Vai al contenuto

Imparare lezioni dal passato sulle cose che temiamo oggi

Fonte  Equaltimes.org che ringraziamo

di María José Carmona

L'eccesso di informazioni, il numero delle vittime quotidiane, l'impatto devastante di quell'immagine ripetuta di strade deserte aumenta la paura e l'ansia, tanto che le stesse autorità hanno raccomandato di ridurre la dieta delle informazioni.(Roberto Marín)

Gli scaffali furono messi a nudo, saccheggiati per la disperazione. In poche ore, come se fosse un'operazione militare perfettamente coordinata, le scorte di carta igienica si esaurirono in un intero paese. Nessuno poteva crederci. Famiglie di ogni classe sociale avevano iniziato a svuotare i negozi, mosse da una forza irrazionale. Abbandonando ogni senso di decenza, attraversarono le navate come animali affamati.

È successo il 20 dicembre 1973 negli Stati Uniti. Al culmine della crisi petrolifera. La strana coazione degli umani a fare scorta di carta igienica risale a molto tempo fa.

In realtà questo fenomeno, noto come "acquisti di panico", si è ripetuto in ogni grande crisi nel corso della storia. Implica un accaparramento sproporzionato di merci, che si tratti di carta igienica o di qualsiasi altro oggetto - durante l'influenza spagnola l'oggetto del desiderio era Vicks VapoRub - motivato dalla paura, dall'incertezza e dall'insostenibile senso di perdere il controllo.

“Nella vita quotidiana, hai la sensazione di avere il controllo, di poter prendere decisioni. Quando questa percezione viene persa, una delle prime strategie che abbiamo è quella di "fare qualcosa" per recuperarla, qualunque essa sia. Non importa se è intelligente o no. Una delle cose più facili da fare è accumulare beni ”, spiega José Ramón Ubieto, professore di psicologia all'Università Aperta della Catalogna.

Non è, quindi, una risposta logica ma una risposta naturale. "La paura è un'emozione di base che ci prepara ad adattarci alla vita, a rispondere a possibili minacce", afferma Guillermo Fouce, presidente della ONG Psicologia sin Fronteras (Psicologia senza frontiere).

"Ciò che dobbiamo considerare è se quella paura è proporzionata alla minaccia che ci sta di fronte, se viene mantenuta nel tempo e di conseguenza ci esaurisce, se si diffonde ad altri", aggiunge. Perché è in quel momento in cui la paura individuale si trasforma in paura collettiva che il rischio di oltrepassare la linea di ragionevolezza - e quindi prendere decisioni che sono dannose per se stessi e gli altri - è molto maggiore.

Fouce, che ha preso parte alle misure di assistenza psicologica messe in atto durante emergenze come gli attacchi dell'11 marzo del 2004 a Madrid, fa comunque una distinzione tra paura e panico. “Il panico è una risposta irrazionale in cui le persone iniziano a correre ovunque o si congelano. Si verifica solo in due circostanze: quando c'è sovraffollamento o quando c'è fuoco e di solito provoca molte più morti rispetto alla minaccia stessa. "

La crisi scatenata dalla pandemia di COVID-19 non corrisponde, secondo questo esperto, al panico, ma alla paura. Una paura che condivide molte caratteristiche con altri episodi traumatici e imprevedibili del passato come attacchi terroristici, catastrofi naturali e persino altre epidemie come l'influenza A, sebbene abbia anche le sue caratteristiche distintive.

Paura globalizzata

Nel febbraio 2020, il governo cinese ha sviluppato un sondaggio online per testare lo stato di salute mentale del personale medico e della popolazione generale durante la pandemia di COVID-19. I risultati hanno mostrato ciò che era già sospettato: il 44,7 per cento di queste persone ha dichiarato di aver vissuto gravi momenti di stress e il 50,7 per cento ha sofferto di sintomi di ansia.

La paura puramente fisica di ammalarsi, la paura di perdere il più vicino e il più caro, la paura dell'incertezza economica, il disagio causato dal confinamento possono trasformare le persone perfettamente equilibrate in bombe a tempo emotivo .

Nel caso dell'ansia, è un'emozione legata alla paura che è in grado di provocare una reazione anche prima che si verifichi il pericolo, sebbene non vi siano rischi reali. Da qui il link all'acquisto di panico. "Quando gli individui osservano il volo, la difesa o il comportamento protettivo negli altri, tendono ad imitarlo", afferma Antonio Cano Vindel, presidente della Società spagnola per lo studio dell'ansia e dello stress. “È così che accadono le fughe precipitos. È una capacità di risposta simile a quella di altre specie. "

La cosa strana è che, nonostante il fatto che quest'ultima crisi sanitaria stia aumentando i casi di ansia , in realtà vivevamo già in una società ansiosa in sé. Circa 260 milioni di persone nel mondo soffrono abitualmente di questo tipo di disturbo, secondo l' Organizzazione mondiale della sanità (OMS) .

Questo è ciò a cui si riferiva il sociologo tedesco Ulrich Beck quando ha affermato che viviamo in una "società a rischio" . Una società paradossale che, nonostante ci prometta i più alti livelli di sicurezza mai visti, rimane piena di paure e incertezze.

