Vai al contenuto

GB. Danno collaterale Brexit: importazioni di amianto?

 

FONTE  LKA BLOG, SEGRETARIATO INTERNAZIONALE PER IL DIVIETO DELL'AMIANTO

4 settembre 2019

GB. Danno collaterale Brexit: importazioni di amianto?

Dopo centinaia di migliaia di morti evitabili causate da esposizioni all'amianto in Gran Bretagna, la possibilità di importazioni di amianto post Brexit era così preoccupante che gli attivisti a Liverpool hanno cercato un incontro con il sindaco della metropolitana Steve Rotheram, che è anche il presidente onorario delle vittime dell'amianto del Merseyside Gruppo di supporto (MAVSG). In un comunicato stampa del 3 settembre 2019, John Flanagan del MAVSG ha riassunto le paure del Gruppo nel modo seguente:

“ Per decenni i lavoratori portuali del Liverpool sono stati esposti a carichi letali di amianto trasportati nel Regno Unito attraverso i nostri porti. Come conseguenza di questa e di altre esposizioni tossiche, l'area di Merseyside ha un'incredibile incidenza di malattie legate all'amianto, inclusi i tumori fatali. MAVSG lavora da oltre 25 anni per sostenere i lavoratori malati e ottenere giustizia per loro e le loro famiglie. Siamo diventati sempre più preoccupati della possibilità di importazioni tossiche via Liverpool a seguito della Brexit. Qualsiasi accordo con gli Stati Uniti - un paese che non ha vietato l'amianto e continua a utilizzare l'amianto in una gamma di prodotti - deve stabilire che nessuna spedizione di merci contaminate dall'amianto sarebbe autorizzata ad entrare nel Regno Unito. " 1

La successiva lettera del sindaco Rotherham a Andrea Leadsom MP, il Segretario di Stato per gli affari, l'energia e la strategia industriale, le chiedeva di "garantire che qualsiasi accordo commerciale negoziato con qualsiasi paese, e in particolare gli Stati Uniti, non consentisse l'importazione di amianto, in articoli contenente amianto - come le parti automobilistiche. ”Con l'attuale crisi costituzionale del Regno Unito, la gestione quotidiana del paese è stata sospesa e le probabilità che tale garanzia sarà imminente sono estremamente basse. In riconoscimento della volontà del governo Tory di "liberare e declassare le misure a tutela della salute professionale e pubblica", il sindaco Rotherham sta prendendo in considerazione tutte le opzioni disponibili per salvaguardare la vita dei residenti della regione della città di Liverpool, inclusa quella di agire "unilateralmente per proteggere i nostri cittadini" dall'amianto rischio.

Poco più di 20 anni fa, i divieti di amianto adottati alla fine dal Regno Unito sono stati attuati sotto la copertura del divieto dell'Unione europea in quanto i politici britannici avevano troppa paura di essere coinvolti in una disputa dell'Organizzazione mondiale del commercio per intraprendere azioni unilaterali. 2 Se la Brexit dovesse davvero avvenire, chi assicurerà che il materiale tossico proveniente dagli Stati Uniti - un paese in cui l'uso dell'amianto rimane legale e in cui il presidente pro-amianto ha affermato che l'amianto fosse "sicuro al 100%" 3 - non venga spedito nel Regno Unito ? Con gran parte delle 7 milioni di tonnellate di amianto importate nel Regno Unito nel corso del XX secolo, i consumatori britannici e i lavoratori hanno motivi legittimi di preoccupazione.

1 comunicato stampa. Blocco di Liverpool sulle importazioni di amianto. 2 settembre 2019.
http://ibasecretariat.org/media-release-liverpool-blockade-on-asbestos-imports-3-9-2019.pdf

2 Kazan-Allen, L. Regno Unito vieta l'amianto . Newsletter britannica sull'amianto, numero 36, autunno 1999.
http://www.britishasbestosnewsletter.org/ban36.htm

3 Rosner, D. Deregolamentazione della sicurezza: il caso dello sforzo per vietare l'amianto . Giugno 2017.
https://www.milbank.org/quarterly/articles/deregulating-safety-case-effort-ban-asbestos/