SEMINARIO RISCHIO ATMOSFERE IPERBARICHE

Newsletter Portale Agenti Fisici

Aperte le iscrizioni al Seminario gratuito

RISCHIO ATMOSFERE IPERBARICHE – 7 FEBBRAIO 2023 (orario 8.30-13.30)

Il seminario, dedicato al Portale Agenti Fisici – Sezione ATMOSFERE IPERBARICHE, è realizzato dal Laboratorio Agenti Fisici dell’Az. USL Toscana Sud Est, in collaborazione con i referenti del Dipartimento medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale (Dimeila) di INAIL e il supporto del Gruppo interregionale Agenti Fisici del Coordinamento Interregionale Prevenzione e sicurezza nei luoghi di Lavoro.

Per iscriversi seguire le istruzioni fornite nella locandina

Visualizza la locandina dell’evento sul PAF

VAI AL LINK sul Portale Agenti Fisici

http://www.portaleagentifisici.it

 204 total views,  2 views today

¿Cuáles son los factores que condicionan el buen aprendizaje a lo largo de la vida?

Shutterstock / alphaspirit.it

Mar García Señorán, Universidade de Vigo

A lo largo de nuestras vidas, los seres humanos hacemos frente a nuevas situaciones, adquirimos nuevos conocimientos y los transferimos a nuevos contextos, desarrollamos nuevas ideas y habilidades, modificando incluso nuestro entorno para mejorar nuestro bienestar. Hacemos todo esto gracias a una extraordinaria herramienta llamada aprendizaje, que ha permitido a nuestra especie un mayor grado de flexibilidad y de adaptabilidad, situándonos en la cúspide de la evolución.

El aprendizaje humano adopta numerosas formas. En algunos casos puede observarse, pues lo que cambia es una conducta que podemos ver, por ejemplo, cuando un niño aprende a ponerse el abrigo. Pero en otras ocasiones lo que cambia es imposible de observar, por ejemplo, cuándo se comprende una explicación o se aprende a resolver un problema.

Aprendizaje accidental o intencional

Las personas pueden realizar aprendizajes complejos (el lenguaje oral, los valores, costumbres, etc.) sin realizar un esfuerzo consciente y de forma espontánea, a través de la observación, la imitación o la interacción con objetos o personas: es lo que se conoce como aprendizaje incidental.

Sin embargo, la mayor parte de los aprendizajes que realizamos durante nuestra vida son voluntarios e intencionales y consisten en sistemas complejos de conocimientos. Su adquisición requiere esfuerzo, una disposición favorable y voluntad para hacerlo. Estos aprendizajes son adquiridos en contextos institucionales específicos y son promovidos por agentes educativos profesionales. Continua a leggere “¿Cuáles son los factores que condicionan el buen aprendizaje a lo largo de la vida?”

 94 total views,  2 views today

2023. La pandemia COVID-19 non è finita

Fonte : Saluteinternazionale che ringraziamo 

The Lancet

Il governo Cinese ha reagito all’ondata di proteste contro la politica  “zero-Covid”, ponendo fine alla maggior parte delle restrizioni. L’improvvisa inversione di tendenza ha causato una rapida diffusione  dell’infezione in molti milioni di cinesi nel dicembre 2022. Piuttosto che affidarsi alla speranza che la pandemia sia finita, abbassando la guardia e pensando che il problema sia da qualche altra parte, occorre che tutti restino vigili. La pandemia è tutt’altro che finita (1).

3 anni fa, era il 5 gennaio 2020, il Dipartimento delle Zoonosi dell’Istituto Nazionale per il Controllo e la Prevenzione delle malattie trasmissibili (Chinese Center for Disease Control and Prevention) annunciò l’isolamento di un nuovo Coronavirus responsabile di un’ondata di malattie respiratorie. Il 30 gennaio l’OMS dichiarò un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale. Nonostante i molti sforzi degli ultimi 3 anni per cercare d’imparare dalla pandemia e nonostante le discussioni sui trattati internazionali per prepararsi alla pandemia, la risposta globale rimane inadeguata e frammentata. Nel 2023, lungi dall’essere alla fine della pandemia (come da molti auspicato e come annunciato negli USA dal presidente Biden nel settembre dello scorso anno), c’è una nuova, pericolosa fase che richiede un’urgente attenzione.

Lo scorso 7 dicembre, il governo Cinese reagì all’ondata di proteste contro la sua politica draconiana cosiddetta “zero-Covid”, ponendo fine alla maggior parte delle restrizioni.

Continua a leggere “2023. La pandemia COVID-19 non è finita”

 389 total views,  2 views today

La legge anti-sciopero pone il Regno Unito fuori dal mainstream

Fonte ETUC

In risposta alle affermazioni del governo del Regno Unito secondo cui le nuove leggi anti-sciopero porterebbero il Regno Unito in linea con l’Europa, il segretario generale della Confederazione europea dei sindacati Esther Lynch ha dichiarato:

“Il Regno Unito ha già tra le restrizioni più draconiane al diritto di sciopero in Europa, ei piani del governo britannico lo allontaneranno ancora di più dalla normale pratica democratica in tutta Europa.

“La retribuzione in Germania, Svezia e molti altri paesi dell’UE viene decisa attraverso la contrattazione collettiva e la maggior parte delle controversie viene risolta attraverso la negoziazione tra sindacati e datori di lavoro, anche nel settore pubblico.

“Non c’è paragone da fare tra quel sistema di dialogo sociale e il conflitto politico che il governo del Regno Unito sta alimentando sulla retribuzione del settore pubblico.

“Se il governo del Regno Unito fosse davvero interessato a imparare dalle migliori pratiche in Europa, si riunirebbe con i rappresentanti sindacali per negoziare un accordo equo il prima possibile e non risponderebbe agli scioperi introducendo una legislazione più restrittiva”.

 119 total views,  2 views today

Nel comparto produttivo dell’estrazione dell’amianto nella Federazione Russa vi è crisi ?

Fonte il blog del Segretariato internazionale per la messa al bando dell’amianto ibasecretariat  IBAS 

Problemi di Capodanno per il settore russo dell’amianto?

 

copertura in. cemento amianto – da wikimedia

Un blog IBAS dell’anno scorso ha evidenziato la dicotomia tra la percezione pubblica dell’amianto in Russia e quella altrove. 1 Laddove altri paesi hanno evitato l’amianto per aver causato un numero incalcolabile di morti e problemi di salute tra le loro popolazioni, la Russia l’ha abbracciato. Il fatto che la fibra di amianto prodotta nelle miniere russe rappresentasse quasi il 60% del consumo globale annuo non veniva regolarmente menzionato nella propaganda diffusa dalla lobby dell’amianto per generare domanda per questo cancerogeno riconosciuto. 2

Per molti anni, i dati sul commercio russo di amianto si sono rivelati inaffidabili. Le sanzioni imposte nel 2022 dai paesi occidentali alle esportazioni russe, ci si poteva aspettare, avrebbero avuto un impatto negativo sulle prospettive finanziarie delle parti interessate dell’amianto. Mentre l’ammissione pubblica in tal senso rimane improbabile, ci sono prove che suggeriscono che il settore dell’amianto in Russia non è fiorente.

Continua a leggere “Nel comparto produttivo dell’estrazione dell’amianto nella Federazione Russa vi è crisi ?”

 114 total views,  1 views today