Vai al contenuto

Guerra fredda nell’Artico: l’ultimo hotspot della geopolitica globale grazie ai cambiamenti climatici

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO 

Una nuova battaglia - economica e politica per il momento - sta emergendo su uno degli stadi geografici più ostili del pianeta, l'Artico. I principali attori sono i tre superpoteri, gli Stati Uniti, la Russia e la Cina, ma la crescente rivalità per l'accesso e il controllo delle vaste risorse nella regione e il suo uso come principale rotta commerciale ha importanti implicazioni per gran parte del mondo , in particolare l'Unione europea, con gli Stati membri nella regione artica e un chiaro interesse per lo sviluppo dell'area. L'Africa occidentale e alcuni paesi dell'America Latina saranno inoltre interessati dalla nuova rotta di navigazione.

A Bruxelles, la preoccupazione per l'Artico ha già posto il suo significato strategico a un livello con altre regioni, come il Medio Oriente. Oltre ai fattori economici, il focus di questa preoccupazione, come sottolineato dalla presidenza finlandese del Consiglio dell'UE nella seconda metà del 2019, sono le potenziali implicazioni del cambiamento climatico globale per le strategie di sicurezza europee. Gli aumenti di temperatura stanno riducendo la calotta polare e aprendo le acque navigabili all'interno del circolo polare artico e al largo delle coste del Canada, degli Stati Uniti, della Russia e dell'Europa nord-occidentale, compresa la Groenlandia.

Oltre a presentare nuove sfide economiche, si pone anche la questione se i paesi del nord Europa debbano continuare ad affidare la loro sicurezza alla loro alleanza con gli Stati Uniti all'interno della NATO , poiché né Washington né l'Alleanza atlantica sono in grado di competere con la Russia nell'Artico, che non è solo il suo cortile ma anche la fonte di gran parte della ricchezza naturale del paese. Inoltre, Svezia e Finlandia, due dei principali paesi europei nella regione, non sono nemmeno membri della NATO.

Nell'agosto 2019, i media statunitensi hanno ampiamente coperto l' offerta apparentemente stravagante del presidente Donald Trump di acquistare la Groenlandia dalla Danimarca. La proposta è stata accolta con stupore a Copenaghen e ilarità in altre capitali europee.

Ma non è stato un semplice spettacolo di spavalderia da parte di Trump. Era un'espressione stravagante ma anche molto diretta della preoccupazione di Washington per le mosse dei suoi rivali cinesi e russi nella regione artica e un chiaro segnale dell'interesse degli Stati Uniti nell'area.

In termini di stile, il messaggio inviato dal presidente degli Stati Uniti era in linea con lo spirito imprenditoriale inarrestabile di Trump, ma in termini sostanziali era una tromba che annunciava la strategia degli Stati Uniti nei confronti dell'Artico. All'inizio di marzo 2019, due generali statunitensi, Curtis Scaparrotti e Stephen Lyons, sono apparsi davanti al Comitato dei servizi armati del Senato degli Stati Uniti. Le loro testimonianze includevano un messaggio preoccupante, il cambiamento climatico sta già influenzando la strategia di difesaper quanto riguarda l'Oceano Artico, mettendo in discussione i ripetuti tentativi della stessa amministrazione Trump di respingere questo aumento progressivo della temperatura come rischio per la sicurezza nazionale per gli Stati Uniti. I generali hanno semplicemente confermato ciò che gli scienziati hanno affermato per decenni. Secondo i calcoli della NASA, il ghiaccio marino artico si sta riducendo di circa 54.000 chilometri quadrati ogni anno. Il National Climate Assessment del 2014 aveva già messo in guardia sul fatto che l'Oceano Artico non avrebbe più avuto ghiaccio marino in estate entro il 2050. Alcune istituzioni ambientaliste hanno anticipato tale data al 2040.

Alleanza Russia-Cina e via della seta polare

Le risposte fornite dai due ufficiali militari alle domande della senatrice Elizabeth Warren erano rivolte in due direzioni. Lo scioglimento del ghiaccio artico e l'apertura di nuove rotte marittime nella regione hanno spinto la Russia a riorganizzare la sua strategia di difesa nell'area, installando nuovi sistemi radar e riabilitando le strutture aeroportuali e costruendone di nuove sulla costa settentrionale del paese. E la principale rivale economica degli Stati Uniti, la Cina, sta prendendo provvedimenti per diventare il principale beneficiario commerciale delle nuove rotte marittime settentrionali.

Pechino e Mosca stanno operando sulla rotta del Mare del Nord (NSR) per guidare lo sviluppo della regione e facilitare il trasporto di merci tra i loro due paesi e verso l'Europa occidentale.

Nel settembre 2018, la nave danese Venta Maersk ha completato il viaggio da Vladivostok a San Pietroburgo attraverso il NSR. Il viaggio fu di dieci giorni più breve di quanto sarebbe stato se fosse passato attraverso il canale di Suez. La Cina vuole abbreviare il viaggio da circa 48 giorni a un massimo di 20 e ridurre i costi di spedizione delle merci dai mercati cinesi a quelli europei. Pechino ha presentato un Libro bianco che afferma il suo status di "Stato quasi artico", come le autorità piace chiamarlo. Questa "tabella di marcia" è emersa in risposta a una proposta di cooperazione presentata dal presidente russo Vladimir Putin.

