Segnalazione. Inrs. Travail & Sécurité : numéro de juillet-août 2022

Fonte INRS 

Les pratiques addictives

Le numéro 839 du magazine Travail & Sécurité est paru. Le dossier du mois est consacré à la prévention des pratiques addictives. Au sommaire, découvrez un entretien avec Marie Pezé, psychologue spécialiste du burnout, pour qui l’organisation du travail est au centre de la question du burnout. Un reportage « En Images » emmène au sein du chantier de l’extension de la digue du port de La Turballe.

Couverture du numéro 839 de Travail & Sécurité
  • Le Grand Entretien, avec Marie Pezé, psychologue spécialiste du burnout, pour qui le burnout est devenu un concept réceptacle de toutes les plaintes liées au monde du travail. Ce qui n’enlève rien de sa pertinence et ne doit pas faire oublier sa signification : témoigner de la souffrance de nombre de salariés.
  • Le Dossier consacré à la prévention des pratiques addictives. Observées en milieu professionnel comme partout ailleurs, les pratiques addictives peuvent être favorisées par certaines conditions de travail. Pour construire une démarche de prévention collective, associée à la prise en charge des cas individuels, l’implication de l’ensemble des acteurs est essentielle. L’instauration d’un climat de confiance également.
  • Le En Images propose une immersion au sein du chantier de l’extension de la digue du port de La Turballe où les phases de terrassement et de génie civil, réalisées dans un espace limité et un environnement maritime contraignant, ont nécessité une préparation très rigoureuse pour tenir les délais et assurer la sécurité de tous les intervenants.
  • Les Actualités, la rubrique Émergences s’intéresse à la loi Agec (antigaspillage pour une économie circulaire). Cette dernière, adoptée en février 2020, vise à réduire les emballages plastique, à lutter contre le gaspillage et l’obsolescence programmée, et à favoriser le réemploi des produits. Elle incite à plus de réparation, de réutilisation et d’écoconception des produits de consommation courante. Une loi qui va faire évoluer les filières de recyclage.
  • Les reportages En entreprise et la partie Services qui propose un « Droit en pratique » concernant les nouvelles dispositions applicables sur le suivi de l’état de santé des travailleurs, les extraits des textes officiels parus entre le 1er et le 31 mai 2022 et pour finir deux « Questions-Réponses » l’une sur la conception des quais de chargement pour limiter les chocs subis par les caristes, l’autre sur les risques liés à la multiplication des visioconférences.

 37 total views,  7 views today

Crimini di guerra OSINT, molestie, polizia Doxxing e manifestanti: riconoscimento facciale per tutti

 

Fonte Algorithmwatch che ringraziamo. Per un uso professionale di questo articolo vedi la versione in lingua originale

di Josephine Lulamae

Con FindClone e servizi simili come PimEyes e Search4faces, uno “scenario da incubo” della privacy è già una realtà. Quali sono i casi di (cattivo) uso degli strumenti di riconoscimento facciale che chiunque può pagare per utilizzare?

18 marzo, mega-rally nazionalista di Vladimir Putin: se ingrandisci un’immagine del palco, puoi vedere un uomo con grandi cuffie e un impermeabile blu tirato sulla bocca, in agguato . Ora fai scorrere la sua faccia attraverso il sito russo di riconoscimento facciale da $ 5 al mese FindClone, che consente agli utenti di scattare foto di persone e trovare i loro volti sui social media russi in pochi secondi. Un fiammifero: una foto, ora cancellata, di un uomo con una croce al collo, seduto su un letto con altri tre uomini in topless.

Dopo la manifestazione, la testata giornalistica ceca Radio Liberty ha utilizzato FindClone per cercare di identificare l’uomo nelle cuffie. Hanno scoperto che l’uomo con la croce al collo è molto probabilmente un impiegato sotto copertura della squadra di sicurezza personale di Putin. “Non un tecnico del suono, ma un dipendente del Reggimento Presidenziale dell’UST (Servizio della Guardia Federale)”, hanno concluso . Hanno anche verificato la corrispondenza con il riconoscimento facciale di Microsoft Azure, che ha assegnato un punteggio di confidenza del 74% ai volti identici.

Non tutti sono convinti, tuttavia: “OSINT (open source intelligence) sbagliato sulle persone reali”, uno sviluppatore di software di Bosch chiamato Uli Stopper ha pubblicato nell’articolo di Radio Liberty. È “completamente impossibile” per qualsiasi algoritmo “identificare definitivamente” qualcuno da un’immagine in cui hanno la bocca, il mento / la mascella e le orecchie coperti, se anche quell’immagine è a bassa risoluzione, mi ha detto. Inoltre, non è chiaro quale software di riconoscimento facciale utilizzi Microsoft Azure e cosa significhi il loro “punteggio di fiducia”. Continua a leggere “Crimini di guerra OSINT, molestie, polizia Doxxing e manifestanti: riconoscimento facciale per tutti”

 79 total views,  8 views today

Aggiornati i limiti di esposizione occupazionale ACGIH

NEWS

02/08/2022

Fonte MatLine

Aggiornati i limiti di esposizione occupazionale ACGIH

In base alle ultime indicazioni dell’ACGIH (American Conference of Governmental Industrial Hygienists) sono stati aggiornati i valori limite di soglia (TLV-TWA) di 5 sostanze presenti in MATline:

– Acrilammide (TWA 0,03 mg/m³ (IFV), skin, DSEN, A2, CNS & PNS impair, cancer)

– Triossido di diantimonio (TWA 0,02  mg/m³ (I), A2, Pneumonitis)

– Cumene (TWA 5 ppm, A3, URT adenoma; neurological eff)

– Stirene (TWA 10 ppm, STEL 20 ppm, OTO, A3, BEI, CNS & hearing impair, URT irrt, pheriferal neuropathy, visual disorders)

– Stirene ossido (TWA 1 ppm, Skin, DSEN; A3, URT irr, blood changes)

E’ stato anche aggiornato l’Indice Biologico di Esposizione (IBE) di 1 sostanza presente in MATline:

– Anilina (Indicatore: Anilina nelle urine con idrolisi. Periodo di prelievo: fine turno. IBE: 0,5 mg/L)

 119 total views,  3 views today

TUC – Risks – Newsletter TUC 28/07/2022

USA: i magazzini Amazon sotto inchiesta

I pubblici ministeri federali di New York e l’autorità di regolamentazione della sicurezza del governo OSHA stanno ispezionando i magazzini Amazon negli Stati Uniti nell’ambito di un’indagine civile su condizioni di lavoro non sicure. Una dichiarazione afferma che “l’Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti è entrata nei magazzini di Amazon fuori New York City, Chicago e Orlando per condurre ispezioni sulla sicurezza sul lavoro in risposta alle segnalazioni dei lavoratori”. Ha aggiunto che, oltre alle violazioni della sicurezza, SDNY stava indagando su “possibili condotte fraudolente progettate per nascondere le lesioni dell’OSHA e di altri”.
Notizie ABC . Legge Bloomberg .

