Aggiornamenti dal Processo Eternit di Novara 

 

Foto di un tetto d’amianto, wikipedia

di Laurie Kazan-Allen 

Fonte : Segreteria internazionale per la messa al bando dell’amianto 

Il 13 settembre 2021 un evento sismico in un tribunale italiano è passato in gran parte inosservato. L’Italia è l’unico Paese al mondo che ha cercato con costanza e coscienza di rendere conto dei responsabili dell’epidemia nazionale di malattie legate all’amianto che ha tolto la vita a un numero imprecisato di cittadini. 1 Per i loro reati sono stati processati individualmente e congiuntamente i titolari di conglomerati di amianto, i dirigenti dei singoli stabilimenti e gli altri che sovrintendevano alla produzione e alla commercializzazione di materiale cancerogeno. L’imputato ha affrontato una serie di accuse tra cui omicidio colposo, omicidio volontario e reati ambientali.

Questa settimana alla Corte d’Assise di Novara, la Procura della Repubblica ha iniziato a presentare il caso – noto come Eternit bis – contro il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny, accusato, in questo caso, di omicidio volontario per la morte tra il 1992 e il 2016 di 63 lavoratori e 320 persone del pubblico che hanno respirato le fibre di amianto liberate dalle operazioni dello stabilimento Eternit di Casale Monferrato. Negli ultimi dieci anni Schmidheiny è stato accusato in diverse giurisdizioni italiane di omicidio, omicidio colposo, omicidio colposo aggravato, danni permanenti all’ambiente e mancato rispetto delle norme di sicurezza. 2Schmidheiny non è mai apparso di persona in nessuno dei processi italiani e ha affermato che le azioni legali contro di lui equivalevano a “tortura di stato” da parte di uno “stato fallito”. Essere il bersaglio di questa prolungata vendetta legale, ha detto, ha danneggiato la sua salute mentale e lo ha costretto a trovare conforto nella meditazione per affrontare “il suo odio per gli italiani”.

Continua a leggere “Aggiornamenti dal Processo Eternit di Novara “

I renitenti alla vaccinazione sono vincibili ma non convincibili, per lo meno nella stragrande maggioranza.

Autore : Franco Di Giangirolamo

Perchè? Perchè i loro veri obiettivi non sono circoscrivibili alla salute.

E anche perchè questo „gioco di società“ per il quale sono anche disponibili a pagare qualche prezzo, è impegnativo, divertente e soddisfacente per loro.

Non c’è alcun argomento, nè razionale nè emotivo che possa smuoverli dalle granitiche e quasi.ideologiche certezze nelle quali si sono arroccati e che hanno poco a che vedere con la tutela della salute individuale e collettiva, mentre sono fondamentali per forgiare nuove identità da coalizzare in un movimento contro“ il Leviatano, riconosciuto in qualunque autorità, sia essa politica, che scientifica, che economica.

Continua a leggere “I renitenti alla vaccinazione sono vincibili ma non convincibili, per lo meno nella stragrande maggioranza.”

Il Green pass è utile, ma attenzione a licenziare o discriminare chi non ce l’ha

Autore: Cesare Cislaghi

Fonte : Scienza in rete  che ringraziamo

 

L’efficacia del Green Pass non sta nella certezza dell’assenza di contagiosità bensì nella drastica riduzione della sua probabilità. Con alcuni conti semplificati, in questo articolo l’epidemiologo Cesare Cislaghi mostra come il Green Pass possa contribuire a raggiungere qualcosa di simile all’immunità di gruppo. Sarebbe però pericoloso, osserva, se portasse a delle vere e proprie discriminazioni sociali: è importante che ci si limiti a forme sanzionatorie, che non costituiscano una sostanziale discriminazione di alcuni gruppi basata solo sulle loro opinioni e non sui loro comportamenti.

 

Crediti immagine: sentidos humanos/Unsplash

Continua a leggere “Il Green pass è utile, ma attenzione a licenziare o discriminare chi non ce l’ha”