Inoltre, con la globalizzazione, anche le paure sono diventate globali. Il caso del coronavirus è l'esempio più ovvio di come questa paura circoli rapidamente da un paese all'altro. Un "liquido", che cambia la paura, ha detto un altro sociologo (polacco) Zygmunt Bauman: "Nessun muro in grado di trattenerlo è stato ancora inventato. Nel mondo della globalizzazione non c'è posto dove correre. ”

Il senso di shock continuo che permea la vita di tutti i giorni è stato alimentato negli ultimi quattro anni dall'emergere di un altro fattore: l'ascesa del populismo . “Oggi vediamo [Donald] Trump, [Boris] Johnson, [Jair] Bolsonaro. Abbiamo visto come la sfiducia nei leader sia cresciuta in modo esponenziale ", avverte Ubieto." Ora i cittadini diffidano delle istituzioni autorizzate come l'OMS, diffidano dei politici, dei media. Questo è un fattore molto importante. Se aggiungi questa sfiducia a un virus, il risultato è una tripla della paura. "

L'era dell '"infodemia"

La paura ha una propensione al contagio simile a quella di qualsiasi virus. Questo non è un tormentone; ci sono studi che dimostrano questo fatto. La velocità con cui filtra può essere ancora maggiore se si hanno anche potenti acceleratori.

Se la Guerra del Golfo del 1991 fosse la prima "guerra televisiva" dal vivo; e la caduta delle Torri Gemelle nel 2001 fu la prima "tele-tragedia planetaria", la polmonite da coronavirus passerà alla storia per essere stata la prima pandemia trasmessa minuto per minuto con mezzi convenzionali e social network. Precedenti crisi sanitarie come Ebola , SARS o influenza A non hanno mai raggiunto quel flusso costante e istantaneo di informazioni. Fino ad ora non è stato raggiunto ciò che l'OMS definisce " infodemica ".

L'eccesso di informazioni, il numero delle vittime quotidiane, l'impatto devastante di quell'immagine ripetuta di strade deserte aumenta la paura e l'ansia, tanto che le stesse autorità hanno raccomandato di ridurre la dieta delle informazioni.

“L'elaborazione continua delle informazioni tende a sfinirsi. Se anche questa informazione è emotiva, produce emozione e stress. La capacità di pensare, di prendere decisioni può essere influenzata ", afferma Vindel.

Questo delirio di trasparenza informativa può anche essere pericoloso. Nell'era dell'infodemia, le informazioni sono spesso mescolate a voci , è molto difficile distinguere l'una dall'altra. Questo aumenta il clima di sfiducia, ci rende più vulnerabili alle bugie.

“Ci sono sempre state bufale per la salute, ma ora i miti si sono diffusi molto più velocemente. Hai la popolazione in stato di allarme, tutti ipertestuali e confinati nelle loro case. La velocità con cui si diffondono è enorme. È senza precedenti ”, avverte Mateos, coordinatore del progetto Salud sin bulos . (Salute senza bufale).

Le bugie sono mimetizzate all'interno di video ben realizzati, attraverso l'audio di presunti professionisti medici, in documenti con loghi ufficiali manipolati, in meme umoristici. "Soprattutto sono trasmessi da WhatsApp", aggiunge Mateos. "È qui che stiamo assistendo anche a molte teorie della cospirazione."

La "cospiranoia" è un altro fattore frequente nelle situazioni di crisi . Più di un quarto degli americani è convinto che il virus COVID-19 sia stato intenzionalmente sviluppato in un laboratorio . È un modo per dare un senso al caos, per recuperare la sensazione di controllo, fortemente influenzato da decenni di cinema sulle catastrofi e sulle distopie pandemiche .

Non dovrebbe sorprenderci. L'ascesa della fantascienza ha già contribuito nel 1938 agli eventi verificatisi dopo la trasmissione della Guerra dei mondi da parte di Orson Welles. Un chiaro esempio di come la paura collettiva, con un acceleratore abbastanza forte, possa scatenare pericolosamente il panico.

Non siamo dei

Quasi l'intero pianeta condivide le stesse paure. Ciò è stato evidenziato nel 2015 da un sondaggio globale condotto in 40 paesi. I cambiamenti climatici, l'instabilità economica e il terrorismo da parte dello Stato islamico autoproclamato hanno superato quella lista globale di paure mentre la salute non era in nessun luogo visibile. A quel tempo nessuno era preoccupato per questo. Ci credevamo invincibili o come diceva il professore di storia Yuval Noah Harari nel suo saggio sulla rivoluzione tecnologica e le sue promesse di immortalità: ci credevamo divinità.

“Come umani non avevamo più i piedi per terra. Ora abbiamo realizzato qualcosa che avevamo sempre negato: che siamo esseri fragili, limitati e vulnerabili ”, afferma la professoressa di filosofia Ana Carrasco Conde.

Ora che un virus sconosciuto è diventato una minaccia immediata, molto più immediata del riscaldamento globale, siamo più consapevoli del corpo, ma anche dei suoi limiti. La paura della morte, la paura della perdita è stata riaccesa. Anche questo è qualcosa che avevamo dimenticato. “Non sappiamo vivere con la perdita. Oggi, se perdiamo qualcosa, pensiamo che Amazon verrà in soccorso ", afferma Ubieto.

Gli episodi traumatici del passato ci insegnano lezioni importanti. Soprattutto quelle comunità in cui prevale la paura senza limiti finiscono per essere più fragili, o che la paura viene spesso usata come strumento per controllarci e frenare le libertà o creare capri espiatori. Accadde con gli ebrei durante la peste nera .

"Aristotele ha detto della paura che dovevi trovare la via di mezzo tra l'essere sconsiderati e l'essere un codardo", dice Carrasco. “Usa una parola: prudenza, che significa saper prendere la misura delle cose, essere moderato. Per questo dobbiamo mitigare il rumore, fermarci, pensare a ciò che sappiamo per certo, a ciò che è sotto il nostro controllo, non a proiettarci nel futuro. Se gli esseri umani vogliono vivere correttamente, non dobbiamo essere eccessivi, non dobbiamo andare agli estremi. Gli unici che sono eccessivi sono gli dei. "