__________________________________________

GB . Se Liz Truss diventasse Premier farebbe un   “falò dei diritti”

Centinaia di leggi sull’occupazione e sulla protezione dell’ambiente potrebbero scomparire dall’oggi al domani se Liz Truss diventasse primo ministro, dopo aver promesso di eliminare tutti i restanti regolamenti dell’UE entro la fine del 2023. Nonostante gli avvertimenti sulla portata e la complessità del compito, Truss ha lanciato la sua campagna di ballottaggio della leadership promettendo un “tramonto” per tutte le leggi derivate dall’UE entro 15 mesi – e queste includono molte importanti regole di sicurezza. Esperti e leader sindacali hanno affermato che le proposte di Truss sarebbero estremamente difficili da realizzare nel contesto dei piani per sbarazzarsi di un lavoro di servizio civile su cinque nei prossimi tre anni, con avvertimenti che potrebbero diventare un “falò di diritti”. Un’altra complicazione è il fatto che divergere dagli standard dell’UE in settori come l’occupazione o la protezione ambientale potrebbe comportare ritorsioni da parte di Bruxelles,
Comunicato stampa RMT . Il Guardiano .


GB .  I profittatori dei DPI hanno minato la sicurezza nella gestione della pandemia  Covid

Unite ha affermato che i “profittatori del DPI” devono essere ritenuti responsabili a seguito di un rapporto schiacciante del Comitato per i conti pubblici dei Comuni (PAC). Il PAC ha identificato “mancanze significative” nella gestione di 176 contratti di DPI per un valore di 2,7 miliardi di sterline che hanno portato a una scorta di quasi 4 miliardi di articoli non necessari. Il segretario generale di Unite Sharon Graham ha dichiarato: “I profittatori colpevoli devono essere tenuti a rispondere, così come i ministri del governo che hanno abusato della loro posizione per accelerare le aziende con cui avevano legami”.
Comunicato stampa Unite . Comunicato stampa e rapporto PAC .

 90 total views,  3 views today

L’inquinamento atmosferico è responsabile dell’aumento delle demenze

Per la prima volta il governo del Regno Unito ha riconosciuto ufficialmente che l’inquinamento atmosferico sta alimentando un aumento dei casi di demenza. Il collegamento è stato messo nero su bianco in un report della Committee on the Medical Effects of Air Pollutants

di Valentina Arcovio di “Sanità Informazione” che ringraziamo

L’inquinamento atmosferico è responsabile dell’aumento delle demenze

Per la prima volta il governo del Regno Unito ha riconosciuto ufficialmente che l’inquinamento atmosferico sta alimentando un aumento dei casi di demenza. Il collegamento è stato messo nero su bianco, in un report lungo 290 pagine realizzato dalla Committee on the Medical Effects of Air Pollutants (COMEAP), guidata da Frank Kelly dell’Imperial College London. In questa importante revisione di studi indipendenti viene infatti confermato che le particelle tossiche nell’aria, provenienti da automobili e combustibili, sono legate al rapido aumento delle demenze nel mondo sviluppato.

L’inquinamento atmosferico contribuisce al declino delle capacità mentali

I ricercatori concludono che è «probabile che l’inquinamento atmosferico possa contribuire a un declino delle capacità mentali e alla demenza nelle persone anziane». Il processo attraverso il quale questo avverrebbe è tramite l’infiltrazione di minuscole particelle tossiche nel flusso sanguigno dopo essere state inalate nei polmoni. Gli inquinanti quindi irritano i vasi sanguigni e interrompono la circolazione al cervello. Nel tempo, questo può portare a demenza vascolare. È anche probabile che, in rari casi, particelle di inquinamento atmosferico molto piccole possano attraversare la barriera ematoencefalica e danneggiare direttamente i neuroni.

Continua a leggere “L’inquinamento atmosferico è responsabile dell’aumento delle demenze”

 203 total views,  2 views today

La ricerca della verità

 

 

“statue of Socrates from the Academy of Athens,Greece”

 

Fonte Smips.org

di Vincenzo Balzani*

Il campo della scienza si estende dalle cose più semplici a quelle più complesse e i vari gradi di complessità richiedono categorie interpretative diverse. Sappiamo tutto sulle molecole, ma questo non ci permette di spiegare le proprietà dell’uomo, che pure è fatto di molecole. È impossibile, almeno per ora, dare una base scientifica alle manifestazioni più elevate che caratterizzano l’uomo, quali la mente, i sentimenti, la coscienza. Inoltre, la scienza può spiegare “come”, ma non “perché” avvengono i fenomeni naturali. Ad esempio, sappiamo che c’ è la forza di gravità e conosciamo le sue leggi, ma non sappiamo perché essa ci sia. La scienza, poi, non può dare risposte alle domande che sorgono nell’intimo di ogni uomo: che senso ha la vita? esiste Dio? perché c’è il male? Le risposte a queste domande vanno cercate nella filosofia e la religione. Scienza, filosofia e religione sono tre branche del sapere distinte; sono tutte e tre molto importanti per l’uomo, per cui non possono essere separate da nette linee di demarcazione. Questo però non autorizza sconfinamenti ingiustificati.

