Vai al contenuto

UK: I piloti riconoscono la nuova legge sui droni, ma affermano che il governo deve andare oltre.

FONTE BALPA

 

 

I piloti hanno risposto con allarme all'annuncio delle nuove leggi sui droni, dicendo che sono contenti che il governo stia prendendo provvedimenti, ma le restrizioni devono spingersi molto oltre per rendere sicuro l'uso di droni vicino agli aeroporti.
 
La British Airline Pilots 'Association (BALPA) ha precedentemente invitato il governo a stringere le leggi sui droni dopo il forte aumento dei quasi-incidenti con gli aerei negli ultimi anni.
 
A seguito di alcuni test effettuati da BALPA con il Dipartimento per i trasporti e l'Autorità di associazione militare che ha dimostrato il rischio per gli aerei, sono state promulgate nuove leggi.
 
Tuttavia, le nuove leggi proposte includono restrizioni limitate che consentiranno ai droni di volare fino a 400 piedi ad appena 1 km dal confine di un aeroporto. BALPA afferma che si tratta di una situazione molto pericolosa in quanto gli aeromobili saranno già più bassi di questo punto in prossimità di un aeroporto, quindi le nuove norme devono andare oltre per evitare potenziali collisioni.
 
Lo specialista della sicurezza di volo BALPA, Steve Landells, ha dichiarato:
 
"Siamo lieti che il governo stia prendendo sul serio i quasi-incidenti e apporti modifiche alla legge, ma è fondamentale che queste vadano oltre per evitare una potenziale catastrofe.
 
"Speravamo di vedere qualcosa di simile alle normative introdotte in Australia, che affermano che le operazioni senza equipaggio non devono essere effettuate entro 3 miglia nautiche (circa 5,5 km) di un aeroporto. La sicurezza nel Regno Unito non è meno importante che in Australia.
 
"BALPA non è anti-drone e comprendiamo le considerazioni commerciali nel non rendere le leggi troppo restrittive, ma un hobbista non ha alcun interesse  di fare volare il drone  vicino a un aeroporto, permettere che questo accada aumenta il rischio di una collisione catastrofica".