Vai al contenuto

Il settore delle energie rinnovabili può “superare” il test ambientale, ma per quanto riguarda il lavoro e i diritti umani?

 

Nota di Editor: segnaliamo e riproduciamo questo articolo perché testimonia della complessità  da tenere in considerazione quando si sceglie di intervenire sull'ambiente anche per migliorare. I grandi impianti eolici  insediati per ridurre il consumo di combustibili fossili come nel caso descritto nell'articolo possono diventare fattori devastanti  le condizioni di vita e le relazioni sociali  di comunità locali. Le innovazioni debbono essere progettate con un adeguato risk assesment preventivo anche per quanto riguarda il rispetto dei diritti della comunità locali. Ad esempio molti progetti per portare energia tramite pannelli fotovoltaici in isolati villaggi dell'Africa centrale possono apparire una missione benefica e progressista. Tutta via se non si progetta preventivamente una copertura poliennale di manutenzione degli impianti , di formazione di personale locale per la gestione, manutenzione e riparazione questi progetti producono impianti che si trasformano in relitti inquinanti. Di fatto, esauriti i finanziamenti dell'Unione Europea o di altre istituzioni internazionali, dopo due o tre anni quelle comunità ripiomberanno nel buio  con l'aggravio dell'inquinamento delle batterie esaurite da smaltire. Per questi motivi questo articolo rappresenta un riferimento importante.

La fonte dell'articolo : Equaltimes.org  

Ringraziamo Equaltimes e l' Autrice dell'articolo : María José Carmona

I principi guida delle Nazioni Unite affermano chiaramente che tutte le società hanno la responsabilità di garantire il rispetto dei diritti umani lungo tutta la catena di approvvigionamento. Pertanto, la stessa trasparenza che sta iniziando a essere richiesta dalle industrie tessili o tecnologiche nei confronti dei suoi fornitori dovrebbe essere richiesta allo stesso modo dalle energie rinnovabili. Nella foto, un parco eolico in Messico. (Alberto Mataran)

La mattina in cui Josefa Sánchez e i suoi vicini trovarono i primi uccelli morti che seppero immediatamente che era di cattivo auspicio. Era l'inizio del 2000 e da allora l'intera comunità, situata sull'Istmo di Tehuantepec nel sud del Messico, sapeva perfettamente chi fosse il colpevole: l'enorme foresta d'acciaio che cresceva intorno a loro e rappresentava una minaccia per il loro modo di vita.

Con venti fino a 30 e 40 chilometri l'ora per almeno i due terzi dell'anno, l'Istmo di Tehuantepec è diventato l'El Dorado dell'energia eolica. Questa regione indigena per la pesca rurale diventerà il più grande corridoio eolico dell'America Latina con 5000 turbine eoliche alte 80 metri, di cui 2.129 sono già state costruite. Questa vittoria per l'ambiente è una sconfitta per la comunità locale, i cui diritti sono stati ignorati.

Fin dall'inizio, le turbine eoliche sono state installate senza il loro consenso, in violazione dei diritti degli indigeni secondo la Convenzione 169 dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). E la morte degli uccelli non è stata la conseguenza più grave: la costruzione del mega parco eolico ha aumento della disuguaglianza nell'area e frattura della comunità.

“La maggior parte del territorio è comunale, il che significa che l'assemblea è responsabile per prendere decisioni riguardo a questa terra. Questo status legale dura da oltre un secolo, ma le aziende non lo hanno rispettato. Hanno stipulato contratti con piccoli proprietari terrieri e corrotti leader locali, il che ha dato origine a conflitti interni. Attualmente stiamo vivendo livelli di violenza che non vediamo da anni ", afferma Sánchez, uno dei leader del movimento cittadino che da anni si è pronunciato contro questa presa di terra in nome di uno sviluppo sostenibile che non ha nemmeno soddisfare le esigenze energetiche dei suoi vicini. Quasi tutta l'elettricità prodotta dalle turbine viene fornita a società straniere, tra cui Walmart, con sede negli Stati Uniti.

