Un nuovo contratto sociale può ricostruire i nostri posti di lavoro e le nostre economie dopo COVID-19

FONTE MEDIUM 

SCRITTO DA

Sharan Burrow

Segretario Generale della Confederazione Internazionale dei Sindacati. Rappresentare i lavoratori del mondo.

 

Il nostro mondo è in crisi con molte facce di devastazione: la devastazione della disuguaglianza, la devastazione climatica con eventi meteorologici estremi e stagioni che cambiano, e ora la devastazione di una pandemia senza una data di fine nota.

La protezione immediata per i lavoratori, le famiglie, le comunità e le imprese dell’economia reale con garanzie di congedo per malattia retribuito, protezione dei salari e salute pubblica e altre aree di assistenza vitale per tutti sono essenziali come primo passo per stabilizzare le ricadute dalla pandemia.

Dopo il tumulto degli inizi del XX secolo delle due guerre mondiali e della Grande Depressione, i leader mondiali hanno capito che era importante costruire un piano sociale di diritti democratici, libertà e sistemi di protezione sociale. Questo era un contratto sociale con le persone del mondo.

L’ILO è stata fondata nel 1919 con una struttura di governo tripartita in cui i lavoratori, i datori di lavoro e la governance hanno negoziato diritti fondamentali come la libertà di associazione e i diritti di contrattazione collettiva e il diritto di essere liberi dalla discriminazione e liberi da lavoro forzato e lavoro minorile. A questi sono seguiti altri standard tra cui salute e sicurezza sul lavoro, salari minimi e nel corso degli anni un corpus di standard per garantire un lavoro dignitoso. E ‘stato sviluppato un sistema di supervisione per tenere conto dei governi.

Ogni lotta per una migliore vita lavorativa o protezione sociale o istruzione, sanità, assistenza all’infanzia o altri servizi pubblici a livello nazionale ha aggiunto al contratto sociale.

E queste garanzie insieme agli impegni salariali negoziati o statutari che derivavano da un’offerta di lavoro – in altre parole, un contratto di lavoro – sono diventati la base delle economie e delle società che proteggono i lavoratori dagli shock economici, politici e ambientali.

Il contratto sociale è stato compreso da tutte le parti come il fondamento di una società stabile, ma quando il mondo è diventato più ricco e l’ascesa delle società globali ha iniziato a dominare le nostre economie, gli attacchi al contratto sociale sono aumentati.

L’arbitrato del lavoro è diventato la base della crescita del profitto con la produzione offshore per massimizzare i bassi salari e ridurre le responsabilità occupazionali alla base sia del commercio globale che della concorrenza. La globalizzazione ha aumentato enormemente la ricchezza globale, ma non è stata equamente condivisa. La quota del reddito da lavoro è costantemente diminuita dagli anni ’80.

Fonte: OIL basato sulla Commissione europea (dati AMECO)

E la negazione dei diritti fondamentali del lavoro è stata permessa dai governi mettendo gli interessi corporativi al di sopra della dignità del lavoro dignitoso e dei mezzi di sussistenza della propria gente.

Questi stessi governi non sono riusciti a costruire sistemi di protezione sociale universale, senza lasciare alcuna rete di sicurezza in tempi di crisi per oltre il 70% della popolazione mondiale.

La promessa di sviluppo è stata ulteriormente limitata dai flussi illeciti di reddito e dall’evasione fiscale subiti dai paesi più poveri che hanno osservato le loro risorse naturali e i talenti del loro popolo appropriati dalle società occidentali benestanti.

Ma purtroppo, la crisi finanziaria del 2008-2009 ci ha insegnato poco come la spesa per stimoli progettata inizialmente per proteggere posti di lavoro, persone e economia reale si è trasformata in salvataggi per banche e istituzioni finanziarie mentre misure di austerità hanno attaccato salari minimi, contrattazione collettiva e protezione sociale.

Questi attacchi hanno strappato gli ultimi fili del contratto sociale, che è stato oggetto di un crescente attacco dagli anni ’80.

Oggi l’impatto sulla salute e sull’economia della pandemia COVID-19 ha messo in luce i rapporti di lavoro che sono carenti di ferie retribuite, ore di lavoro garantite o persino un contratto di lavoro.

Liberi professionisti, lavoratori dell’economia dei concerti ( gig economy)  e lavoratori nascosti nelle catene di approvvigionamento globali – tutti strangolati dai blocchi necessari per contenere la diffusione del coronavirus – sono le persone che sentono le prime onde d’urto di questa crisi.

Mentre molti governi si affrettano a pagare per un congedo per malattia, a fornire sostegno al reddito o ad altre misure, si sono trovati a mettere in piedi i mattoni di un contratto sociale. Teniamoli al loro posto.

Un nuovo contratto sociale è fondamentale per riportare il mondo su un percorso sostenibile e giusto. I termini del presente contratto devono includere un piano di protezione del lavoro per tutti i lavoratori con:

– diritti fondamentali;

– salario minimo adeguato;

– ore massime di lavoro; e

– salute e sicurezza.

Attraverso la garanzia legislativa o la contrattazione collettiva, dovrebbero essere garantiti il ​​congedo per malattia retribuito, il congedo familiare e altri diritti.

E la protezione sociale universale, compresa la protezione del reddito per periodi di sottoccupazione, è una garanzia sociale per le famiglie che lavorano e le basi di una società più equa e di un’economia sicura.

Solo misure di transizione per l’azione per il clima e i cambiamenti tecnologici e un’agenda trasformativa per la partecipazione economica delle donne possono garantire che nessuno ci lasci indietro.

La tassazione deve essere equa e ridistribuita alle misure di giustizia sociale, compresi i servizi pubblici fondamentali in materia di sanità, istruzione e altri settori di assistenza e opportunità.

Il mondo post-pandemia potrebbe darci un nuovo modello per l’economia globale, un nuovo impegno per la condivisione della ricchezza del mondo e un rinnovato investimento nel rispetto e nello stato di diritto.

Dalla devastazione sanitaria ed economica di COVID-19, ricostruiamo con un contratto sociale nuovo o rinnovato.

Riferimenti :

 14 total views,  1 views today