Brevetti&Vaccini. La resa dei conti

Fonte:  Saluteinternazionale.info che ringraziamo 

Autore Gavino Macciocco

 

Cronologia

2 ottobre 2020

I governi di India e Sudafrica presentano all’Organizzazione mondiale del commercio (Omc) una proposta congiunta con cui chiedono una deroga ai brevetti e agli altri diritti di proprietà intellettuale in relazione a farmaci, vaccini, diagnostici, dispositivi di protezione personale, e le altre tecnologie medicali per tutta la durata della pandemia, fintantoché non sia stata raggiunta l’immunità. La deroga è prevista in base all’accordo (TRIPs) che regola i diritti di proprietà intellettuale; la condizione è che esista una giustificazione fondata su circostanze eccezionali (la pandemia lo è), e che siano esplicitati i termini anche temporali di suddetta sospensione.

L’OMC inizia a discutere la proposta a metà ottobre. A favore di essa molti stati membri dell’Omc, di organizzazioni internazionali (Oms, Unaids, Unitaid), di economisti come Joseph Stiglitz, di oltre 400 organizzazioni della società civile impegnate nel mondo per l’accesso ai farmaci essenziali. La Santa Sede si è espressa con una posizione forte a sostegno della soluzione indicata da India e Sudafrica.  Un lungo testo di appoggio alla deroga sui brevetti è stato sottoscritto da diversi Rapporteurs dell’ONU. Si oppone invece il blocco dei paesi industrializzati, gli stessi paesi che hanno finanziato il colossale sforzo della ricerca con imponenti contributi pubblici (11 miliardi di dollari gli USA, 16 miliardi di euro la Commissione Europea), senza negoziare con l’industria del farmaco la benché minima condizione sui prezzi, sulla trasparenza degli studi clinici, sul trasferimento di tecnologie  (vedi Vaccini veramente per tutti). La discussione venne rimandata a metà novembre e la data della decisione fissata per i giorni 1 e 2 marzo 2021.

Continua a leggere “Brevetti&Vaccini. La resa dei conti”

Documentario completo di viaggio nei villaggi fumigati

Journey to the Fumigated Towns è un film documentario argentino del 2018 diretto da Fernando “Pino” Solanas. La prima mondiale è stata alla 68a edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino 2018. Si tratta di un documentario sugli effetti dei prodotti agrochimici in sette province argentine. Il film di Solanas indaga le conseguenze sociali delle monocolture di soia e dell’uso incontrollato di erbicidi e altre sostanze chimiche. Un’indagine delle regioni devastate dall’industria agricola, in cui vengono messe a nudo le disastrose conseguenze sociali ed ecologiche create dal modello transgenico con pesticidi, che favorisce multinazionali e proprietari terrieri. Data di rilascio: 10 aprile 2019 (Francia) Direttore: Pino Solanas Anno: 18 febbraio 2018 (Germania); 10 aprile 2019 (Francia) Produttore:
https://www.facebook.com/ecoelparaiso/​