Vai al contenuto

Cina. L’esplosione della miniera di carbone dello Shanxi lascia 15 morti e nove feriti

FONTE  CHINA LABOUR BULLETTIN 

Un'esplosione di gas in una miniera di carbone nella provincia cinese settentrionale dello Shanxi nel pomeriggio del 18 novembre ha ucciso 15 minatori e ferito altri nove , secondo quanto riportato dai media ufficiali cinesi.

C'erano 35 minatori che lavoravano sottoterra nella miniera nella contea di Pingyao al momento dell'esplosione e tutti sono stati presi in considerazione. I lavori di salvataggio sono stati conclusi e la causa dell'incidente è ora sotto inchiesta.

resoconti dei media oggi affermano che l'operatore minerario era stato "accecato dall'avidità" (利欲熏心) e ha aggirato numerosi protocolli di sicurezza nell'espansione della miniera senza garantire un'adeguata ventilazione, portando all'accumulo di gas nel pozzo della miniera.

È stato il dodicesimo incidente in miniera di carbone nello Shanxi, il tradizionale cuore cinese del carbone, registrato finora sulla mappa degli infortuni sul lavoro di CLB quest'anno, rispetto a sette incidenti nella provincia dello scorso anno, quattro nel 2017 e quattro nel 2016.

La sicurezza delle miniere nello Shanxi è migliorata notevolmente dopo che il governo ha chiuso centinaia di piccole miniere e ristrutturato l'industria alla fine degli anni 2000. Tuttavia, sembra che le norme di sicurezza potrebbero non essere più valide. Nei primi cinque mesi di quest'anno, le autorità provinciali hanno ordinato a 82 miniere di carbone di chiudere o arrestare la produzione dopo aver scoperto 32.612 violazioni della sicurezza durante 2.167 ispezioni da gennaio a maggio. Sono state imposte ammende per un totale di 61 milioni di yuan.

Nell'insieme della Cina, tuttavia, gli incidenti e le morti delle miniere di carbone continuano a calare. Ci sono stati 117 morti nella miniera di carbone nella prima metà dell'anno, rispetto ai 333 durante l'intero 2018. L'anno scorso è stata la prima volta che la Cina ha registrato meno di 0,1 morti per milione di tonnellate di carbone prodotto , ma come mostrano i recenti incidenti, la Cina ha ancora molta strada da fare, non solo in termini di prevenzione degli infortuni, ma anche nel trattamento di questioni ereditarie come le centinaia di migliaia di ex minatori affetti da pneumoconiosi, nota anche come malattia del polmone nero.

Proprio la scorsa settimana, ad esempio, più di 100 lavoratori con pneumoconiosi provenienti da dieci diverse province sono arrivati ​​a Haikou, la capitale della provincia di Hainan, per chiedere una diagnosi formale della loro malattia professionale, contratta mentre lavoravano nella provincia.