Vai al contenuto

Interferenti endocrini particolarmente concentrati nei bambini

FONTE ETUI.ORG CHE RINGRAZIAMO 

Esistono centinaia di sostanze che interrompono la produzione di ormoni. Impiegate massicciamente dall'industria in molte produzioni, queste sostanze sono associate a gravi problemi di salute come tumori, danni alla salute riproduttiva, disturbi dello sviluppo come l'obesità, un calo del quoziente di intelligenza, ... Tra questi , compresi bisfenoli, ftalati, parabeni, eteri glicolici, ritardanti di fiamma bromurati, composti perfluorurati (PFC). Per la prima volta, Public Health France ha misurato la presenza di queste sostanze estremamente preoccupanti nel corpo di bambini e adulti in un ampio campione (1.104 bambini e 2.503 adulti) rappresentativo della popolazione francese.

Newsletter : se desideri ricevere un riepilogo mensile delle attuali notizie su salute e sicurezza, iscriviti alla newsletter bilingue HesaMail (francese e inglese) gratuitamente.

Sono stati monitorati quasi 70 biomarcatori. Lo studio si basa su campioni biologici (urina, siero e capelli) e sull'invio di un questionario su abitudini di vita, consumo di cibo, caratteristiche dei partecipanti. L'analisi incrociata dei risultati dei campioni e dei questionari consente di quantificare la presenza di questi inquinanti nella popolazione e di conoscere meglio le fonti di esposizione. 

I risultati indicano che queste sostanze che sono onnipresenti negli oggetti di uso quotidiano e che sono spesso interferenti endocrini o agenti cancerogeni, provate o sospette, sono "presenti nel corpo di tutti i francesi" e "livelli più elevati di impregnazione. si trovano nei bambini . In generale, i livelli di impregnazione riscontrati sono paragonabili a quelli di altri studi condotti all'estero, in particolare negli Stati Uniti e in Canada.

Questo primo importante studio sul biomonitoraggio sarà seguito da altre due sezioni su metalli e pesticidi. Lo studio non affronta esplicitamente il problema delle esposizioni professionali. "Riflette un divario purtroppo comune nella maggior parte delle politiche di sanità pubblica", afferma Laurent Vogel , ricercatore senior presso ETUI. "Esistono prove da altre fonti che le esposizioni professionali sono un'importante fonte di impregnazione per molte attività", conclude. 

Rapporti dallo studio ESTEBAN