Continua a leggere “La ricerca della verità”

 112 total views,  2 views today

Germania.Schizzano al 16.2% i contributi per le assicurazioni sanitarie: la nuova legge di Lauterbach

 

16.2%
Il ministro della sanità Karl Lauterbach (SPD). Sandro Halank, Wikimedia Commons, CC BY-SA 4.0, CC BY-SA 4.0 , via Wikimedia Commons

Mercoledì il ministro della sanità Lauterbach ha annunciato il contenuto della nuova legge con cui la Germania si prepara a contrastare il deficit record delle Assicurazioni Sanitarie, stimato in termini di 17 miliardi, secondo l’Handelsblatt. Non era esattamente un secreto e contributi più alti a partire dal 2023 erano già stati annunciati, anche da noi, ma finalmente si conosce l’entità dell’aumento: si parla di contributi pari al 16.2% del salario lordo.

Oltre a far arrivare la soglia dei contributi al 16.2%, Lauterbach intende attingere anche dalle riserve delle stesse Casse Malattia e dal Fondo per la salute, a cui tuttavia garantisce sovvenzioni e prestiti da parte del governo, e di praticare un prelievo supplementare dall’industria farmaceutica. Lauterbach sostiene che questa combinazione di misure abbia lo scopo di far rientrare la crisi, senza però attuare tagli alle prestazioni sanitarie erogate.

 

Assicurazioni Sanitarie Obbligatorie: i contributi salgono al 16.2%

Il deficit delle Assicurazioni Sanitarie Obbligatorie è una bella patata bollente per il governo di Scholz e in particolare per il ministro della sanità, Karl Lauterbach. L’esponente dell’SPD, principale responsabile delle politiche tedesche sulla salute, ha annunciato mercoledì il contenuto della proposta di legge a cui ha lavorato nel corso delle ultime settimane e che è stata approvata dal governo.

Per far fronte al disastro, in un momento in cui incombono anche l’inflazione e l’aumento dei costi dell’energia, il ministro ha deciso di alzare il contributo aggiuntivo da versare alle Casse Malattia di 0,3 punti, che uniti all’aumento dell’1,6% già predisposto, portano l’aliquota generale dal 14,6% al 16,2% dei salari lordi. Il provvedimento, che entrerà in vigore dal 2023, riguarderà circa 57 milioni di iscritti. Il totale dei contributi sociali salirà inoltre e conseguentemente al 40,45%, superando, per la prima volta dal 2012, la soglia del 40%.

 

Prelievi anche dalle riserve delle Assicurazioni. Lauterbach: “Puntiamo a non tagliare le prestazioni sanitarie”

Per far fronte alla crisi, tuttavia, il governo preleverà anche le risorse delle stesse Casse Malattia e del Fondo sanitario, con una pressione pari a 6,4 miliardi di euro. Le Casse dovranno fornire un contributo di solidarietà di quattro miliardi di euro dalle loro riserve, mentre dal Fondo sanitario saranno prelevati 2,4 miliardi. Il governo aumenterà inoltre di 2 miliardi l’attuale sussidio federale per l’Assicurazione Sanitaria Obbligatoria e concederà alle Casse e al Fondo sanitario un prestito di un miliardo a zero interessi. Gli sconti che le aziende farmaceutiche hanno l’obbligo di concedere alle Casse per i farmaci protetti da brevetto, infine, verranno aumentati dal 7 al 12% per cento per un anno. Provvedimento che ovviamente scontenta anche l’industria del farmaco. Lauterbach ha specificato che questa combinazione di misure punta a contenere i costi senza tagliare le prestazioni agli assicurati e senza gravare su di loro in modo sensibile.

Protesta a gran voce il presidente dell’AOK del Baden-Württemberg, Johannes Bauernfeind, infastidito dal fatto che Latuerbach abbia dichiarato che gli assicurati non saranno gravati da oneri significativi. “Questo è un tentativo deliberato di nascondere gli oneri reali” ha commentato Bauernfeind, che sostiene che anche un aumento di pochi punti comporterà un problema per molti, inclusi i datori di lavoro, specie in questa congiuntura di crisi generale. Bauernfeind è inoltre chiaramente irritato dal fatto che le stesse Assicurazioni subiranno prelievi. Ha ribadito che le Case Malattia si sostengono grazie ai pagamenti degli assicurati o dei loro datori di lavoro e ha dichiarato che attingere dalle riserve delle assicurazioni, senza attuare riforme strutturali del sistema sanitario, non potrà che ricadere sui contribuenti.

 

 

 112 total views,  1 views today

TUC denuncia : Macchinisti costretti a usare prodotti per l’incontinenza

 

 

Il governo del Regno Unito e le compagnie ferroviarie stanno usando l'”emergenza sanitaria” pandemica come scusa per imporre cambiamenti che significano che la sicurezza e la dignità dei macchinisti vengono ignorate. Nel 13 giugno prove ai parlamentari, il sindacato ferroviario ASLEF ha affermato che alcuni macchinisti erano così a corto di pause che hanno dovuto fare affidamento sui prodotti per l’incontinenza. Eddie Dempsey, l’assistente segretario generale senior dell’RMT, ha detto al comitato ristretto dei trasporti della Commons che il governo stava “usando l’emergenza sanitaria” per imporre modifiche dannose alle condizioni di lavoro. E Mick Whelan, il segretario generale dell’ASLEF, ha detto ai parlamentari che alcuni conducenti, confinati ai taxi per lunghi periodi senza interruzioni, era stata costretta a utilizzare i “prodotti Tena” – un marchio per l’incontinenza”. Ha aggiunto: “Le persone stanno usando la pandemia come scusa per decimare termini e condizioni e forzare le cose”.
Audizione del comitato ristretto dei trasporti sugli scioperi ferroviari , 13 luglio 2022. The Guardian .

