Vai al contenuto

Russia: le violazioni delle norme in materia di sicurezza sul lavoro hanno causato la morte di un operaio edile


Segnaliamo questa notizia pubblicata dal sito del Sindacato internazionale  BWI Building and Wood Workers 'International

La questione della sicurezza sul lavoro, in particolare nel settore delle costruzioni è un problema globale che non conosce confini e frontiere.  Solo la cooperazione e la ricerca internazionale possono migliorare le tecnologie , le pratiche e le norme  in uso  per la sicurezza. Editor


 

 

Il 31 gennaio 2020, durante lo smantellamento del complesso sportivo e concertistico (SCC) di San Pietroburgo, un lavoratore è stato ucciso a causa di gravi violazioni delle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

L'arena SCC è stata costruita quarant'anni fa ed è diventata una parte storica del paesaggio del quartiere. Tuttavia, l'anno scorso, disprezza le proteste pubbliche, il governo di San Pietroburgo ha deciso di distruggere l'arena e costruire la più grande arena di hockey su ghiaccio in Europa entro il 2023.

Il processo di demolizione di SCC è stato pianificato in modo affrettato, non con attenzione, con il coinvolgimento di numerosi subappaltatori. Secondo le indagini dello stato il giorno del crollo dell'arena, sul posto erano presenti quattro operai. Le autorità statali non hanno fornito dettagli su quale società fosse responsabile.

Uno degli operai ha messo una videocamera sul suo casco per filmare l'organizzazione del lavoro. Quando gli esperti di salute e sicurezza sul lavoro hanno visto il video, hanno riconosciuto che i processi tecnologici non sono stati utilizzati correttamente e che le norme di salute e sicurezza sul lavoro sono state gravemente violate.

Secondo gli esperti, è responsabilità dell'azienda organizzare il lavoro di smantellamento. Hanno citato il fatto che i lavoratori sono stati inviati sul tetto senza attrezzature adeguate e con procedure errate per svolgere il lavoro.

Di conseguenza, l'arena sportiva è crollata e un lavoratore è morto. Era un lavoratore di 29 anni di Petrozavodsk (una città nella parte settentrionale della Russia). Il governo di San Pietroburgo ha promesso di indagare sul caso e di pagare un risarcimento alla famiglia del lavoratore.

“I lavori di costruzione o lo smantellamento di edifici possono essere molto pericolosi se le norme di salute e sicurezza sul lavoro non vengono rispettate, non le abbiamo inventate per infastidire i lavoratori o le aziende, ma per proteggere le persone. Questo è al centro del nostro lavoro di unione. Le condizioni sono particolarmente pericolose se il lavoro è affrettato. Quando le persone sono costrette a lavorare in condizioni non sicure, le tragedie sono inevitabili ", ha affermato Coen van der Veer, rappresentante regionale europea della BWI

“Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia del lavoratore deceduto a San Pietroburgo. Non ci saranno mai compensi che ripristinano una vita persa o ti aiutano a ricrescere un arto perduto. Le misure precauzionali sono essenziali perché un lavoro sicuro nell'edilizia è un problema di salvataggio ", ha concluso Coen.  In reazione alla tragica morte, il segretario generale della BWI Ambet Yuson ha dichiarato: “Ogni giorno, in tutte le regioni del mondo, i lavoratori muoiono a causa di incidenti evitabili. Di alcuni, ne abbiamo sentito parlare, come questo. Molti di loro sono invisibili al pubblico. Questo è un drammatico esempio di morte che è particolarmente deplorevole perché coinvolge gli sport, che sono destinati a essere celebrazioni della vita e perché non è necessario. Gli edifici dovrebbero essere basati e costruiti sul lavoro e sulle capacità degli esseri umani, non sulla loro carne e ossa. "