Vai al contenuto

Focolaio di coronavirus: briefing di orientamento per l’azione del Sindacato globale dei lavoratori della Funzione Pubblica.

 

FONTE : SERVIZI PUBBLICI INTERNAZIONALI
La federazione sindacale globale dei lavoratori nei servizi pubblici

Articolo pubblicato sul sito di SPI il 17 febbraio 2020

L'epidemia di coronavirus (COVID-19) si è diffusa dalla Cina a due dozzine di paesi in meno di due mesi. Ci sono state decine di migliaia di casi confermati e oltre mille morti. Questa epidemia presenta un rischio professionale per i lavoratori del settore pubblico che possono essere esposti al virus nel corso del loro lavoro. Venuta dopo anni di tagli e finanziamenti inadeguati dei sistemi di sanità pubblica, rappresenta in particolare un rischio significativo per la sicurezza e la salute sul lavoro per gli operatori sanitari e le loro famiglie in tutto il mondo.

Precedenti focolai di malattie trasmissibili altamente infettive hanno dimostrato che i risultati di salute pubblica sono significativamente migliorati quando i diritti del lavoro sono rispettati e i sindacati sono in grado di rappresentare efficacemente i lavoratori esposti e potenzialmente esposti alla malattia.

Aumentano i rischi per la salute pubblica: quando i lavoratori non sono in grado di agire collettivamente per affrontare i rischi per la sicurezza e la salute sul lavoro; quando non sono forniti dispositivi di protezione individuale (DPI) completi e adeguati a tutti i lavoratori che potrebbero entrare in contatto con persone infette; quando ai lavoratori non viene concesso un congedo per malattia adeguato; quando i lavoratori non saranno pagati se si mettono in quarantena volontariamente, e; quando i governi e i datori di lavoro rifiutano di attuare il principio di precauzione, non riescono a fornire informazioni trasparenti e dettagliate sullo stato del virus e dei rischi e quando i governi e i datori di lavoro non coinvolgono i rappresentanti dei lavoratori nello sviluppo della sicurezza e della salute sul lavoro e delle politiche di sanità pubblica.

Prendere l'iniziativa

La prevenzione e il controllo efficaci delle infezioni sono fondamentali per salvaguardare la sicurezza sul lavoro nel settore sanitario. Governi e datori di lavoro hanno la responsabilità di assicurarsi che tutte le misure e le procedure preventive e protettive necessarie siano messe in atto. E noi lavoratori siamo tenuti a seguire le procedure di sicurezza e salute sul lavoro stabilite e utilizzare i protocolli forniti.

Il rispetto dei diritti sindacali e del lavoro deve essere un elemento centrale di risposta allo scoppio di COVID-19 in tutti i paesi. Ciò è importante per i lavoratori in grado di difendersi dall'attuazione inequivocabile di misure esplicite di prevenzione e controllo delle infezioni ed essere in grado di ritirare i loro servizi quando i governi e i datori di lavoro privati ​​non adottano le misure necessarie per salvaguardare la sicurezza e la salute sul lavoro dei lavoratori.

Gli affiliati al PSI hanno preso provvedimenti per proteggere i propri membri. Loro hanno; ha promosso consigli generali , pubblicato bollettini educativi , ha incoraggiato i membri a rimanere informati , ha fornito linee guida cliniche e fornito informazioni per diversi quadri di operatori sanitari e consigli sull'uso di attrezzature personali preventive .

I sindacati hanno anche negoziato accordi collettivi che consentono ai lavoratori interessati di ricevere un congedo speciale retribuito a Victoria, in Australia. E a Hong Kong, l'Alleanza dei dipendenti sanitari di Hong Kong ha intrapreso uno sciopero per chiedere l'istituzione di adeguate misure di salute e sicurezza, con il sostegno solidale del PSI.

Il PSI continuerà a facilitare lo scambio di informazioni ed esperienze dei sindacati. E daremo la massima priorità alla solidarietà con i lavoratori in cui devono lottare per garantire che le loro preoccupazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro vengano affrontate in modo diretto.

PUBLIC SERVICES INTERNATIONAL SUPPORTERÀ I NOSTRI AFFILIATI IN TUTTO IL MONDO PER:

  • Presentare misure per salvaguardare l'occupazione e le condizioni di lavoro dei lavoratori nella risposta COVID-19, per la contrattazione collettiva
  • Esorta i governi a:
    • incontrare i rappresentanti dei sindacati e in particolare dei sindacati che rappresentano i lavoratori che possono essere esposti al virus nel corso del loro lavoro, compresi gli operatori sanitari e i lavoratori nelle strutture sanitarie, i lavoratori dei servizi di emergenza, i lavoratori negli aeroporti, le compagnie aeree e il controllo delle frontiere, i lavoratori alberghieri e i lavoratori negli spazi pubblici;
    • riconoscere che COVID-19 costituisce una minaccia per la sicurezza e la salute sul lavoro e che i governi e i datori di lavoro devono rispettare tutti gli obblighi dettagliati nelle Convenzioni ILO 155 , 187 e 161 , nonché nelle Raccomandazioni ILO 194 , 197 e 171 e Protocollo alla Convenzione 155 ;
    • fornire dispositivi di protezione individuale (DPI) completi a qualsiasi lavoratore che possa entrare in contatto con persone infette o chiunque provenga da un'area infetta e fornire DPI adeguati a tutti i lavoratori che lavorano in aree pubbliche o molto frequentate;
    • rispettare il diritto dei lavoratori di scegliere di non lavorare quando la loro salute e sicurezza possono essere a rischio o quando i lavoratori o le loro famiglie hanno problemi di salute sottostanti che potrebbero essere aggravati dal virus;
    • garantire che qualsiasi lavoratore, compresi i lavoratori del settore informale, i lavoratori occasionali o in subappalto, non subisca alcuna perdita di salari o condizioni durante qualsiasi periodo di quarantena;
    • fornire informazioni trasparenti e tempestive ai lavoratori e ai loro sindacati sul numero e sulla localizzazione delle infezioni e le informazioni più aggiornate sulla malattia;
    • fornire vaccinazioni antinfluenzali gratuite a tutti i lavoratori che entrano in contatto con il pubblico;
    • aumentare i fondi per i servizi di sanità pubblica, compresa la ricerca sulla salute pubblica delle malattie infettive.

[1] Ciò non pregiudica la nostra preoccupazione condivisa, sollevata dal Global Nurses United che la guida dell'OMS sulla prevenzione e il controllo delle infezioni per COVID-19 (che è stata adattata dalle sue precedenti linee guida sul MERS-CoV) potrebbe non proteggere adeguatamente gli operatori sanitari .