Vai al contenuto

Cronache da Berlino ai tempi del coronavirus di Franco Di Giangirolamo (7)

 

Clima vigliacco a Berlin: ancora una giornata estiva e tentatrice. Tuttavia, dopo un fine settimana splendido e a pochi giorni dalle prime restrizioni, la Polizia ha manifestato addirittura la propria sorpresa per la serietà con la quale i cittadini hanno preso l'indicazione di stare a casa anche col bel tempo, Poche violazioni del divieto di raduno per più di 10 persone.e poca gente in giro.
Gli animali, con la primavera perenne e con i parchi vuoti sguazzano a meraviglia e anche lo scoiattolo che vive nel nostro quartierino pare contento di correre liberamente dove gli pare.
Frau Dr. Merkel (così si deve appellare la Cancelliera) è in quarantena volontaria. Ferve il dibattito politico, come ovunque, sul modello bavarese di restrizioni o sul modello più light, così come sulle articolazioni delle misure nei vari Laender.


Si sta sviluppando la rete di solidarietà per le persone più fragili attraverso le piattaforme dei cittadini dei vari kiez (quartieri) e anche con impegni del volontariato organizzato e individuale. Per i figli di persone obbligate a lavorare nei servizi essenziali alcune scuole restano aperte e così anche l'assistenza a bambini con difficoltà motorie, ritardi gravi di apprendimento, etc. etc.
Considerato il basso numero dei ricoveri finora registrati a Berlino, si può dire che sotto pressione si trovano molto di più i medici di base che quelli ospedalieri che, viceversa sono impegnati nel ristrutturare il sistema su tre livelli. Primo livello (ECMO Zentrum)per pazienti con gravi problemi polmonari e cardiaci presso Ospedale della Charitè, Secondo livello clinico in una rete di sei ospedali che si occuperanno di terapia intensiva. Negli ultimi 7 giorni, i contagiati sono passati da 332 a 1071, apparentemente una crescita lenta e non fortemente progressiva, ma il dato è ingannevole, come tutti sanno, dopo il duro allenamento sulle scale logaritmiche fatto in questi giorni. Ci vorranno almeno altre due settimane per verificare gli effetti dei "bagordi" che erano normali fino a 10 giorni fa. Per la Pasqua che si avvicina potrebbe essere una sorpresa molto poco piacevole.
Bleiben Sie Gesund!!!