Vai al contenuto

Canada.Il professor Mario Polèse dell’INRS pubblica un nuovo libro: La ricchezza e la povertà delle città

FONTE INRS.CA CHE RINGRAZIAMO 
Una conversazione con Mario Polèse , professore emerito all'Institut national de la recherche scientifique (INRS) e autore del libro The Wealth and Poverty of Cities: Why Nations Matte r, recentemente pubblicato da Oxford University Press. 
Parlaci del tuo nuovo libro The Wealth and Poverty of Cities. Quale nuova luce getta su questo argomento? 
Mario Polèse: Esiste un vasto corpus di letteratura sulle città dal punto di vista dell'economia e della sociologia urbana. Il mio libro non è particolarmente nuovo in questo senso. Ciò che lo distingue dalle altre pubblicazioni è il suo sottotitolo: Why Nations Matter, che aggiunge una prospettiva diversa. 
Generalmente, quando parliamo di città, spieghiamo i loro successi e insuccessi in base al modo in cui sono gestiti e alle loro caratteristiche locali. Ma nel mio libro, prendo una direzione diversa. Se dovessi riassumere, direi che le città rispecchiano le società che le hanno costruite.  
Il modo in cui le città sono governate, progettate e organizzate dipende molto dalla legislazione, dalle norme e dai valori nazionali. Se le città francesi e americane sono diverse, non è a causa dei loro sindaci, ma a causa delle leggi e dei valori di ogni nazione. 
Questo è il messaggio di base del mio libro. Da New York, Port-au-Prince e Montreal a Toronto, Parigi e Buenos Aires, spiego come ogni città rifletta le istituzioni e le norme nazionali.   
Il lettore canadese e americano sarà particolarmente interessato a capire perché le città canadesi (in questo Quebec sono simili al resto del Canada) sono diverse dalle città americane. 
Perché non c'è Detroit in Canada? Perché Montreal non ha una città interna o ghetti in stile americano?
Ho cercato di spiegare perché, nonostante le apparenti somiglianze, le culture politiche canadesi e americane sono molto diverse quando si tratta di gestire le città. 
Potresti per favore darci un esempio della differenza tra città americane e canadesi? 
MP: Prendiamo finanziamenti per le scuole primarie. Negli Stati Uniti, le scuole primarie sono generalmente finanziate tramite tasse locali sulla proprietà. Immagina che il ricco comune di Westmount a Montreal abbia finanziato direttamente le sue scuole primarie. Gli insegnanti riceverebbero più denaro per alunno di Montreal Nord, ad esempio accentuando le disparità sociali. Questo è uno dei motivi alla base del fenomeno del Volo Bianco negli Stati Uniti durante gli anni Cinquanta, Settanta, i bianchi della classe media si spostano dal centro della città verso aree con migliori scuole elementari.  
Questo crea un circolo fiscale vizioso: mentre i residenti della classe media abbandonano i centri urbani, la base imponibile diminuisce, erodendo la qualità delle scuole, e quindi lasciando andare ancora più persone. Il risultato: le città americane non sono solo razzialmente, ma anche socialmente più separate delle nostre. 
Questo è solo un esempio di come le norme nazionali o provinciali aiutano a spiegare perché le città differiscono da uno stato o una provincia all'altra. I fattori locali hanno un impatto molto minore di quanto pensiamo.
Nel tuo libro, analizzi varie città in tutto il mondo, alcune delle quali hanno avuto più successo di altre. Puoi darci un esempio di fallimento e un modello per il successo? 
MP: Ho usato Buffalo nello stato di New York occidentale come esempio archetipico di una città americana in declino che non si è ancora rimessa in piedi. È angosciante che città come Buffalo continuino a ristagnare economicamente e socialmente in un paese prospero come gli Stati Uniti. E non è un caso isolato. Avrei potuto prendere Cleveland, Milwaukee o Saint Louis come esempi, tutti e tre sono nella Cintura della Ruggine. 
A volte le storie di successo sono incidenti della storia, dovuti a fattori come la geografia e la politica. Vienna è un caso interessante. È stata classificata dall'Economist Intelligence Unit (EIU) come la città più vivibile del mondo negli ultimi due anni. 