 

 

 90 total views,  4 views today

Relazione annuale Inail 2021: dopo la pandemia l’impegno dell’Istituto per una ripresa nel rispetto della tutela della salute e sicurezza sul lavoro

Fonte Inail.it

I dati sull’andamento infortunistico e tecnopatico, i risultati economici conseguiti e le attività realizzate sui fronti della ricerca, della prevenzione, della riabilitazione e degli investimenti sono stati presentati a Palazzo Montecitorio dal presidente Franco Bettoni. Al netto dei contagi da Covid-19 di origine professionale, gli infortuni “tradizionali” denunciati sono aumentati del 20% e i casi mortali di quasi il 10%

ROMA – “La ripresa delle attività produttive dopo la pandemia deve proseguire in accordo con l’esigenza primaria di garantire la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro”. Lo ha detto questa mattina a Roma il presidente dell’Inail, Franco Bettoni, in occasione della presentazione a Palazzo Montecitorio della Relazione annuale 2021, alla presenza del vicepresidente Paolo Lazzara, dei consiglieri di amministrazione Teresa ArmatoCesare Damiano e Francesca Maione, del presidente del Consiglio di indirizzo e vigilanza, Guglielmo Loy, del direttore generale Andrea Tardiola e della presidente del Collegio dei sindaci, Daniela Carlà.

Illustrando alla Presidenza della Camera dei deputati, al ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, e alle altre autorità presenti l’andamento di infortuni e malattie professionali che emerge dai dati dell’Istituto, le attività realizzate, i risultati economici conseguiti e gli obiettivi strategici per il futuro, Bettoni ha citato il Capo dello Stato, che ha più volte richiamato la necessità di azzerare le morti sul lavoro, sottolineando che “l’Inail è pronto a fare la sua parte, aumentando gli investimenti sulla sicurezza e avvalendosi dei progressi compiuti in questi anni dalla ricerca scientifica”.

“Per l’Italia – ha aggiunto – i fondi stanziati dall’Unione europea nell’ambito del programma Next Generation EU rappresentano un’occasione unica di sviluppo, investimenti e riforme”. Si tratta, infatti, di “un’opportunità imperdibile per rafforzare il processo di modernizzazione e semplificazione della pubblica amministrazione, per potenziare le infrastrutture e le filiere produttive, e per migliorare la tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, puntando su formazione e cultura della sicurezza”.

Continua a leggere “Relazione annuale Inail 2021: dopo la pandemia l’impegno dell’Istituto per una ripresa nel rispetto della tutela della salute e sicurezza sul lavoro”

 155 total views,  1 views today

L’accordo quadro europeo sulle molestie e sulla violenza sul luogo di lavoro

molestie-e-contrattaz-II-livello1

Per scaricare il file  .pdf clicca QUI 

L’ACCORDO QUADRO EUROPEO SULLE MOLESTIE
E SULLA VIOLENZA SUL LUOGO DI LAVORO
recepito in Italia con molti Accordi Interconfederali

APPUNTI E SUGGERIMENTI (NON ESAUSTIVI) PER LA CONTRATTAZIONE DI II LIVELLO IN MATERIA DI. prevenzione delle violenze e delle molestie anche sessuali nei luoghi di lavoro

 113 total views,  1 views today

Risoluzione del Parlamento Europeo su Salute mentale nel mondo digitale

Salute mentale nel mondo del lavoro digitale

Risoluzione del Parlamento europeo del 5 luglio 2022 sulla salute mentale nel mondo del lavoro digitale (2021/2098(INI))

salutementale_mondo_fTA-9-2022-0279_IT

Per scaricare il file pdf clicca QUI 

 151 total views,  1 views today

Onu: consumo di stupefacenti in aumento del 26% rispetto al 2010

 

Fonte ASVIS.IT

Forti i legami tra zone di conflitto e produzione di sostanze stupefacenti, secondo il World drug report 2022. In primo piano, gli impatti ambientali del settore e il divario di genere nelle cure delle dipendenze.   13/7/22

“I numeri per la produzione e il sequestro di molte droghe illecite stanno raggiungendo livelli record. Le percezioni errate sull’entità del problema e sui danni associati privano le persone di cure e spingono i giovani verso comportamenti dannosi”. A dirlo è Ghada Waly, direttrice esecutiva dell’Ufficio delle Nazioni unite contro la droga e il crimine (Unodc), in occasione della recente uscita del rapporto “World drug report 2022”, che fotografa una situazione allarmante. Secondo il documento, infatti, produzione e consumo sono in aumento a livello globale: la legalizzazione della cannabis in alcune parti del mondo ne ha accelerato l’uso (e l’impatto sulla salute), mentre la produzione di cocaina ha raggiunto livelli record, così come la diffusione delle droghe sintetiche e la mancanza di cure sanitarie, in particolare per le donne.

Secondo il Rapporto, nel 2020 circa 284 milioni di persone di età compresa tra i 15 e i 64 anni hanno fatto uso di droghe a livello globale, con un aumento del 26% rispetto al 2010. I giovani sono i maggiori fruitori, con livelli di consumo più alti rispetto alle generazioni passate. Di questo totale, 11,2 milioni di persone in tutto il mondo assumono droghe tramite iniezioni: circa la metà di queste soffre di epatite C, 1,4 milioni convive con l’Hiv e 1,2 milioni con entrambi. Il Covid-19, dice l’Unodc, ha interrotto a livello globale diversi servizi per le

Fruitori a livello globale delle diverse tipologie di sostanze, in milioni (2020)

dipendenze: ad esempio, due terzi dei Paesi hanno segnalato una diminuzione del numero di persone trattate nel 2020. Continua a leggere “Onu: consumo di stupefacenti in aumento del 26% rispetto al 2010”

 124 total views,  2 views today

ETUI.  Ondata di caldo: un rischio professionale  Le autorità europee e nazionali non possono più ignorare

 

Poiché un’altra ondata di caldo è destinata a colpire l’Europa dopo quella prematura di giugno, un rapporto dell’Istituto sindacale europeo (ETUI) rivela che nessun paese dell’UE ha ancora preso la misura reale dell’impatto dell’aumento delle temperature sulla salute, sicurezza, benessere e produttività della popolazione attiva.

