Vai al contenuto

NON SONO CALATE LE MORTI SUL LAVORO, MA SOLO QUELLE ACCERTATE DALL’INAIL

Autore : Marco Bazzoni

Fonte Facebook

 

Oggi e' stato presentato il Rapporto Annuale Inail sugli infortuni e le malattie professionali avute nel 2017 e come accade da diversi anni l'Inail ci dice che le morti sul lavoro sono calate ( nel 2017, 617 morti sul lavoro, rispetto alle 670 nel 2016).E ancora, L'Inail ha ancora in istruttoria 34 casi di denunce di infortunio mortale, che nella remota ipotesi venissero riconosciute tutte, si arriverebbe a 651 morti sul lavoro nel 2017, inferiori a quelle del 2016.Le morti sul lavoro sono davvero calate come ci dice l'Inail o e' un problema di riconoscimento delle morti sul lavoro???Intanto va detto, onde sgomberare il campo da equivoci, che l'Inail riconosce come morti sul lavoro solo ed esclusivamente i suoi assicurati, e fra questi non ci sono queste categorie di lavoratori-

- carabinieri, poliziotti, vigili del fuoco, volontari della protezione civile, personale di volo, sportivi e addirittura i giornalisti.

Si, avete capito bene, anche chi fa informazione nei tg, nelle radio, nelle agenzie di stampa, nei quotidiani non e' assicurato con l'Inail.

E che ce un problema di riconoscimento e' palese, quando a fronte di 1104 denunce di infortunio mortale nel 2016 ne sono state riconosciute 670 e invece nel 2017 che ce ne sono state 1112 ne sono state riconosciute come morti sul lavoro 617 ( al massimo si arrivera' a 651).Come e' possibile tutto cio'?Io me lo sono chiesto come mai in tutti questi anni dalle 400 alle 500 circa denunce di infortunio mortale non venissero riconosciute come morti sul lavoro dall'Inail.Cosi' a suo tempo, a Luglio del 2016 (dopo la presentazione del rapporto annuale), avevo scritto all'Inail per chiedere spiegazioni (neanche preso in considerazione).Cosi' scrivo alla Presidenza della Repubblica, che invita l'Inail a fornire al sottoscritto Bazzoni tutte le spiegazioni del caso e ad informarne anche la Presidenza della Repubblica.E si scopre che nel 2015 su 1246 denunce di infortunio mortale, 526 non erano state riconosciute come morte sul lavoro, perche':

-290 casi non erano morte sul lavoro (non riconducibile all'evento)

-64 casi erano in difetto di occasione di lavoro

-43 persone non erano assicurate con l'Inail (si avete letto bene)

- 39 casi erano in difetto di infortunio in itinere.

-14 persone svolgevano un attivita' non tutelata dall'Inail (si avete letto bene)

-Per 55 casi c'era una carenza di documentazione valida.

Capite adesso che parlare di calo delle morti sul lavoro non e' assolutamente corretto quando ci sono un sacco di persone morte che non erano assicurate con l'Inail o non erano tutelate, quando mancava la documentazione e l'Inail non ha riconosciuto l'infortunio mortale.

I mezzi d'informazione dovrebbero chiedere spiegazioni all'Inail, che ha l'obbligo morale e di legge (e' un Istituto pubblico) di fornirle.Io faccio l'operaio e non il giornalista, quindi non competerebbe a me chiedere queste spiegazioni.Ma lo faccio volentieri, perche' non ci sto che l'Inail tutti gli anni fornisca dei dati parziali sulle morti sul lavoro (visto che molti lavoratori non sono assicurati con l'Inail) e poi si venga pure a dire che le morti sul lavoro sono calate.NON SONO CALATE LE MORTI SUL LAVORO, MA SOLO QUELLE ACCERTATE DALL'INAIL (c'è una bella differenza).L'Osservatorio Indipendente di Bologna sulle morti sul lavoro, diretto da Carlo Soricelli, ha accertato nel 2017 oltre 1350 morti sul lavoro. Spero che qualcuno lo dica.