Vai al contenuto

La crisi COVID-19 può portare a problemi di salute mentale per molti lavoratori

Lode-Godderis-120x150

Lode Godderis, Dipartimento di sanità pubblica e cure primarie, Belgio

Dobbiamo essere consapevoli delle conseguenze a lungo termine sulla salute di tutti i lavoratori. Ci si può aspettare un abbandono del personale, non solo a causa di infezioni da COVID-19, ma anche a causa di stress, frustrazione e isolamento.

Si prevedono grandi disuguaglianze sanitarie dovute alla pandemia e alla recessione economica. Per i camici bianchi, sarà principalmente il pedaggio della salute mentale a causa dell'elevato carico di lavoro durante la crisi. Per i colletti bianchi, la loro salute mentale soffrirà invece degli effetti dell'isolamento e della quarantena. Infine, per gli operai, l'insicurezza del lavoro e la perdita di reddito potrebbero causare problemi di salute mentale.

Tuttavia, è possibile invertire la tendenza. Se riflettiamo sulle precedenti pandemie seguite da una recessione economica, diventa chiaro che i paesi che investono nella protezione sociale, sostengono i programmi e offrono sufficienti opportunità di lavoro possono mitigare la crisi della salute mentale che segue una pandemia.

I lavoratori sovraccarichi di camice bianco avranno bisogno di tempo per riprendersi da questo periodo mentre i servizi sanitari spingono per un ritorno ai normali livelli operativi. Per le persone che hanno lavorato a distanza da casa durante la crisi, sarà importante prepararsi mentalmente a tornare al lavoro. Questo gruppo di persone potrebbe essere cauto nel tornare al lavoro, temendo un aumentato rischio di infezione ma anche incerto sul futuro del proprio lavoro. L'ultimo gruppo di lavoratori riguarda una vasta popolazione di persone che hanno già perso il lavoro, stanno lavorando a orari ridotti o stanno affrontando gravi tagli ai loro salari.

Le recessioni in genere aggravano le disuguaglianze sanitarie preesistenti e hanno un impatto maggiore sulla salute dei gruppi vulnerabili svantaggiati, come le persone con disabilità e malattie e i disoccupati. Per questi lavoratori, dobbiamo adottare ulteriori misure di supporto per garantire che queste popolazioni possano riprendere i loro ruoli nella società ed evitare gravi conseguenze finanziarie o di salute mentale.

Finora, la pianificazione della pandemia non ha sufficientemente affrontato queste disuguaglianze e determinanti sociali sottostanti. Tuttavia, se possiamo sfruttare la straordinaria ondata di solidarietà che stiamo vivendo alla luce della pandemia di COVID-19, l'impatto della recessione economica potrebbe avere un impatto positivo inaspettato sulla nostra salute. Ciò non può avvenire senza misure appropriate per evitare le disuguaglianze sanitarie.

I governi dovrebbero sviluppare piani per ridurre le lacune negli oneri delle malattie sia a livello nazionale che internazionale. Gli sforzi dovrebbero concentrarsi principalmente sui lavoratori delle classi sociali inferiori, dove le misure possono portare a maggiori riduzioni delle malattie. È inoltre necessaria una collaborazione internazionale per sostenere i paesi a basso e medio reddito in cui una grande percentuale di cittadini è povera.

La presenza o l'assenza di politiche di supporto mirate alle disuguaglianze sociali determinerà il corso della sicurezza finanziaria e della salute mentale in seguito alla crisi COVID-19. Ciò significa che, nonostante una recessione, la creazione o il mantenimento di posti di lavoro sicuri minimizzerà in definitiva l'impatto sulla salute dei lavoratori post-corona.

Di Lode Godderis, Centro per l'ambiente e la salute, Dipartimento di sanità pubblica e cure primarie, Belgio


Questo è un estratto di un articolo commissionato in occasione della Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro .

Vedi qui per il blog completo e i contributi di altri esperti in materia di salute, sicurezza e lavoro: