Vai al contenuto

Cosa fa il sindacato inglese per i lavoratori contagiati da COVID-19 ( Coronavirus_)

  • Quasi 2 milioni di lavoratori non possono beneficiare di indennità di malattia previste dalla legge, incluso un terzo dei lavoratori con contratto a zero ore
  • Il TUC chiede una legislazione di emergenza che preveda la retribuzione per malattia di tutti i lavoratori sin dal primo giorno di malattia, indipendentemente da quanto guadagnano

Il TUC chiede al governo di rispondere all'epidemia di COVID-19 fornendo supporto di emergenza a milioni di lavoratori del Regno Unito che attualmente stanno perdendo la legge Sick Pay (SSP).

In una lettera a Matt Hancock e Thérèse Coffey, il segretario generale della TUC, Frances O'Grady, avverte che una fornitura inadeguata di retribuzione per malattia potrebbe impedire alle persone di farsi carico dei consigli sulla salute pubblica, dal momento che molti lavoratori faranno fatica a sostenere i costi di vita di base se non possono andare al lavoro per un periodo prolungato.

Di conseguenza, alcuni potrebbero pensare di non avere altra scelta se non quella di andare a lavorare malati o contro i consigli del governo.

Attualmente, quasi 2 milioni dei lavoratori meno retribuiti non guadagnano abbastanza per beneficiare della retribuzione per malattia. Secondo l'analisi TUC questo include:

  • 34% dei lavoratori con contratto a zero ore
  • 1 donna su 10 al lavoro
  • Più di un quinto (22%) dei lavoratori di età compresa tra 16 e 24 anni
  • Più di un quarto (26%) dei lavoratori di età pari o superiore a 65 anni, identificato dal governo come uno dei gruppi più vulnerabili al virus

Per affrontare il problema, il TUC chiede al governo di introdurre un pacchetto di sostegno di emergenza per i lavoratori colpiti dal virus, tra cui:

  • Legislazione di emergenza per garantire la copertura legale della retribuzione per malattia a tutti i lavoratori dal primo giorno di malattia, indipendentemente da quanto guadagnano.
  • Un aumento dell'ammontare della retribuzione per malattia all'equivalente del salario nazionale
  • Un requisito che coloro che chiedono al proprio datore di lavoro di autoisolarsi per motivi di salute pubblica rimangono pagati integralmente.
  • Un fondo di emergenza per aiutare i datori di lavoro a sostenere i costi e per coprire i lavoratori che al momento non sono ammissibili a indennità di malattia.

La segretaria generale della TUC, Frances O'Grady, ha dichiarato:

“Vogliamo tutti che le persone seguano i consigli sanitari del governo. Nessuno dovrebbe essere fuori di tasca per fare la cosa giusta.

“Ma così com'è, molte persone non saranno in grado di sostenere i costi di vita di base se rimangono a casa dal lavoro.

“Questa è una scelta impossibile che ha serie implicazioni per tutti noi. La soluzione più giusta e più semplice è riformare immediatamente la legislazione sulla retribuzione per malattia in modo da coprire tutti i lavoratori a un ritmo decente.

"È il modo sensato di fornire alle famiglie che lavorano la sicurezza di cui hanno bisogno e di proteggere la salute pubblica".

ENDS

Note per i redattori:
- Una petizione TUC che chiede a tutti i lavoratori di ottenere una retribuzione per malattia dal primo giorno ha raccolto più di 10.000 firme.

- I consigli del governo emessi oggi (martedì) suggeriscono che fino a un quinto della forza lavoro potrebbe essere ammalato durante il picco di un'epidemia di coronavirus: https://www.gov.uk/government/publications/coronavirus-action-plan

- I dati sui lavoratori non ammissibili per la retribuzione legale per malattia provengono dal 3 ° trimestre 2019 ONS. I dati sui lavoratori a zero ore provengono da ONS 2019 Q2 (gli ultimi dati disponibili che mostrano i redditi dei lavoratori con contratti a zero ore).

- La segretaria generale della TUC, Frances O'Grady, ha scritto oggi ai segretari di Stato per la salute, il lavoro e le pensioni.

La sua lettera completa recita:

Caro Segretario di Stato,

Stiamo scrivendo per chiedere al governo di introdurre un supporto di emergenza per i milioni di lavoratori del Regno Unito che attualmente stanno perdendo la legge Sick Pay (SSP). Riteniamo che questo sia un passo fondamentale per garantire che i lavoratori siano in grado di rispettare i consigli sulla salute pubblica forniti dal governo.

Altri casi di COVID-19 - ampiamente indicati come coronavirus - sono stati confermati nel Regno Unito, poiché il Dipartimento della Salute avverte che è altamente probabile che la diffusione possa aumentare significativamente. I piani del governo indicano che fino a un quinto della forza lavoro potrebbe essere senza lavoro durante il picco dell'epidemia.

Il governo ha confermato che qualsiasi lavoratore che deve andare in autoisolamento, in quarantena o che si ammala di sintomi avrà diritto a SSP.

Poiché al momento quasi due milioni di lavoratori nel Regno Unito non guadagnano abbastanza per beneficiare della retribuzione per malattia, molti potrebbero trovarsi in difficoltà per sbarcare il lunario. Anche per coloro che sono ammissibili, il pagamento è ancora troppo basso a soli £ 94,25 a settimana. E i lavoratori al momento devono essere ammalati per quattro o più giorni consecutivi per ricevere qualsiasi SSP.

Queste disposizioni, se non migliorate, possono portare i lavoratori a non prendersi il tempo libero appropriato, sia in auto-isolamento per prevenire l'infezione, sia quando si ammalano sinceramente per evitare una perdita finanziaria. Questa è una scelta impossibile che ha serie implicazioni per tutti noi.

I lavoratori che sono attualmente esclusi dal provider di servizi condivisi perché non soddisfano la soglia di guadagno includono:

• 34 per cento dei lavoratori con contratto a zero ore

• 1 donna su 10 al lavoro

• 62 per cento dei lavoratori di età compresa tra 16 e 24 anni e oltre la metà dei lavoratori di età pari o superiore a 65 anni.

Mentre l'attuale emergenza sanitaria ha portato questo problema in primo piano nel dibattito pubblico, riteniamo che la risposta più giusta e più semplice sia riformare il SSP al fine di affrontare la disparità esistente nella fornitura di SSP e garantire una copertura universale per tutti i lavoratori, indipendentemente da quanto guadagnano.

Il governo ha confermato che potrebbe essere necessaria una legislazione di emergenza per consentire misure per contenere il virus. Riteniamo che il governo dovrebbe anche mettere insieme un supporto di emergenza per i lavoratori che devono affrontare la minaccia del virus che includerebbe:

• Legislazione di emergenza per garantire la copertura universale del SSP per tutti i lavoratori

• Un fondo di emergenza per assistere i datori di lavoro con i relativi costi e fornire supporto a quei lavoratori che attualmente non riceveranno SSP.

La legislazione di emergenza sulla SSP dovrebbe essere emanata per:

• Rimuovere i tempi di attesa correnti per assicurarsi che il provider di servizi condivisi sia disponibile dal primo giorno di assenza

• Rimuovere la soglia di guadagno inferiore per garantire che tutti abbiano diritto a SSP indipendentemente da quanto guadagnano

• Aumentare la tariffa settimanale del SSP all'equivalente della retribuzione di una settimana al salario reale.

Il governo dovrebbe anche adottare misure specifiche nel contesto del coronavirus per:

• Garantire che i lavoratori che sono stati richiesti dal loro datore di lavoro per autoisolarsi siano trattati come al lavoro e quindi ricevano una retribuzione completa.

• Garantire che i lavoratori che hanno ricevuto consulenza sanitaria per autoisolarsi siano trattati come malati ai fini della retribuzione per malattia contrattuale o legale, inclusa l'adozione di misure per garantire che tali lavoratori possano ricevere una nota di idoneità laddove richiesto.

Dato il potenziale di questa rapida crisi sanitaria, saremmo lieti di un'azione rapida e decisiva da parte del vostro governo al fine di fornire la sicurezza e la sicurezza a cui tutti i lavoratori dovrebbero avere diritto.

Saluti,

Frances O'Grady

Segretario generale

- Il Trades Union Congress (TUC) esiste per rendere il mondo del lavoro un posto migliore per tutti. Riuniamo oltre 5,5 milioni di lavoratori che compongono i nostri 48 sindacati membri. Supportiamo i sindacati a crescere e prosperare e difendiamo tutti coloro che lavorano per vivere.