"Queste aziende pubblicizzano le loro credenziali ecologiche, il che ha reso difficile parlare contro questi megaprogetti", spiega Sánchez. Il suo non è l'unico caso : nella transizione energetica urgente e necessaria, il lavoro e i diritti umani vengono trascurati in tutto il mondo. Le compagnie di energia rinnovabile stanno ripetendo le stesse pratiche commerciali per le quali è stata criticata l'industria dei combustibili fossili - pratiche che sono ben lungi dall'essere pulite.

E i diritti umani?

Secondo l'Agenzia internazionale dell'energia (AIE), la capacità globale rinnovabile dovrebbe aumentare del 50% , o 1200 GW, tra il 2019 e il 2024, grazie soprattutto all'espansione del solare fotovoltaico e dell'energia eolica. L'industria dell'energia verde sta accelerando a causa della necessità di abbreviare i tempi di fronte alla sfida climatica e raggiungere l'obiettivo di zero emissioni di CO₂ entro il 2050.

Tuttavia, come ha sottolineato il Centro di ricerca sulle imprese e sui diritti umani (BHRRC) , questa rapida accelerazione viene spesso a spese delle comunità più fragili. Negli ultimi 15 anni, l'organizzazione internazionale ha ricevuto circa 150 denunce legate a progetti sostenibili. "Le energie rinnovabili sono essenziali per la nostra transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio, ma le politiche e le pratiche sui diritti umani delle aziende non sono ancora abbastanza forti", avverte il centro.
La maggior parte degli abusi si verificano nell'America centrale e meridionale, nell'Africa orientale e nel sud-est asiatico (sebbene esistano anche casi in Europa e negli Stati Uniti) e includano la confisca e la contaminazione del territorio, la violazione del diritto alla consultazione, la violazione dei diritti del lavoro come la contrattazione collettiva e condizioni di lavoro non sicure, nonché minacce intimidazione e violenza contro gli avversari.

Le energie rinnovabili si collocano come il terzo settore più pericoloso per le persone che difendono la loro terra, dietro solo alle miniere e all'industria agroalimentare. Un esempio particolarmente violento è l'assassinio dell'attivista Berta Cáceres nel 2016 per essersi opposto a un progetto idroelettrico in Honduras.

Le aziende di energia verde predicano rispetto e responsabilità ambientale ma spesso non applicano lo stesso alle persone . "Il problema con questi megaprogetti è che le grandi aziende sono alla ricerca di risorse come sempre: trovare posizioni economiche che possono controllare e mantenere un elevato livello di consumo", afferma Alberto Matarán, professore di Urbanistica e gestione del territorio presso l'Università di Granada in Spagna.

Secondo il professor Matarán, l'industria delle energie rinnovabili è sempre più concentrata nelle mani di pochi. Nel settore dell'energia eolica, ad esempio, solo cinque produttori di turbine eoliche rappresentano oltre la metà della quota di mercato globale: Vestas (Danimarca), GE (Stati Uniti), Siemens Gamesa (Germania e Spagna), Goldwind (Cina) ed Envision (Cina). Allo stesso tempo, i lavoratori sono sempre più concentrati negli stessi paesi. Degli 11 milioni di "posti di lavoro verdi" creati nel 2018 , quattro milioni erano in Cina, che ha quasi il monopolio sulla costruzione di pannelli solari e rappresenta la metà dei posti di lavoro legati all'energia eolica.

Dall'altro lato di questa tendenza c'è l'Europa, dove alcune aziende hanno iniziato a trasferire parte della loro produzione per diventare più competitivi, lasciando sempre più dipendenti verdi orfani, come nel caso di Vestas in Spagna.

Nel 2019, la multinazionale dell'energia eolica ha chiuso il suo impianto di produzione di turbine a Villadangos del Páramo, nella provincia di León, per spostare la produzione nei paesi emergenti dopo aver beneficiato di un sussidio europeo di 12,5 milioni di euro. “Stiamo parlando di 362 lavoratori impiegati permanentemente nello stabilimento e di circa 2000 lavoratori impiegati direttamente o indirettamente. L'impatto è stato significativo ", afferma Gonzalo Diaz, segretario del sindacato CCOO nella regione.