“Al momento, ampie fasce di lavoratori subiscono l’inazione da parte dei datori di lavoro mentre le autorità tendono a continuare a chiudere un occhio sull’esposizione estrema durante le ondate di caldo”, spiega la sociologa Claudia Narocki in un nuovo rapporto, Heatwaves as an Occupational Hazards: The impact di caldo e ondate di caldo sulla salute, sicurezza e benessere dei lavoratori e sulle disuguaglianze sociali . Questo vale anche per i lavori noti per essere estremamente a rischio di esposizione al calore durante gli eventi di caldo. Tuttavia, tutti gli esperti concordano sul fatto che l’aumento dei ricoveri mortali e non fatali negli ospedali, durante le ondate di caldo, è principalmente correlato all’esposizione professionale.

 

Continua a leggere “ETUI.  Ondata di caldo: un rischio professionale  Le autorità europee e nazionali non possono più ignorare”

 241 total views,  4 views today

Le ondate di caldo peggiorano le condizioni di salute mentale

Heatwaves worsen mental health conditions

 

Laurence Wainwright, University of Oxford and Eileen Neumann, University of Zurich

Heatwaves have a huge impact on our physical and mental health. Doctors usually dread them, as emergency rooms quickly fill up with patients suffering from dehydration, delirium and fainting. Recent studies suggest at least a 10% rise in hospital emergency room visits on days when temperatures reach or exceed the top 5% of the normal temperature range for a given location.

Soaring temperatures can also make symptoms worse in those with mental health conditions. Heatwaves – as well as other weather events such as floods and fires – have been linked to a rise in depressive symptoms in people with depression, and a rise in anxiety symptoms in those with generalised anxiety disorder – a disorder where people feel anxious most of the time.

Continua a leggere “Le ondate di caldo peggiorano le condizioni di salute mentale”

 331 total views,  3 views today

Sono il più veloce. Storia di un infortunio in agricoltura

 

Fonte DoRS che ringraziamo

a cura di Redazione DoRS

Una sera d’estate dopo aver lavorato nei campi, Alessio, un giovane agricoltore, mentre rientrava in azienda alla guida del suo trattore lungo una strada provinciale nella pianura dell’alessandrino, si trova incolonnato dietro ad un autocarro e altri trattori, uno guidato dal padre e l’altro da un suo collega. Supera prima l’autocarro e successivamente il trattore guidato da Giorgio, suo padre. Nel tentativo di riguadagnare la normale posizione di marcia, perde il controllo del veicolo che si ribalta di 360 gradi e viene sbalzato fuori dal veicolo. L’urto con l’asfalto è troppo forte, Alessio perde la vita.

Questa è la ottantasettesima storia aggiunta al repertorio delle storie di infortunio, nel quale sono raccolte le storie scritte dagli operatori dei servizi di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro che partecipano al progetto “Dall’inchiesta alla storia: costruzione di un repertorio di storie di infortunio sul lavoro”.

Vai al repertorio delle storie di infortunio, leggi direttamente la sintesi della storia o la storia completa Sono il più veloce 

 207 total views,  1 views today

Il bollettino di informazione “Sostanze chimiche – ambiente & salute” del Ministero della Transizione Ecologica

 

Il bollettino di informazione “Sostanze chimiche – ambiente & salute” del Ministero della Transizione Ecologica ha come obiettivo quello di fornire con cadenza periodica aggiornamenti e informazioni al pubblico sulle principali attività e normative concernenti le sostanze chimiche, in attuazione del Regolamento (CE) n. 1907/2006, “regolamento REACH” (acronimo di Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of CHemicals).

luglio 2022
Anno 13° – numero 2

SostanzeChimiche_AmbienteSalute_Autorizz_Valutaz_Luglio 2022

Per scaricare il file Clicca Qui 

 219 total views,  2 views today

Il consumo di cannabis è legato a un rischio di lesioni più elevato, ma solo tra coloro che ne fanno uso durante o prima del lavoro

FONTE : IWH

Lo studio IWH rileva che il rischio di infortuni raddoppia tra i lavoratori che fanno uso di cannabis prima o sul lavoro, ma nessun aumento tra coloro che usano fuori dal lavoro

Le persone che usano cannabis prima o al lavoro corrono un rischio significativamente maggiore di infortuni sul lavoro, il doppio del rischio affrontato dalle persone che non usano cannabis.

Tra i lavoratori che dichiarano di consumare cannabis ma non specificamente prima o al lavoro, invece, non c’è stato un rischio maggiore di infortuni sul lavoro rispetto ai lavoratori che non ne fanno uso. Questo secondo i risultati di uno studio dell’Istituto per il lavoro e la salute ( IWH ) guidato dalla scienziata associata dott.ssa Nancy Carnide, che ha condiviso i risultati in una presentazione di webinar IWH Speaker Series nel marzo 2022.

Quando abbiamo esaminato il gruppo di lavoratori che avevano usato cannabis al lavoro o prima del lavoro nell’ultimo anno, quello che abbiamo visto è stato un raddoppio del rischio, afferma Carnide. Tuttavia, il rischio di infortunio sul lavoro per i lavoratori che hanno denunciato l’uso nell’ultimo anno, ma non prima o sul lavoro, non era significativamente diverso da quello delle persone che non hanno fatto uso di cannabis.

Guarda il webinar

Questi risultati sono gli ultimi emersi dallo studio in corso, finanziato attraverso il Canadian Institutes of Health Research, iniziato pochi mesi prima della legalizzazione della cannabis non medica nell’ottobre 2018 in Canada.

Basandosi su una serie di sondaggi condotti per la prima volta nel giugno 2018 e da allora una volta all’anno, il team di Carnide ha deciso di capire se i modelli di consumo di cannabis sono cambiati negli ultimi anni, in particolare il consumo durante o subito prima del lavoro.

Data la struttura longitudinale dello studio, il team ha visto una buona opportunità per utilizzare i dati di questo studio anche per esaminare le implicazioni dell’uso di cannabis sul rischio futuro di infortuni sul lavoro. Studi precedenti che hanno esaminato questa domanda hanno avuto risultati contrastanti. Ma nessuno di loro ha esaminato in modo specifico l’uso di cannabis prima o durante il lavoro, afferma Carnide. Continua a leggere “Il consumo di cannabis è legato a un rischio di lesioni più elevato, ma solo tra coloro che ne fanno uso durante o prima del lavoro”

 439 total views,  4 views today

MITE-Pubblicato il Programma Nazionale per la Gersione dei Rifiuti-PNGR

Fonte CIIP

Con Decreto del 24 giugno 2022 il Ministero per la Transizione Ecologica ha pubblicato il Programma Nazionale per la Gestione dei Rifiuti, finanziato con il fondo Next Generation EU.

