ILOSTAT – COVID-19: Ci sono abbastanza operatori sanitari?

 

FONTE ILO.ORGG

Mentre la crisi COVID-19 mette sotto pressione i servizi sanitari in tutto il mondo, i dati ILOSTAT evidenziano le carenze già esistenti degli operatori sanitari.

La pandemia di COVID-19 ha messo a fuoco i servizi sanitari dei paesi. Mentre i governi si muovono per rallentare la diffusione del virus, gli operatori sanitari, in particolare le donne, sono in prima linea nell’epidemia.

Di fronte a questa crisi, è rassicurante sapere che questi lavoratori sono lì per amministrare il trattamento e dare consigli. Tuttavia, con oltre la  metà della popolazione mondiale  priva dell’accesso alle cure sanitarie essenziali, cosa succede quando non ci sono abbastanza medici, infermieri e personale di supporto?

Come parte degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, tutti gli Stati membri hanno concordato di raggiungere  una copertura sanitaria universale  entro il 2030. Con la densità dell’occupazione sanitaria un indicatore per questo obiettivo, è probabile che un ostacolo al suo raggiungimento sia la carenza di operatori sanitari. 

I dati di ILOSTAT  evidenziano i paesi in maggiore bisogno. Presenta gli ultimi dati sulle occupazioni sanitario qualificato – come medici e infermieri – e sull’occupazione in generale nel campo della salute umana e sociale di lavoro del settore, che include tutti quelli impiegati in stabilimenti di salute, tra cui le occupazioni non di salute, come amministratori e addetti alle pulizie e attività di assistenza sociale.

Mostra che la salute è un settore occupazionale importante, ma che le capacità dei paesi di reclutare e trattenere gli operatori sanitari variano significativamente da una regione all’altra. Questa diseguale distribuzione aggrava le iniquità nell’accesso ai servizi sanitari.

Ricchezza e salute

I dati sull’occupazione sanitaria (basati sulla categoria ISIC rev.4 Q. Attività di salute umana e di assistenza sociale)  suggeriscono che i paesi ad alto reddito hanno sia gli operatori sanitari più qualificati sia i maggiori settori sanitari in relazione alla loro popolazione . La Norvegia ha il più grande settore sanitario, impiegando 1.049 persone per 10.000 abitanti. Seguono Danimarca, Giappone, Paesi Bassi e Svizzera, tutte con oltre 800.

USA (682) e UK (664) abbiamo il 10 °  e 13 th  rispettivamente quozienti più elevati.

In effetti, i paesi ad alto reddito hanno collettivamente quasi 12 volte più persone impiegate nel settore sanitario rispetto alle nazioni a basso reddito – 580 per 10.000 persone rispetto a solo 49.

Disparità di accesso ai servizi sanitari

È una storia simile quando si osservano professioni sanitarie qualificate (come medici, infermieri e ostetriche) per 10.000 persone. Su 97 paesi con dati disponibili, i primi 10 sono quasi esclusivamente paesi ad alto reddito. Germania, Norvegia, Svizzera, Paesi Bassi e Stati Uniti sono i primi cinque, mentre la Federazione Russa è l’unico paese non ad alto reddito tra i primi 10.

In molti paesi a basso reddito, tuttavia, gran parte della popolazione non ha accesso ai servizi sanitari essenziali a causa della mancanza di operatori sanitari, in particolare nelle zone rurali e remote.

Quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiarò l’epidemia di COVID-19 un’emergenza sanitaria globale, la sua  maggiore preoccupazione  fu la possibilità che il virus si diffondesse in paesi con sistemi sanitari più deboli. In Africa, il numero medio di lavoratori impiegati nel settore sanitario per 10.000 persone è 57. E molte delle nazioni più povere della regione ne hanno molte meno.

L’ARTICOLO PROSEGUE CON TAVOLE DATI ALLA FONTE SU  ILOSTAT

 488 total views,  2 views today