Vai al contenuto

France Télécom: confermata la condanna per molestie istituzionali

FONTE  ETUI

France Telecom

Il 20 dicembre 2019, il tribunale penale di Parigi ha giudicato France Télécom e i suoi ex alti dirigenti colpevoli di molestie istituzionali.

  • Newsletter : iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti mensili direttamente via e-mail

Questa è stata la prima volta al mondo che i principali dirigenti di una grande azienda hanno subito accuse penali a seguito di suicidi sul lavoro. Il procedimento si è svolto tra il 6 maggio e l'11 luglio 2019, con 41 audizioni tenute presso il tribunale di Parigi. La denuncia iniziale è stata presentata dal sindacato Sud PTT il 14 settembre 2009. Un'indagine approfondita da parte degli ispettori del lavoro ha dato luogo a un rapporto compilato dai magistrati esaminatori, Brigitte Jolivet ed Emmanuelle Robin . Ciò ha analizzato in dettaglio 39 casi di dipendenti molestati, 19 dei quali si sono suicidati.

Nella sentenza del 20 dicembre 2019, il tribunale penale di Parigi ha condannato France Télécom alla multa massima di 75.000 euro, riconoscendo che le molestie istituzionali si erano estese dalla cima all'intera società nel 2007-2008. I tre ex dirigenti della France Télécom - Didier Lombard , ex amministratore delegato, Louis-Pierre Wenè , suo ex vice, e Olivier Barberot , ex direttore delle risorse umane - sono stati giudicati colpevoli di "molestie istituzionali" e condannati a un anno di reclusione (8 mesi di cui sono stati sospesi), oltre ad essere multato per 15.000 euro. Sono stati tuttavia assolti per il periodo 2008-2010. Gli altri imputati sono stati giudicati colpevoli di complicità per le molestie. Questa è la prima volta che un tribunale riconosce la nozione di "molestie istituzionali".

“Per Solidaires, il sindacato che ha avviato un procedimento civile, la questione chiave in questo caso non era di risarcimento o danno, ma di condanna di pratiche mortali. Dobbiamo farli bandire, come è accaduto diversi anni fa con l'amianto. Ciò che è accaduto allora in questa società e ciò che continua ad accadere altrove è qualcosa che riguarda l'intero mondo del lavoro. Deve finire. La sentenza pronunciata oggi costituisce una pietra miliare nella lotta contro le pratiche mortali del capitalismo ”, ha affermato il sindacato in un comunicato stampa.

Riferimenti: