Vai al contenuto

L’uso continuato dell’amianto in Indonesia è una bomba a orologeria per la salute pubblica

Riportiamo dal sito ACTU ( Australian Council of Trade Union ) questo articolo sull'uso continuato dell'amianto in Asia e sulle iniziative del sindacato australiano su scala regionale per contrastare e metterne al bando l'uso. La traduzione è assistita da Google translator....  Il testo originale in inglese è su ACTU

L'Australia deve svolgere un ruolo nel porre fine alla produzione e all'uso dell'amianto in Asia, dove l'esposizione uccide e stima 60.000 persone ogni anno.

C'è ancora un'enorme quantità di lavoro da fare per garantire che i luoghi di lavoro australiani siano al sicuro dalla contaminazione da amianto, ma il governo Morrison deve anche prendere provvedimenti immediati per affrontare questa enorme crisi di salute pubblica nella nostra regione:

  • Garantire che nessun denaro per lo sviluppo australiano o internazionale stia finanziando l'amianto in Asia attraverso la Banca asiatica di sviluppo.
  • Condurre la riforma della Convenzione delle Nazioni Unite di Rotterdam che regola il commercio di sostanze chimiche pericolose che è attualmente dirottato dai paesi produttori di amianto.
  • Supporto e risorse per aiutare a sconfiggere le bugie e la disinformazione della lobby dell'industria dell'amianto attraverso un'iniziativa regionale.

Citazioni di  Phillip Hazelton, coordinatore della campagna in Asia per l'eliminazione delle malattie correlate all'amianto negli aiuti all'Unione all'estero - APHEDA:

“L'amianto è ancora ampiamente utilizzato in Asia e milioni di persone sono esposte a questa sostanza mortale. Si stima che ogni anno siano 220.000 i decessi per malattie legate all'amianto, di cui 60.000 in Asia. Il bilancio delle vittime asiatico dovrebbe salire alle stelle nei prossimi decenni. La stragrande maggioranza delle persone che soffrono non sa che cosa sta causando il loro cancro e in molti luoghi non c'è spesso alcun trattamento o compensazione ”, ha detto.

“L'Australia comprende fin troppo bene la tragica eredità dell'amianto e abbiamo il dovere di mostrare una forte leadership internazionale per porre fine all'uso dell'amianto. In quanto organizzazione del movimento dell'Unione australiana, siamo orgogliosi dell'eredità delle battaglie combattute per vincere un divieto di amianto in Australia e solo un risarcimento per quelli con malattie di amianto.

“L'Indonesia è il secondo più grande importatore di amianto grezzo al mondo. L'amianto viene utilizzato nella costruzione, produzione e una gamma di prodotti e processi.

“Medici, sindacati, attivisti, persone che soffrono di malattie legate all'amianto, lavoratori e membri della comunità in Asia stanno lavorando per porre fine all'uso dell'amianto. La lobby dell'amianto sta usando bugie e disinformazioni sull'uso sicuro dell'amianto per mantenere viva la sua industria al costo di centinaia di migliaia di vite.

"L'Agenzia per la sicurezza e l'eradicazione dell'amianto in Australia svolge un lavoro vitale nella gestione del rischio residuo di amianto e nella riduzione delle esposizioni in Australia e siamo orgogliosi di lavorare con loro per aiutare a raggiungere il loro obiettivo di leadership e cooperazione internazionale nella lotta contro i rischi di esposizione all'amianto e spingendo per un divieto globale.

“Mentre l'amianto viene estratto, commercializzato e prodotto in tutto il mondo, continueremo a vederlo importato illegalmente in Australia. L'unico modo per impedire l'ingresso di nuovi prodotti in amianto nei nostri luoghi di lavoro e nelle nostre comunità è un divieto globale ".

Citazioni dell'Assistente Segretario ACTU Liam O'Brien:

“L'Australia ha una storia orribile con l'amianto, ogni anno 5000 australiani muoiono per malattie legate all'amianto.

“Stiamo venendo meno ai nostri obblighi nei confronti della nostra regione se non agiamo per porre fine all'uso di questo materiale incredibilmente mortale.

“Ogni settimana vengono rilevati materiali contenenti amianto ai nostri confini che vengono importati in Australia dalla nostra regione. La messa in atto di divieti globali efficaci non protegge solo i lavoratori delle nostre regioni, ma anche australiani.

"Chiediamo al governo Morrison di agire per proteggere la salute dei lavoratori in tutta l'Asia, anche in Australia, intraprendendo azioni immediate a casa e conducendo riforme a livello internazionale".