Dopo mesi di mobilitazione e lunghi negoziati , la forza lavoro Vestas è stata rilevata da un'altra società del settore siderurgico. Diaz insiste sul fatto che tali operazioni "non particolarmente pulite" non dovrebbero essere consentite. "Queste pratiche hanno dimostrato di essere speculative. L'Europa deve mettere in atto misure e richiedere un impegno da parte di queste aziende che vada oltre l'ambiente. ”Altrimenti, avvertono i sindacati, l'obiettivo di una giusta transizione inclusa nell'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici sarà messo a rischio. Se le compagnie energetiche rinnovabili rappresentano la principale speranza per il trasferimento dei lavoratori dal carbone e da altre energie sporche, cosa accadrà se lasceranno?

A partire dalla fonte

Forse il lato meno visibile della transizione energetica è l'origine dei materiali attualmente utilizzati per costruire pannelli solari, turbine eoliche, batterie per auto elettriche. Da dove provengono questi materiali?

Negli ultimi anni la domanda di minerali come litio, cobalto, rame e nichel è aumentata con la crescita del settore delle energie rinnovabili e, in molti casi, i modi in cui queste materie prime sono ottenute sono altamente discutibili. “Un caso sorprendente è il cobalto necessario per costruire le batterie. Il 60% del cobalto mondiale è prodotto in condizioni non etiche in Congo, dove vi sono alti livelli di estrazione artigianale e lavoro minorile ", spiega Helios Escalante, geografo e membro di Ecologistas en Acción . In effetti, cinque delle più grandi aziende tecnologiche del mondo stanno attualmente affrontando un'azione legale per la loro presunta complicità nella morte di bambini minatori nella Repubblica Democratica del Congo.

Un altro aspetto preoccupante sono i cosiddetti elementi delle terre rare, un gruppo di 17 elementi che sono molto difficili da estrarre e vengono utilizzati per fabbricare prodotti come telefoni, turbine eoliche e veicoli elettrici.

La maggior parte di questi minerali proviene da miniere della Cina settentrionale e della Mongolia, dove manca un'adeguata protezione ambientale. “Gli acidi sono usati per separare gli elementi. Questi residui si accumulano quindi in pozze che fuoriescono nelle falde acquifere ", afferma Escalante. Ciò spiega l' alto tasso di malattie nei villaggi circostanti.

Principi guida delle Nazioni Unite affermano chiaramente che tutte le società hanno la responsabilità di garantire il rispetto dei diritti umani in tutte le loro catene di approvvigionamento. Per questo motivo, la stessa trasparenza che sta iniziando a essere richiesta alle industrie tessili e tecnologiche nei confronti dei loro fornitori dovrebbe essere richiesta allo stesso modo al settore delle energie rinnovabili.

Al momento, solo poche aziende hanno assunto impegni volontari, come l'accordo sui diritti umani e il lavoro sostenibile che Siemens Gamesa ha firmato con la federazione sindacale IndustriALL Global Union. Attualmente è l'unica azienda del settore a firmare il documento.

Il BHRRC invita le multinazionali verdi ad adottare ferme politiche in materia di diritti umani e impegnarsi in rigorosi processi di consultazione, rispettare il possesso della terra e i diritti delle popolazioni indigene e condividere i benefici dello sviluppo rinnovabile con le comunità locali, sia per il bene di queste comunità come oltre che per la propria reputazione.

"Il rallentamento dell'implementazione delle energie rinnovabili non è fattibile perché stiamo esaurendo il tempo", afferma María Prado, responsabile della transizione energetica di Greenpeace. “Ma ovviamente avere fretta non è in contrasto con il fare le cose nel modo giusto. È fondamentale che queste società abbiano criteri di dovuta diligenza. Devono essere responsabili delle loro attività e del loro impatto ".

Secondo l'OIL, lo sviluppo sostenibile comprende tre dimensioni: economica, sociale e ambientale. Una società che si definisce "sostenibile" dovrebbe soddisfare pienamente questi tre requisiti . Come afferma Sánchez: "La transizione energetica non dovrebbe mai comportare lo sterminio di un villaggio".