Nei paesi nordici, lo sviluppo del lavoro su piattaforme costituisce un rischio per la salute e la sicurezza sul lavoro

Commons Licence Foto 

Fonte Etui 

Mentre l’attuale pandemia sta accelerando lo sviluppo del lavoro con le piattaforme, uno studio  condotto nei paesi nordici (Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia) mette in guardia sui rischi di deterioramento delle condizioni di lavoro e della retribuzione per i lavoratori interessati.

Nelle economie nordiche, le società di piattaforme sono fiorite in particolare nei settori della pulizia, dei trasporti, della consegna di cibo e della traduzione / scrittura. Questi settori tendono ad avere basse barriere all’ingresso, pochi requisiti formali di competenze, bassa densità sindacale e bassa retribuzione.

Lo studio rileva che la pandemia ha evidenziato e accentuato la precarietà delle condizioni di lavoro dei lavoratori delle piattaforme. Questi ultimi sono generalmente considerati lavoratori autonomi o liberi professionisti e quindi non beneficiano di tutele sociali quali indennità di disoccupazione e assenze per malattia. Durante la pandemia di Covid-19, questo significava che per molti lavoratori la scelta era quella di lavorare, rischiando l’infezione, oppure di non lavorare e di non guadagnare denaro.

Il lavoro su piattaforma crea altri problemi legati all’ambiente di lavoro, tra cui la precarietà del lavoro, il lavoro da soli, l’isolamento e il rischio di incidenti. Il lavoro in piattaforma pone anche due problemi specifici di salute e sicurezza sul lavoro: la mancanza di chiarezza sulle responsabilità del datore di lavoro rende difficile determinare chi è responsabile della salute e sicurezza sul lavoro; Inoltre, i lavoratori possono essere esposti a un monitoraggio e una valutazione digitali costanti, che possono essere dannosi per il loro  ambiente psicosociale .

Non è un caso che il lavoro di piattaforma sia emerso all’indomani della crisi finanziaria del 2008 nei paesi nordici, quando il tasso di disoccupazione è aumentato e il tasso di occupazione giovanile è diminuito. Gli shock economici innescati dalla pandemia potrebbero, a causa dell’aumento della disoccupazione, favorire la crescita di modelli di business basati su piattaforme.

CIIP invia nota al Governo sul tema della sicurezza sul lavoro

 

Pubblichiamo una nota della CIIP ( Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione ) sul tema della sicurezza  sul lavoro inviata a vari componenti  del Governo. Nella nota vengono evidenziate le carenze in materia di sicurezza sul lavoro, peraltro enfatizzate dalla pandemia ,  dovute al definanziamento  cronico del SSN.  Nella nota vengono riportati i dati sul personale dei Servizi Prevenzione Sicurezza Ambienti Lavoro 2008 – 2018 che mostrano le tendenze al mancato ricambio del personale. Nello stesso PNRR la questione prevenzione è appena sfiorata: questo non è certamente un segnale positivo. Infine condividiamo, come Diario Prevenzione, la valutazione critica rispetto agli strumenti per la qualificazione delle imprese rispetto al tema sicurezza: il limite della patente punti riguarda il fatto che interviene a valle di eventi negativi mentre sarebbe necessario intervenire prima perché l’impresa predisponga una valutazione ed una gestione efficace dei rischi con metodologie e strumenti organizzativi appropriati .  (Editor )

Il Presidente CIIP Susanna Cantoni ha inviato ai Ministri del Governo Draghi ed al Presidente della Conferenza delle Regioni la lettera già inviata nel settembre 2019 al precedente Governo per ribadire quali azioni sono possibili e necessarie per portare la situazione dei servizi pubblici di prevenzione a livelli adeguati per una azione più decisa per la riduzione degli infortuni, anche mortali, che sono cresciuti negli ultimi anni invertendo una tendenza che pareva consolidata

In estrema sintesi gli interventi proposti sono:

  • Rafforzare i Servizi delle ASL (gli addetti ai Servizi di Prevenzione delle ASL sono passati da 5.060 operatori nel 2008 a 3.246 nel 2018),
  • Potenziare gli organici dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro e il coordinamento col SSN
  • Rafforzare gli organici dei Vigili del Fuoco dedicati alla prevenzione.
  • Valorizzare le esperienze del sistema sanitario pubblico, sostenute nel Piano Nazionale Prevenzione 2014-2019 e nel prossimo 2020-2025
  • Incrementare gli interventi di prevenzione nelle piccole imprese, cooperative, lavoratori autonomi controllando gli appalti
  • Investire nella qualificazione delle imprese
  • Rafforzare la rete degli RLS

Ed inoltre

  • Ripulire dall’illegalità il mercato delle consulenze e della formazione,
  • Investire per la formazione dei giovani alla sicurezza del lavoro nei curricula scolastici.

LA NOTA INVIATA AL GOVERNO DALLA CIIP SULLA SICUREZZA SUL LAVORO

B16172 Q&A: all you need to know about this SARS-CoV-2 variant

Raul Valcarcel Romero/Shuttterstock

Zania Stamataki, University of Birmingham

Just as the UK is beginning to reopen, another variant of SARS-CoV-2, the virus that causes COVID-19, appears to be taking hold in the UK. The variant, which was first identified in India, is particularly prevalent in London and the north-west, leading to calls for targeted responses in certain areas.

There is much we still don’t know about the B16172 variant, and it’s unclear whether its emergence will significantly derail plans to lift restrictions around the country. But the prime minister, Boris Johnson, has said he is “anxious” about the variant, and some experts are recommending a pause in the planned lifting of restrictions.

The Conversation asked Zania Stamataki, an expert in viral immunology, some key questions about what we know so far about B16172, and what can be done about it.

What is B16172 and how is it different from other variants?

The B16172 is one of three SARS-CoV-2 variants first reported in India. You may have heard it referred to as the “double mutant”, which makes no sense from a virology perspective (it has more than two mutations). However, this terminology was used to convey that this variant of concern may be both more transmissible and harder to neutralise by antibodies raised against previous variants.

Continua a leggere “B16172 Q&A: all you need to know about this SARS-CoV-2 variant”

Pandemia-politica-istituzioni: un trinomio inscindibile

 

Autore: Francesco Domenico Capizzi *

Come ciclicamente avvenuto per situazioni catastrofiche dentro le quali l’umanità intera è precipitata, l’attuale pandemia virale rende centrali e decisive le Istituzioni e la Politica favorendo la composizione di un trinomio dai fatti reso inscindibile: Pandemia-Politica-Istituzioni. L’emergenza sanitaria, socio-sanitaria e sociale, piombata a ciel sereno sulla cittadinanza incredula, inerme e provata dalla preesistente irrisolta crisi economica, interroga pressantemente le rappresentanze elettive per ottenere risposte concrete orientate su nuove linee di progresso e sviluppo.

Continua a leggere “Pandemia-politica-istituzioni: un trinomio inscindibile”