Il Programma Nazionale per la Gestione dei Rifiuti costituisce uno strumento strategico di indirizzo per le Regioni e le Province autonome nella pianificazione della gestione dei rifiuti.

Il Programma fissa i macro-obiettivi, definisce i criteri e le linee strategiche cui le Regioni e le Province autonome si attengono nell’elaborazione dei Piani regionali di gestione dei rifiuti.

Sul sito del MITE il Piano Nazionale per la Gestione dei Rifiuti

 190 total views,  3 views today

GB. Newsletter RISKS n° 1051 – 13 luglio 2022

Fonte :  GB Risks , newsletter TUC 

Regno Unito in ritardo rispetto all’UE sugli standard chimici

La conferma del governo del Regno Unito che non corrisponderà alle nuove restrizioni dell’UE su una serie di sostanze chimiche potenzialmente pericolose metterà a rischio le persone, ha avvertito un ente di beneficenza chimico. Chem Trust ha affermato che esiste la prospettiva di un “abisso” emergente tra Bruxelles e il Regno Unito, lasciando la Gran Bretagna con normative più deboli sulle sostanze chimiche potenzialmente dannose per la salute umana e l’ambiente. Una ricerca di Chem Trust ha rilevato che dalla Brexit il Regno Unito ha eguagliato solo due su cinque restrizioni dell’UE sulle sostanze chimiche che potrebbero essere pericolose, con altre 20 restrizioni dell’UE in cantiere. Si ritiene che la mancanza di capacità presso l’Health and Safety Executive (HSE) sia in parte responsabile della decisione del governo di non corrispondere ai livelli dell’UE di restrizioni sulle sostanze chimiche.
Fiducia chimica . Telegrafo d’affari .

I suicidi marittimi sono “inaccettabilmente alti”

Il sindacato marittimo RMT ha affermato che gli alti livelli di suicidi in mare dimostrano la necessità di sindacati forti nel sostenere il benessere mentale dei marittimi. Il sindacato indica uno studio sulla rivista International Maritime Health che stima che il 5,9% dei decessi in mare siano collegati al suicidio. Quando sono state incluse le morti “sospette” che erano forse suicidi, la percentuale è aumentata al 18,3%. Il segretario generale di RMT Mick Lynch ha dichiarato: “In un momento in cui stiamo affrontando una crisi del costo della vita, l’impatto sulla salute mentale dei nostri membri è immenso. Quando si tratta di suicidio, i datori di lavoro devono identificare il problema incoraggiando la segnalazione, identificare comportamenti e identificare modi per aiutare. RMT è qui per aiutare i nostri membri e datori di lavoro ad aiutare con il benessere mentale e i lavoratori marittimi quando incontrano difficoltà”.
Comunicato stampa RMT .

 170 total views,  2 views today

Mondiali Calcio. Le famiglie portano a casa i resti dei lavoratori migranti dal Qatar

Fonte HRW.ORG che ringraziamo

Autore:  Michele Pagina Vice Direttore, Divisione Medio Oriente e Nord Africa

Human Rights Watch ha recentemente accompagnato un autista nepalese a svolgere un triste compito: consegnare il corpo di un lavoratore migrante morto in Qatar ai suoi cari in lutto. Nonostante il terreno accidentato del Nepal e il frequente arrivo di corpi all’aeroporto di Kathmandu molto dopo la mezzanotte, questi autisti sono presenti per caricare la bara per l’ultimo viaggio di ritorno del lavoratore.

“A volte ci sono così tanti casi che dobbiamo tornare di corsa nella capitale non appena lasciamo una bara per la consegna successiva”, ha detto un autista. Continua a leggere “Mondiali Calcio. Le famiglie portano a casa i resti dei lavoratori migranti dal Qatar”

 235 total views,  3 views today

Gestione del rischio caldo, online le linee guida dell’Inail

Fonte Inail.it

Un vademecum pronto all’uso, dedicato a lavoratori, datori di lavoro e figure aziendali della salute e sicurezza, realizzato nell’ambito delle attività del progetto Worklimate. Frutto della collaborazione con il Consiglio nazionale delle ricerche-Istituto per la BioEconomia (Cnr-Ibe), lo studio approfondisce gli effetti delle condizioni di stress termico ambientale sui lavoratori

 

WorKlimate-4

Per scaricare il file CLICCA QUI 

ROMA – Un vero e proprio decalogo per prevenire le patologie da calore nei luoghi di lavoro: mentre le temperature dell’estate 2022 continuano a salire, l’Inail pubblica una guida con raccomandazioni mirate per intervenire in maniera efficace.  L’impatto delle temperature estreme, infatti, è particolarmente rischioso sia per chi svolge la propria attività lavorativa in ambienti dove non è possibile conseguire le condizioni di comfort a causa di vincoli legati alle necessità produttive o alle condizioni ambientali, sia per chi lavora all’aperto, come nel settore agricolo e delle costruzioni. Recentemente, i fenomeni climatici estremi sono stati posti in relazione con un aumento del rischio di infortunio sul lavoro.

Le patologie, i sintomi e le strategie di prevenzione. La guida si apre con la descrizione delle patologie da calore, tra le quali rientrano i crampi, la dermatite da sudore, gli squilibri idrominerali fino al colpo di calore, che può comportare aritmie cardiache e l’innalzamento della temperatura corporea oltre i 40°. Compito del datore di lavoro è individuare procedure specifiche per attuare le misure più efficaci, a partire dalla scelta di una persona che sovrintenda al piano di sorveglianza per la prevenzione degli effetti dello stress da caldo. Fondamentale è la formazione dei lavoratori, e, tra le strategie, è importante considerare l’importanza dell’idratazione, di un abbigliamento adeguato, della riorganizzazione dei turni di lavoro e della possibilità di accedere ad aree ombreggiate durante le pause. Continua a leggere “Gestione del rischio caldo, online le linee guida dell’Inail”

 397 total views

Piante proibite. Giustizia ambientale nella politica sulle droghe

Fonte TNI che ringraziamo 

In tutto il mondo, lo stato di stress ambientale è senza precedenti. Come sottolineano gli studiosi e l’attivismo sulla “giustizia ambientale”, le comunità più povere ed emarginate devono affrontare un’esposizione particolare ai danni ambientali. Ciò vale in particolare per le popolazioni del sud del mondo. Il ruolo delle droghe illecite in relazione a questi stress ambientali è un terreno poco esplorato. Tuttavia, come sosterrà questo rapporto, le droghe, così come le risposte politiche ad esse, sono una questione ambientale.

