Vai al contenuto

Le proteste del Black Friday in tutta Europa richiedono che Amazon ‘inizi a trattare i lavoratori come esseri umani, non robot’

Visualizza l'immagine su Twitter

Le proteste del Black Friday in tutta Europa richiedono che Amazon 'inizi a trattare i lavoratori come esseri umani, non robot'
"I lavoratori si rompono le ossa, vengono fatti cadere incoscienti e portati via in ambulanza."
di Jake Johnson, scrittore dello staff

Attivisti per i diritti dei lavoratori e attivisti per il clima in tutta Europa hanno approfittato dell'occasione del Black Friday, la giornata di shopping più trafficata dell'anno, per attirare l'attenzione e protestare contro le " spaventose " condizioni di lavoro, i vantaggi irrisori e le pratiche ambientali distruttive di Amazon .

"I lavoratori si rompono le ossa, svengono e vengono portati via in ambulanza", ha dichiarato Mick Rix, funzionario nazionale dell'Unione GMB, che venerdì ha organizzato dimostrazioni nei magazzini di Amazon in tutto il Regno Unito.

"Amazon ha speso una fortuna in soffici annunci pubblicitari dicendo che è un posto fantastico dove lavorare", ha aggiunto Rix. "Perché non spendere soldi per rendere i loro magazzini luoghi meno pericolosi in cui lavorare? I lavoratori di Amazon vogliono che Jeff Bezos sappia che sono persone, non robot."

GMB ha affermato che i dipendenti Amazon in sedi in tutto il Regno Unito hanno riferito di aver negato le pause del bagno, sono stati penalizzati per aver preso giorni di malattia e sono stati costretti a lavorare a un ritmo pericoloso per raggiungere gli obiettivi di produttività del colosso al dettaglio.

"I membri del GMB dichiarano che gli obiettivi sono così orribili da dover usare bottiglie di plastica per urinare invece di andare in bagno, e le donne incinte sono state costrette a rimanere in piedi per ore e ore", ha affermato il sindacato in una nota.
L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE COMMONDREAMS