Dal punto di vista economico, Vienna fa molto bene, con un livello di reddito alla pari di quello di New York, un risultato straordinario per una città la cui popolazione metropolitana è la metà di quella di Montreal. Come ha fatto Vienna? Il suo successo è tanto più sorprendente in quanto ha perso due dei pilastri che guidano il successo urbano. 
Ecco cosa è successo. 
Fino alla prima guerra mondiale, Vienna era la capitale e la città di punta dell'Impero austro-ungarico, che all'epoca contava 50 milioni di abitanti. Vienna e Parigi erano le capitali intellettuali dell'Europa, dominando i campi della medicina, delle arti, della moda e così via. Dopo la guerra, Vienna si trovò in una repubblica impertinente con una popolazione di soli sei milioni. In seguito, durante i giorni bui dell'occupazione nazista, la maggior parte della sua popolazione ebraica fu sterminata, perdendo gran parte della sua élite intellettuale, quando l'Austria fu annessa dalla Germania nel 1938. 
Come è tornata Vienna? Non ho intenzione di dirtelo! Per scoprirlo, dovrai leggere il mio libro.
Dedichi un intero capitolo a Montreal e Toronto, che sono stati rivali di lunga data. Pensi che uno abbia avuto più successo dell'altro? 
MP: paragone spesso Montreal a Vienna. Come Vienna, Montreal ha perso il suo impero, sebbene in circostanze molto meno drammatiche. Fino agli anni '50 e '60, Montreal era la capitale economica del Canada e la sua più grande città, la New York canadese, il mondo degli affari in gran parte dominato dagli anglofoni. Negli anni cinquanta, non c'erano grandi compagnie gestite da francofoni.  
Ma negli anni Settanta, i piani del Parti Québécois per l'indipendenza del Quebec e la carta della lingua francese hanno provocato un esodo di massa: 200.000 membri dell'élite anglofona sono partiti per Toronto, portando con sé i loro soldi. Montreal non ha mai riguadagnato il suo status di centro finanziario. 
Montreal ha attraversato venti anni di periodi difficili (dal 1975 al 1995), con un tasso di disoccupazione spesso superiore al 10%, quasi il doppio di quello di Toronto. Il dolore di Montreal è stato il guadagno di Toronto. 
Montreal ha dovuto reinventarsi. Fortunatamente, il Quebec ha investito molto nell'istruzione. Sulla scia della rivoluzione silenziosa, emerse una classe economica francofona che occupò la nicchia lasciata libera dalle compagnie anglofone. Furono lanciate multinazionali come Bombardier, Transat, Cascades e SNC-Lavalin, ottenendo un notevole successo.  
A partire dalla metà degli anni Novanta, Montreal si è sempre più specializzata in nuovi settori economici come l'industria farmaceutica e l'aeronautica e, più recentemente, nel boom delle industrie IT e dell'intelligenza artificiale.  
Montreal rimane una città molto vivibile, con un costo della vita inferiore e meno disuguaglianze sociali rispetto a Toronto.  
Come vedi questo libro in termini di carriera? 
MP:  Non nego che il successo del mio ultimo libro The Wealth and Poverty of Regions , pubblicato dalla University of Chicago Press, mi abbia incoraggiato a ripetere l'esercizio. Ma questo libro è diverso. Direi che è uno dei libri più personali che abbia mai scritto in cui esprimo le mie opinioni più liberamente. È un libro meno neutrale, il tipo che puoi permetterti fino a tardi nella tua carriera.  
Devo un ringraziamento particolare alla Oxford University Press e al suo editore David Pervin, che hanno sostenuto questo progetto sin dall'inizio. 
Vuoi aggiungere altro sul libro? 
MP: Se vuoi capire cosa rende diverse le città canadesi, leggi questo libro! ♦
About Professor Mario Polèse
Membro fondatore della Association des économistes québécois, il professor Mario Polèse è uno dei creatori del programma di dottorato congiunto INRS-UQAM negli studi urbani, uno dei primi nel suo genere in Quebec e in Canada. Ha ricoperto incarichi presso l'UNESCO, la Banca mondiale e l'OCSE e come professore ospite all'estero. Il professor Polèse ha pubblicato quasi un centinaio di articoli su rinomate riviste scientifiche e quasi venti libri. È inoltre professore a contratto presso la School of Urban Planning della McGill University.