Discorso dell’autrice Sylvia Kay alla Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti

Questa disconnessione tra la politica in materia di droga e ambiente è il risultato in gran parte della compartimentazione istituzionale della questione delle droghe nel dominio della criminalità e delle forze dell’ordine con scarso contatto con altre sfere legate all’ambiente o sviluppo sostenibile. I riferimenti all’ambiente all’interno della politica in materia di droga sono rimasti in quanto tali scarsi e di portata limitata.

Continua a leggere “Piante proibite. Giustizia ambientale nella politica sulle droghe”

 161 total views

L’ILO adotta nuove linee guida sui rischi biologici nel mondo del lavoro

Nuove linee guida rivoluzionarie sulla gestione dei rischi biologici sul posto di lavoro sono state concordate dagli esperti riuniti a Ginevra.

Fonte ILO NEWS

GINEVRA (ILO News) – Esperti di governi e organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori si incontrano all’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) hanno adottato linee guida per la gestione dei rischi biologici nell’ambiente di lavoro.

Le linee guida tripartite adottate sono le prime per questo tipo di rischio. Forniscono consulenza specifica, in linea con gli standard internazionali del lavoro, sulla prevenzione e il controllo degli infortuni sul lavoro, delle malattie e dei decessi legati all’esposizione ai rischi biologici nell’ambiente di lavoro. Ciò include domande relative alle responsabilità e ai diritti delle autorità competenti, dei datori di lavoro, dei servizi di salute sul lavoro e dei lavoratori, della gestione dei rischi sul posto di lavoro, della sorveglianza sanitaria dei lavoratori e della preparazione e risposta alle emergenze.

Continua a leggere “L’ILO adotta nuove linee guida sui rischi biologici nel mondo del lavoro”

 291 total views,  3 views today

“Austerità” per i poveri

Fonte Antropocene.org

 

By Prabhat Patnaik

L’adozione di «due pesi e due misure» da parte del FMI mostra la disumanità intrinseca del capitalismo.


Le vite umane in periferia valgono meno delle vite umane nelle metropoli.

Da oltre due anni, il mondo sta affrontando una pandemia che non si vedeva da un secolo e che ha già causato quindici milioni di vittime secondo l’OMS, senza essere lontanamente vicina alla fine. Questa è una crisi senza precedenti per l’umanità nel suo insieme, che richiede uno sforzo enorme da parte di ogni governo, in particolare i governi dei paesi del Terzo mondo, dove le persone sono particolarmente vulnerabili non solo alla malattia ma anche all’indigenza che essa porta con sé.

Essi devono espandere le strutture ospedaliere, tenere pronti un numero adeguato di letti per i ricoveri, creare strutture per i test, rendere disponibili i vaccini e allestire strutture per la vaccinazione e così via. Inoltre, i governi devono fornire soccorso alla popolazione attraverso trasferimenti e aiuto ai piccoli produttori che rischiano di fallire. Tutto ciò richiede un aumento della spesa da parte dei governi.

Continua a leggere ““Austerità” per i poveri”

 200 total views

ETUI. Personale di cabina Ryanair in sciopero per condizioni di lavoro e retribuzione precarie

 

 

Credito fotografico: European Cockpit Association (ECA)

FONTE ETUI

Venerdì 24 giugno 2022, i sindacati del personale di cabina Ryanair in Belgio, Portogallo e Spagna hanno annunciato uno sciopero di tre giorni sui salari e le condizioni di lavoro. Gli equipaggi in Francia e in Italia avrebbero dovuto scioperare questo fine settimana, mentre il personale in Spagna avrebbe dovuto scioperare il 30 giugno e l’1 e 2 luglio.

I sindacati denunciano il mancato rispetto da parte di Ryanair delle leggi nazionali sul lavoro, in particolare per quanto riguarda il salario minimo, e sollecitano l’azienda a migliorare le condizioni di lavoro. In Belgio, i sindacati ACV e BBTK hanno affermato che Ryanair non ha rispettato il diritto del lavoro belga per alcuni lavori prima e dopo il volo. In effetti, i contratti dei lavoratori non si basano sull’ordinamento giuridico del loro paese di residenza, ma solo su quello irlandese, il che consente all’azienda irlandese di essere ermetica alle richieste dei suoi dipendenti. Inoltre, i lavoratori non hanno sempre accesso ai benefici pubblici del proprio paese, poiché sono soggetti alla legge irlandese sul servizio civile.

Continua a leggere “ETUI. Personale di cabina Ryanair in sciopero per condizioni di lavoro e retribuzione precarie”

 224 total views,  1 views today

INAIL Pre.Vi.S: il sistema di monitoraggio dei fattori di rischio lavorativo attraverso l’attività di vigilanza

Fonte CIIP Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione un sito da visitare frequentemente per la rilevanza dei contenuti.

Pre.Vi.S: il sistema di monitoraggio dei fattori di rischio lavorativo attraverso l’attività di vigilanza delle ASL.

