferma Archer. Sono state sollevate preoccupazioni a lungo sull'abuso e lo sfruttamento del lavoro migrante nei paesi del Golfo, dove i lavoratori in progetti come le strutture della Coppa del Mondo del 2022 in Qatar vivono spesso in condizioni anguste e non igieniche in enormi campi di lavoro. Un'infezione da coronavirus in uno di questi campi sarebbe "una bomba a orologeria", dice Yuson.

BWI e altri sindacati chiedono un aumento delle strutture mediche in cantiere, test e trattamenti gratuiti sul coronavirus, riduzione della forza lavoro e un numero maggiore di turni per facilitare il distanziamento sociale e consentire ai lavoratori di parlare senza rappresaglie delle condizioni rischiose.

Özkan, operaio edile di Istanbul, afferma che quando sorgono preoccupazioni per le questioni sul posto di lavoro, i datori di lavoro prima si fermano per tempo, quindi licenziano coloro che hanno osato lamentarsi. "Dopo ciò, non verrai assunto in nessun altro cantiere", afferma. I sindacati in Turchia hanno riferito che anche i lavoratori vengono licenziati se non firmano dichiarazioni che concordano di non ritenere responsabile il loro datore di lavoro se contraggono il coronavirus mentre sono al lavoro.

"La lista nera è stata un problema anche nel Regno Unito, con i lavoratori che hanno paura di sollevare problemi a causa della precarietà del loro lavoro", afferma Woodland of Unite. “Potrebbero avere un colpetto sulla spalla e sentirsi dire che non sono più necessari sul posto. Quindi esiste la possibilità che i problemi di salute e sicurezza non vengano segnalati di conseguenza. "