Vai al contenuto

Editoriale # 63: La sfida sarà vedere qui anche il post-Covid19 di Philippe Pochet , amministratore delegato di ETUI

 

 

Pubblichiamo l'articolo dell'Amministratore delegato di Etui sulle prospettive post-Covid19. Etui è il Centro studi della Confederazione dei Sindacati dei lavoratori europei.

di Philippe Pochet , amministratore delegato di ETUI

È già stato detto e ripetuto: la pandemia di COVID-19 avrà conseguenze significative e durature. Questo editoriale offre un'analisi delle sfide europee e globali. Mira, come tutte le attività di ETUI al momento, a incoraggiare il dibattito e lo scambio di idee sulla crisi e post-crisi.

A livello europeo, i fondamenti dell'integrazione europea sono stati messi in discussione. I pilastri dell'Unione europea sono il mercato unico e la libera circolazione, l'euro e il patto di stabilità e crescita, il diritto della concorrenza e gli aiuti di Stato. Questi tre pilastri sono stati scossi dalla pandemia e saranno sicuramente al centro dei dibattiti futuri.

Per quanto riguarda la libera circolazione, il ritorno alle frontiere interne è ovviamente sorprendente e dimostra che "l'altro" europeo è ancora considerato uno straniero potenzialmente pericoloso come portatore della malattia. Con questo ritorno ai confini, si tratta soprattutto di lasciare il contenimento e riaprire le barriere tutt'altro che chiare. Quando considereremo che possiamo riaprire i confini interni? L'esempio della Cina ci mostra la chiusura del territorio dopo aver dominato la crisi sanitaria. A quale livello accadrà in Europa? Alle frontiere esterne dell'area Schengen o per ciascun paese o piccolo gruppo di paesi (Benelux, paesi baltici, ecc.).

Per quanto riguarda il patto di stabilità e la creazione di un'unione monetaria senza solidarietà o potere politico sovranazionale, le regole sono state modificate e ciò contrasta nettamente con la crisi precedente. Ma la posta in gioco sarà vedere anche qui il post-Covid19. Il finanziamento dei deficit pubblici e dei debiti degli Stati che esploderanno naturalmente può essere fatto in diversi modi. Queste scelte apparentemente tecniche hanno conseguenze molto diverse in termini di impatto fiscale e ovviamente sociale. La scelta della valuta "elicottero", la creazione di Covidbond, l'uso del meccanismo europeo di stabilità (ESM) o altre possibilità saranno pertanto decisivi per il futuro. La precedente crisi non aveva permesso progressi nella gestione politica sovranazionale della moneta unica,

Infine, il rilassamento degli aiuti di Stato e il salvataggio di aziende in difficoltà riconfigureranno ciò che è considerato possibile e legittimo da ciò che è (non era). Gli effetti di questa crisi sull'economia reale saranno lunghi e la normalizzazione europea non avverrà presto, consentendo ancora una volta dibattiti (e scelte) diversi da prima. Il ruolo dello stato nell'economia, sia indirettamente che direttamente, non scomparirà in pochi mesi.

Si sospetta che l'UE post-crisi (se sopravvive) potrebbe avere basi molto diverse. Ma in quale ambiente globale? Qui vedo emergere quattro possibili scenari.

Il primo - e contrariamente a quanto ho scritto prima - è il possibile ritorno all'ortodossia neoliberale. Un po 'come la precedente crisi (2008-2013) dopo una ripresa più o meno ecologica nel 2009, siamo tornati ancora più radicalmente ai fondamentali neoliberisti. Ciò sembra molto meno probabile (ma non escluso) per questa crisi. Inoltre, sembra che abbiamo imparato gli insegnamenti della precedente crisi e la sua cattiva gestione, ed è difficile vedere l'imposizione di una cura di austerità in un anno o due per il settore pubblico.

Il secondo scenario è l'ipotesi cinese (o ungherese): ci dirigeremo verso uno stato più autoritario e controlleremo la popolazione attraverso il progresso dell'intelligenza artificiale, con una limitazione delle libertà (a volte fondamentali) in cambio di un sentimento protezione (del territorio nazionale). Il fatto che questa crisi sanitaria possa essere ricorrente apre la possibilità a più poteri autoritari di affermarsi come garanzia della sicurezza dei cittadini nazionali. Ciò va di pari passo con un frazionamento del mondo e una riduzione degli scambi ("deglobalizzazione") radicale.

Il terzo scenario è quello di un ritorno alla crescita ad ogni costo. La via d'uscita dalla crisi sarebbe attraverso un consumo sfrenato di recupero senza considerazione ecologica. Una sorta di bella epoca bis, una fine della celebrazione mondiale. Ciò avrebbe ovviamente conseguenze positive sugli indicatori convenzionali e ridurrebbe i fallimenti e la disoccupazione a breve / medio termine, ma avrebbe conseguenze importanti a lungo termine. Le richieste di alcuni governi o attori di dimenticare il Green Deal sottolineano la forza di questo scenario.

Infine, c'è lo scenario di un'accelerazione della transizione ecologica e del rapido cambiamento del modello di crescita con il ritorno dei servizi pubblici, dei beni comuni e della solidarietà al centro dell'economia e del sociale. Vediamo anche i suoi semi nella situazione attuale. Ma ciò avverrebbe in una situazione di elevata disoccupazione e una forte crisi economica, che rende questa transizione molto complessa. Ridurre l'orario di lavoro è probabilmente il punto chiave qui.

Ovviamente gli scenari non si escludono a vicenda e possono combinarsi e svilupparsi in parallelo in diverse regioni del mondo in quella che potrebbe diventare la nostra seconda deglobalizzazione (dopo quella dell'inizio del secolo scorso).

Per alimentare questi temi e partecipare ai dibattiti sui contorni del post-crisi, l'ETUI ti fornirà nuovi studi, formazione, newsletter, webinar, blog, podcast, ecc. Al fine di una maggiore giustizia sociale. e il ruolo degli attori sociali collettivi nel plasmare questo futuro.

FONTE ETUI.ORG