L’articolo 8 del D.Lgs. 81/08 relativo alla costituzione del Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione (SINP), così come riformulato dalla L. 215/21, prevede che “Gli organi di vigilanza alimentano un’apposita sezione del Sistema informativo dedicata alle sanzioni irrogate nell’ambito della vigilanza sulla applicazione della legislazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Si tratta di un supporto operativo indispensabile per il coordinamento degli enti che svolgono attività di vigilanza sull’applicazione delle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro; ma anche un insieme di informazioni preziose sulle irregolarità più tipiche riscontrate e sulle esigenze informative/formative delle aziende e dei lavoratori, informazioni utili per la programmazione degli interventi non solo di controllo ma anche più in generale di prevenzione. Continua a leggere “INAIL Pre.Vi.S: il sistema di monitoraggio dei fattori di rischio lavorativo attraverso l’attività di vigilanza”

 183 total views,  1 views today

The Digital Services Act: è tempo che l’Europa capovolga le carte in tavola su Big Tech

Fonte Algorithmwatch

[ la traduzione in italiano è stata realizzata con translator google. Per usi professionali fare riferimento al testo originale in inglese ]

La nuova legge sui servizi digitali dell’UE è un modello per costringere Facebook, Youtube e altre importanti piattaforme online ad affrontare i gravi rischi che rappresentano per gli individui e la sfera pubblica. Il suo successo ora dipende dal fatto che i funzionari dell’UE applichino efficacemente la legge.

Il 9 marzo, un attacco aereo russo ha attraversato un ospedale per la maternità e l’infanzia nella città ucraina di Mariupol, uccidendo almeno tre persone e ferendone molte altre. Le immagini delle vittime dell’attentato hanno scioccato il mondo, compresa quella di una donna incinta ferita che culla il suo grembo mentre viene portata su una barella, poco prima che lei e il suo bambino morissero.

Quando le notizie sull’attentato all’ospedale hanno iniziato a circolare, l’ambasciata russa a Londra si è rivolta a Twitter per mettere in dubbio la loro validità, con affermazioni infondate che l’ospedale non era operativo al momento dell’attacco e che le orribili fotografie erano state messo in scena. A quel tempo, Twitter e altre piattaforme di social media si stavano affannando per affrontare la minaccia della disinformazione filo-russa che si stava già preparando molto prima dell’invasione del paese dell’Ucraina. Sebbene Twitter abbia rimosso i post dell’ambasciata, false narrazioni filo-russe come queste hanno continuato a inondare i social media e a trovare consenso nel pubblico, spinte dagli algoritmi di raccomandazione delle piattaforme. 

Continua a leggere “The Digital Services Act: è tempo che l’Europa capovolga le carte in tavola su Big Tech”

 159 total views,  1 views today

Ucraina: l’ eredità dell’amianto durante la guerra

Fonte IBASE – Segretariato Internazionale per la messa al bando dell’amianto

Gli effetti ambientali ed ecologici del costante bombardamento russo dell’Ucraina sono stati oggetto dell’articolo citato di seguito. Le ripercussioni della distruzione degli ecosistemi naturali e dell’inquinamento dell’ambiente non solo si faranno sentire in tutta Europa, ma aggraveranno anche la crisi climatica. L’uso diffuso dell’amianto in Ucraina in passato ha lasciato un’eredità mortale nelle rovine bombardate e nelle infrastrutture danneggiate con fibre di amianto che si sono disperse nell’aria e quindi un potente pericolo per la salute umana. Vedi: випалена земя і забрудена вода: катастрофччч е елл но насл bravalophic насл bravalophic .

 144 total views,  1 views today

L’agenzia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara a rischio cancerogeno la professione di vigile del fuoco

Fonte : Fire Brigades Union

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, un organismo dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha dichiarato oggi che l’esposizione professionale come vigile del fuoco è stata classificata come cancerogena.

La decisione arriva in un contesto di ricerche in tutto il mondo che dimostrano che esistono legami tra la lotta agli incendi e il cancro, anche nel Regno Unito, dove una ricerca iniziale dell’Università del Central Lancashire (UCLan) ha scoperto che ai vigili del fuoco intervistati era quattro volte più probabile che venissero diagnosticati cancro rispetto alla popolazione generale .

Ora sappiamo che questi collegamenti derivano da problemi che includono contaminanti tossici da fuoco.

Continua a leggere “L’agenzia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara a rischio cancerogeno la professione di vigile del fuoco”

 424 total views,  4 views today

La “dottrina delle questioni principali”: la Corte Suprema degli Stati Uniti smussa l’EPA

 

Fonte:  Green Left Australia che ringraziamo

 

La Corte Suprema degli Stati Uniti è stata freneticamente occupata negli ultimi tempi, abbattendo leggi e leggi con un entusiasmo ideologico quasi folle. Le leggi sulle armi sono state invalidate; Roe vs Wade e diritti costituzionali all’aborto, confinati alla storia. E ora, l’Agenzia per la protezione ambientale è stata privata dei suoi poteri con una decisione 6‒3.

La decisione del 30 giugno del West Virginia contro l’Agenzia per la protezione ambientale è stata una specie di atto di boxe ombra. Il Clean Power Plan (CPP), che era l’obiettivo della panchina, non è mai entrato in vigore. Nel 2016, la Corte Suprema ha effettivamente bloccato il piano, annunciato dal presidente Barack Obama nell’agosto 2015. È stato originariamente promulgato ai sensi del Clean Air Act .

Continua a leggere “La “dottrina delle questioni principali”: la Corte Suprema degli Stati Uniti smussa l’EPA”

 254 total views

18° seminario ETUI sui rischi chimici sul lavoro

 

Fonte ETUI

La 18a edizione del seminario annuale dell’ETUI sulla protezione dei lavoratori e le sostanze chimiche si è tenuta a Zara, in Croazia, il 28 e 29 giugno 2022. Ha riunito circa 30 sindacalisti di 17 paesi europei per coordinare l’azione sindacale sulla prossima revisione di tre importanti direttive per la prevenzione dei rischi chimici sul lavoro.

La prima è la direttiva sull’amianto , la seconda è la direttiva sugli agenti cancerogeni, mutageni e sostanze tossiche per la riproduzione (CMR) e la terza è la direttiva sugli agenti chimici . La Commissione Europea ha infatti annunciato la pubblicazione entro la fine del 2022 di proposte di revisione di tali leggi per introdurre nuovi valori limite di esposizione professionale rispettivamente per amianto, piombo e suoi derivati ​​e diisocianati.

Continua a leggere “18° seminario ETUI sui rischi chimici sul lavoro”

 135 total views