Vai al contenuto

I lavoratori tecnologici cinesi sono in condizioni di schiavitù a Shenzhen

FONTE NEWSLENS

Alle 10 di sera quasi tutti i giorni della settimana, fila su fila di dipendenti possono essere visti ancora al lavoro, ancorati alle loro scrivanie e chiaramente illuminati all'interno dei grattacieli di vetro del quartiere Nanshan di Shenzhen, sede di molte delle principali tecnologie cinesi aziende.

Alcuni membri del personale lasciano questi edifici verso le 18.30, ma la maggior parte non torna a casa; si dirigono semplicemente verso uno dei tanti ristoranti o bar situati in una comoda posizione per cenare o andare in palestra per un allenamento veloce prima di tornare al posto di lavoro.

È la stessa scena nei fine settimana: la progettazione urbana integrata di Shenzhen e l'efficiente rete di trasporti rendono molto facile per il personale passare in ufficio per poche ore di sabato pomeriggio. Chi vive più lontano può naturalmente lavorare a casa se lo desidera, e molti scelgono di farlo. Per i giovani lavoratori della tecnologia della Silicon Valley di Shenzhen, i confini tra lavoro e tempo libero sembrano essere permanentemente confusi.

L'ingegnere Java è attualmente di gran lunga il lavoro più competitivo a Shenzhen con ben 14.409 domande al giorno.

Il lavoro straordinario non è obbligatorio, ma i lavoratori accettano che le ore di lavoro lunghe sono l'unico modo per andare avanti nel settore tecnologico. Se non lavori duramente come i tuoi colleghi, sarai presto lasciato indietro o sostituito da una delle migliaia di altre persone che chiedono a gran voce il tuo lavoro.

La piattaforma di reclutamento online Zhaopin nota che un ingegnere Java è attualmente di gran lunga il lavoro più competitivo a Shenzhen con 14.409 domande al giorno incredibili il 18 giugno, seguito al secondo posto da tester software (12.073 candidati al giorno) e, al quarto posto, software engineer (9.483 candidati al giorno). Mentre un sondaggio condotto nel 2017 ha mostrato che i lavoratori dell'industria cinese in Cina hanno fatto più straordinari rispetto a qualsiasi altra professione.

I datori di lavoro sanno che offrendo uno stipendio iniziale relativamente alto con la promessa di un sostanziale bonus di rendimento possono far lavorare lo staff il più a lungo possibile e il tempo necessario per portare a termine il lavoro. Come osservato da un osservatore del settore con sede nel Guangdong, un alto stipendio significa che "il capo è fondamentalmente padrone di te".

RTR2NOHR

Credito fotografico: Reuters / TPG

Il logo di QQ.com è visibile presso la sede Tencent del parco industriale Nanshan Hi-Tech Park nella città cinese meridionale di Shenzhen.

Un senior product manager di Tencent ha spiegato: "Ci si aspetta se si vuole lavorare in questo settore e ne vale la pena quando si ottiene un bonus alla fine dell'anno." Un giovane ingegnere di intelligenza artificiale presso una start-up, ha accettato : Ha guadagnato circa 20.000 yuan (US $ 3.057) al mese (tre volte lo stipendio medio) e opzioni di condivisione della compagnia.

Tuttavia, questi premi non sono garantiti, specialmente nel settore dei giochi in cui i bonus dipendono interamente dal successo o dal fallimento del gioco o dell'app che i lavoratori stanno sviluppando. I vantaggi variano da un'azienda all'altra, e persino da un team all'altro all'interno di un'azienda, e sono progettati per mantenere la conformità del personale. Esegui bene e sarai ricompensato. Under-perform e sarai sostituito.

"C'è un enorme numero di candidati che possono sostituire chiunque in questo campo", ha detto un product manager che lavorava nel settore dei giochi. Di conseguenza, ha detto, "nessuno si prenderà la briga di intraprendere alcuna azione contro il proprio datore di lavoro o presentare un reclamo. Non vuoi causare nessun problema. "

La base del software di Shenzhen, promuovendo la cultura start-up guidata dal partito

Sembra esserci una quasi totale mancanza di coscienza collettiva tra i giovani lavoratori della tecnologia di Nanshan. Invece, molti hanno acquistato il mito imprenditoriale (promosso dal Partito Comunista Cinese) secondo cui il duro lavoro porta i propri frutti e la competizione tra i lavoratori piuttosto che la solidarietà è la chiave del successo. Se c'è un sindacato aziendale in atto nelle società tecnologiche di Nanshan, dicono gli impiegati, mantiene un profilo molto basso. "Potrebbero esistere ma a malapena," disse un giovane operaio con un sorriso.

Lontano dalle luci brillanti di Nanshan, tuttavia, è una storia diversa. La rapida crescita delle start-up nel settore tecnologico cinese ha portato a numerosi fallimenti aziendali, con decine di migliaia di lavoratori licenziati senza alcun compenso o dovuti mesi di retribuzioni in arretrato.

In molti di questi casi, i lavoratori delle società tecnologiche adottano azioni collettive. Nel solo mese di aprile di quest'anno, la Strike Map del China Labor Bulletin (CLB) ha registrato quattro distinte retribuzioni salariali da parte dei dipendenti delle società tecnologiche di Pechino, Tianjin, Shanghai e Nanchino.

A mano a mano che le tensioni aumentavano, diversi manager tiravano alcuni dei lavoratori più determinati in una stanza e li picchiavano.

Come notato da CLB nella nostra newsletter di gennaio di quest'anno, alcune controversie collettive nelle società tecnologiche sono persino diventate violente a causa dell'atteggiamento rigido e intransigente della direzione. I lavoratori di un call center di Shijiazhuang, nella provincia settentrionale di Hebei, entrarono in conflitto con la direzione quando il loro direttore annunciò improvvisamente che più di cento lavoratori, circa un terzo della forza lavoro, sarebbero stati licenziati senza paga, mentre molti altri sarebbero costretti a trasferire internamente.

Quando il personale tentò di ragionare con il loro capo, fu sentito gridare; "Se vuoi farci causa, facci causa, se vuoi smettere, allora esci, ma quando sei qui, obbedisci alla compagnia!" Con l'aumentare delle tensioni, diversi dirigenti hanno trascinato alcuni dei lavoratori più determinati in una stanza e li hanno picchiati. L'incidente è stato videoregistrato dallo staff sui loro telefoni cellulari e ha mostrato molti lavoratori con ferite sanguinarie.

L'industria tecnologica cinese è dominata da tre massicci conglomerati: Tencent, Alibaba e Baidu, che possono chiedere assoluta lealtà e dedizione al proprio personale. Sotto questo ombrellone scintillante, tuttavia, l'industria è molto più volatile e imprevedibile e i lavoratori sono vulnerabili agli abusi di sfruttamento e gestione.

Poiché non vi è alcun segno che la crescita nel settore tecnologico stia rallentando, è chiaro che il sindacato ufficiale si svegli dal suo periodo di crisi e inizi a organizzare i lavoratori e garantisca che i dipendenti delle società tecnologiche cinesi siano adeguatamente protetti e possano guadagnare un salario dignitoso senza dover dedicare la loro intera vita alla compagnia.