Vai al contenuto

AUSTRALIA : DELIVEROO RIDERS INVOKE TOUGH WORKPLACE HEALTH & SAFETY LAWS

Nota di Editor. Pubblichiamo, dal sito del Sindacato australiano, questo comunicato sulle iniziative dei Riders australiani, i fattorini che consegnano cibo ed altro in bicicletta o in moto,  "assunti" dalla compagnia Deliveroo. Ci scusiamo per qualche imperfezione della traduzione assistita da Google Translator.

TESTO ORIGINALE ALLA FONTE >>>  TWU.COM.AU 

1 novembre 2019

Oggi i riders ciclisti che consegnano cibo hanno inviato lettere a Deliveroo chiedendo che la società si attenga alle rigide leggi sulla salute e sicurezza sul lavoro per aiutare a fronteggiare i rischi pericolosi che devono affrontare, tra cui collisioni con automobili, cadute letali dalle loro biciclette e stress termico.

L'azione arriva quando quattro fattorini della consegna di cibo sono morti mentre lavoravano.

Deliveroo ha solo 14 giorni per conformarsi alla legge sulla salute e la sicurezza sul lavoro (2011) che consentirà ai lavoratori di istituire gruppi di lavoro e di eleggere rappresentanti per la salute e la sicurezza, che avranno ampi poteri per far rispettare gli obblighi di sicurezza, incluso il divieto del lavoro non sicuro.

A differenza del Fair Work Act, Deliveroo non sarà in grado di negare la sua responsabilità poiché la legge copre tutti i lavoratori, non solo i dipendenti, e pone l'accusa non su un datore di lavoro diretto tradizionale ma su chiunque "conduca un'attività o un'impresa" in relazione al lavoro .

“Oggi i ciclisti hanno fatto un passo coraggioso verso Deliveroo la loro sicurezza sul lavoro sia presa in considerazione. Questa azienda ignora la sicurezza. Oggi i ciclisti affermano che la sicurezza è importante e che desiderano che Deliveroo rispetti la legge, dia loro l'attenzione sulla sicurezza che desiderano e consentano loro di eleggere i propri rappresentanti della sicurezza. Il problema della sicurezza per i riders mostra la necessità di una regolamentazione generale su tutti gli aspetti del lavoro. Il governo federale ha scelto di non regolamentare la gigs economy e quindi i lavoratori vengono feriti, messi a rischio, negati i salari minimi, negato il congedo per malattia e non hanno il diritto di contestare licenziamenti ingiusti. I ciclisti sono di nuovo costretti ad adottare un approccio frammentario e ad affrontare queste aziende una per una e ad ogni singolo problema ”, ha dichiarato il segretario nazionale della TWU Michael Kaine.

I ciclisti ricevono istruzioni minime e nessuna formazione quando assumono il lavoro, non dispongono di adeguati dispositivi di protezione e, a causa del sistema di classificazione per ottenere turni, devono intraprendere il lavoro anche se sono malati o se le condizioni sono pericolose, come durante i temporali e calore estremo.

Deliveroo ha recentemente annunciato di aver intrapreso iniziative con lavoratori scelti dall'azienda. Le leggi WHS richiederebbero all'azienda di andare molto oltre e garantire che i rappresentanti della sicurezza siano scelti dai lavoratori, non dall'azienda.

Il passaggio alla sicurezza arriva quando la TWU ha chiesto che i lavoratori della gig economy entrino automaticamente in un sindacato, per garantire che abbiano protezioni e supporto contro lo sfruttamento e i rischi per la sicurezza.

“Da quando è arrivato in Australia, Deliveroo ha privato i lavoratori dei loro diritti: non ci sono tariffe orarie garantite, le distanze di consegna sono aumentate causando un calo del 30-40% della retribuzione e la società ha licenziato i lavoratori senza preavviso o la possibilità di presentare ricorso. Mentre le nostre leggi industriali stanno facilitando la rimozione dei diritti, le leggi sulla salute e la sicurezza sul lavoro sono solide e ci aspettiamo che Deliveroo sia ritenuto responsabile della sicurezza ", ha aggiunto.

I rider dicono che il lavoro è pericoloso e che i ciclisti hanno bisogno di protezione.

“Siamo in viaggio in condizioni pericolose, maltempo, traffico nelle ore di punta e di notte. Non abbiamo protezioni o diritti come congedi per malattia o indennità quando qualcosa va storto. Siamo persino spinti a continuare anche se ciò rappresenta un rischio per la nostra sicurezza, altrimenti potremmo avere difficoltà a trovare lavoro in futuro. I motociclisti vengono spesso feriti e alcuni sono persino stati uccisi sul posto di lavoro. Chiediamo a Deliveroo di intensificare i suoi obblighi legali per proteggere i lavoratori in modo da poter tornare a casa sani e salvi alla fine di ogni turno ”, ha dichiarato Marcello.

L'Unione dei lavoratori dei trasporti e i ciclisti delle consegne hanno esposto lo sfruttamento negli ultimi due anni, formando un gruppo chiamato Delivery Riders Alliance.

Un sondaggio tra i ciclisti che consegna cibo mostra che tre su quattro sono pagati al di sotto delle tariffe minime. Quasi il 50% dei ciclisti era stato ferito sul posto di lavoro o conosceva qualcuno che aveva subito incidenti.