Il progressivo restringimento della calotta polare faciliterà il soddisfacimento di queste aspirazioni e l'apertura di rotte regolari ridurrà alcuni dei rischi della navigazione nelle acque artiche, come le difficoltà che circondano le operazioni di salvataggio in caso di incidente, le condizioni meteorologiche avverse e la mancanza di adeguate carte nautiche. La Russia ha la più grande flotta di rompighiaccio al mondo e queste navi stanno contribuendo a rendere praticabile il NSR. Gli investimenti russi per migliorare questa flotta sono sostenuti dal capitale cinese, che sta finanziando la costruzione di nuove navi. La Cina non è membro del Consiglio artico ma ha chiarito che i suoi interessi nella regione sono molto simili a quelli degli otto stati membri. L'obiettivo di Pechino è di portare la quantità annua di merci spedite via NSR dagli attuali 18 milioni di tonnellate a 80 milioni di tonnellate entro il 2030.

Ai vantaggi commerciali delle navi adeguatamente attrezzate che navigano attraverso l'Artico si aggiungono le opportunità in termini di prospezione ed estrazione della ricchezza naturale, in particolare petrolio, gas e le "terre rare" utilizzate nell'industria delle telecomunicazioni. Ci sono circa 90 miliardi di barili di petrolio e diversi trilioni di metri cubi di gas naturale (cifre che variano, a seconda della fonte) nella regione artica. Oltre la metà di questi depositi di petrolio greggio e quasi tutto il gas si trovano sul territorio russo. E la chiave per il trasporto di questi carburanti sono i rompighiaccio, per ora, e fino a quando i cambiamenti climatici non accelereranno l'aumento in acque libere, almeno per una parte dell'anno.

Gli investimenti russi, sostenuti dalla Cina, nello sviluppo della navigazione commerciale e dell'estrazione delle risorse naturali nell'Artico ammontano attualmente a oltre 160 miliardi di dollari (circa 145 miliardi di euro), una cifra che nessun altro paese sarà in grado di eguagliare, o avvicinarsi a nessun luogo vicino , nei prossimi dieci anni.

Gli Stati Uniti vedono i rapidi progressi compiuti dalla Russia e dalla Cina nell'Artico come una seria minaccia ai suoi interessi, ma la capacità di Washington di reagire è molto limitata al momento. Le spiegazioni fornite dai due generali statunitensi sono servite da appoggio per la decisione del governo americano, all'inizio dell'anno, di aumentare la spesa per le infrastrutture dell'Artico, come i nuovi rompighiaccio necessari per colmare una delle lacune nell'attività degli Stati Uniti nella regione, per la quale ha stanziato 675 milioni di dollari (610 milioni di euro). Gli Stati Uniti hanno un solo rompighiaccio di classe polare. La Russia ha oltre 50. Le navi rompighiaccio della Russia, inoltre, hanno accesso a una serie di porti sicuri dove possono fermarsi per rifornimento, assistenza e riparazioni, un sistema logistico che manca agli Stati Uniti.

L'Artico è "il lago di nessuno", ha recentemente insistito l'ammiraglio James Foggo, comandante delle forze navali americane in Europa. La domanda da un milione di dollari è che cosa possono fare gli Stati Uniti per contrastare la presenza e la supremazia della Russia nell'Artico senza dedicare i miliardi di dollari legati alle aree di sicurezza regionali attualmente prioritarie da Washington, come il bacino del Pacifico? E nonostante il fatto che la prima sezione della "via della seta polare" con la quale la Russia e la Cina vogliono ottenere un accesso senza ostacoli alle acque settentrionali sia nel Nord Pacifico.

Nel 2016, l'Ufficio del Sottosegretario alla Difesa per la politica ha redatto un rapporto per il Congresso sulla strategia che Washington dovrebbe seguire nell'Artico. Il rapporto, aggiornato nel 2019, identifica il "divario Groenlandia, Islanda, Regno Unito - Norvegia (GIUK-N)" come un "corridoio strategico per le operazioni navali tra l'Artico e l'Atlantico settentrionale". Prevede la collaborazione della Cina con la Russia, non solo sullo sfruttamento commerciale del NSR, ma anche nell'area della difesa, con sottomarini nucleari inviati a queste acque. Il documento sostiene "limitare la capacità di Cina e Russia di sfruttare la regione" (già trasformato in un corridoio per la concorrenza) e di impedire all'asse Mosca-Pechino di "far avanzare i propri obiettivi strategici attraverso comportamenti maligni o coercitivi", in una regione che è parte della patria degli Stati Uniti.

Nel maggio 2019, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha inviato un messaggio molto chiaro al Consiglio artico tenutosi in Finlandia: "Questo è il momento dell'America di alzarsi come nazione artica e per il futuro dell'Artico", aggiungendo che la regione "è diventata un'arena di potere globale e competizione ”. Il nuovo punto caldo della tensione e la guerra fredda mai più opportunamente definita sono stati presentati sul tavolo.

 

Questo articolo è stato tradotto dallo spagnolo.