Vai al contenuto

INT- Classificazione internazionale delle malattie e degli infortuni: strumento migliore per valutare le cause degli infortuni

 

FONTE OSHA.EU

L'Organizzazione mondiale della sanità lancia l'undicesima edizione della Classificazione internazionale delle malattie e degli infortuni (ICD-11). Una versione dell'ICD-11 è stata rilasciata il 18 giugno 2018 per consentire agli Stati membri di prepararsi per l'attuazione, compresa la traduzione dell'ICD nelle loro lingue nazionali. L'ICD-11 sarà presentato al 144 ° Riunione del Comitato Esecutivo nel gennaio 2019 e al Settantaduesimo Assemblea Mondiale della Sanità nel maggio 2019 e, a seguito dell'approvazione, gli Stati membri inizieranno le relazioni utilizzando l'ICD-11 il 1 ° gennaio 2022.

La sezione di lesioni all'interno dell'ICD-11 è presentata in una struttura multiassiale e progettata per consentire la combinazione di più codici per descrivere i casi di lesioni.

L'ICD è stato rivisto per soddisfare le esigenze di più casi d'uso e utenti nella registrazione, segnalazione e analisi delle informazioni sanitarie. ICD-11 ha una migliore usabilità, contenuti scientifici aggiornati, consente la codifica di tutti i dettagli clinici, collegati a altre classificazioni e terminologie pertinenti e con un supporto multilingue completo (traduzioni e risultati).

La prima edizione di classificazione internazionale, conosciuta come l'International List of Causes of Death, fu adottata dall'International Statistical Institute nel 1893. Alla OMS fu affidata l'ICD alla sua creazione nel 1948 e pubblicò la 6a versione, ICD-6, che incorporava la morbilità per la prima volta. I regolamenti sulla nomenclatura dell'OMS, adottati nel 1967, stabilivano che gli Stati membri utilizzavano la revisione più aggiornata dell'ICD per le statistiche sulla mortalità e la morbilità. L'ICD è stato rivisto e pubblicato in una serie di edizioni per riflettere i progressi nel campo della salute e della scienza medica nel tempo. L'ICD-10 è stato approvato nel maggio 1990 dalla Quarantatreesima Assemblea Mondiale della Sanità. È citato in oltre 20.000 articoli scientifici e utilizzato da oltre 100 paesi in tutto il mondo.

Maggiori informazioni