E’ disponibile online la Rivista HESAMAG n° 22 sul tema: “Salute sul lavoro nei tribunali “

 

Con 180 000 decessi legati al lavoro ogni anno nell’Unione europea e oltre 2,5 milioni in tutto il mondo, la salute sul lavoro è una questione cruciale per i lavoratori e i sindacati. Sapendo che, da qualche parte nel mondo, un lavoratore muore ogni 11 secondi a causa della mancanza di un’adeguata prevenzione, potresti chiederti se ha senso fare una campagna per più occupazione o salari migliori se questi lavori finiscono per togliere la vita ai lavoratori. E in più di nove casi su dieci, queste morti sono in gran parte invisibili, perché derivano da malattie professionali piuttosto che da incidenti.

Andare in tribunale per richiedere il rispetto della legislazione preventiva è un processo laborioso, costoso e poco utilizzato. Questo fatto consolida l’immagine del mondo del lavoro come enclave in cui non si applicano le regole del diritto ordinario. Ma i diritti di proprietà degli imprenditori dovrebbero davvero avere la precedenza sul diritto fondamentale alla vita? Continua a leggere “E’ disponibile online la Rivista HESAMAG n° 22 sul tema: “Salute sul lavoro nei tribunali “”

E’ disponibile on line la Rivista Ecoscienza 3/2020

Fonte Ecoscienza 3/20 

 

Dall’emergenza alla prevenzione
La pandemia Covid-19 e la relazione ambiente-salute 

Gli studi e i progetti più rilevanti messi in campo in Italia sulla relazione tra Covid-19 e ambiente, riflessioni e proposte relative al periodo che stiamo vivendo e alla fase di “ripartenza”, i primi risultati dell’analisi dell’impatto della pandemia e delle misure per il suo contenimento sull’ambiente. Emerge un quadro molto articolato, che mostra la necessità di un approccio trasversale.

Un’aria migliore per il bacino padano
La necessità di un approccio integrato

Nonostante il miglioramento sul lungo periodo della qualità dell’aria nelle regioni del bacino padano, l’area resta una delle più problematiche. Il progetto Life Prepair evidenzia la necessità di un approccio integrato, che porti avanti azioni trasversali su tutti i settori e su larga scala. In evidenza, un’analisi del contributo delle emissioni di ammoniaca all’inquinamento atmosferico complessivo, i primi risultati dello studio degli inquinanti durante il periodo di lockdown e l’analisi di un episodio di trasporto di polveri dall´area del mar Caspio-lago d’Aral a marzo. Riportiamo inoltre un’analisi puntuale dei dati di qualità dell’aria nel bacino padano nel periodo invernale 2019/2020.

Tra gli altri argomenti di attualità: i dati del Soer 2020, dell’Annuario dei dati ambientali Ispra e del Rapporto ambiente Snpa; un progetto su startup e green economy in Emilia-Romagna; il monitoraggio dei pollini in Emilia-Romagna; un progetto di biometano da rifiuti organici in Sardegna.

Altre novità nelle rubriche Legislazione news, Osservatorio ecoreati, Libri.

Scarica Ecoscienza 3/2020 (pdf)

Vai a Ecoscienza 3/2020, versione sfogliabile

 

“Non siamo in guerra, questa è una sfida che la biologia ci pone per ricordarci che non siamo proprietari assoluti del mondo come ci sembra.” José “Pepe” Mujica

IWH. Canada. Uno studio su adeguatezza del controllo delle infezioni COVID e DPI legati alla salute mentale dei lavoratori.

 

Questo articolo proviene dal sito dell’Istituto canadese “Institute for Work & Health” (IWH) .
IWH é un’organizzazione indipendente e senza scopo di lucro. La mission di IWH è promuovere, proteggere e migliorare la sicurezza e la salute dei lavoratori conducendo ricerche  apprezzate da datori di lavoro, lavoratori e responsabili politici.

Fonte  :“Institute for Work & Health”

Uno studio condotto all’inizio dell’emergenza COVID-19 rileva che i lavoratori che si sentivano al sicuro nei loro luoghi di lavoro fisici avevano una salute mentale migliore rispetto ai lavoratori che ritenevano che le pratiche di sicurezza COVID-19 sul posto di lavoro fossero inadeguate

Pubblicato: 4 novembre 2020

Adeguate protezioni COVID-19 come dispositivi di protezione individuale (DPI) e protocolli di controllo delle infezioni sul posto di lavoro (ICP) sono collegate alla salute mentale dei lavoratori. Questo è  un nuovo studio dell’Istituto per il lavoro e la salute (IWH) sui lavoratori canadesi condotto nella primavera del 2020, un secondo studio per trovare tale legame tra la protezione sul posto di lavoro e la salute mentale dei lavoratori nelle prime settimane dell’emergenza.

Lo studio, condotto congiuntamente con le Cliniche per la salute occupazionale per i lavoratori dell’Ontario (OHCOW), ha rilevato che i sintomi di ansia e depressione erano più alti tra le persone che hanno continuato a lavorare durante il blocco ma sentivano che nessuna delle protezioni necessarie per DPI e ICP era a posto. Al contrario, i sintomi di ansia e depressione erano meno prevalenti tra le persone che andavano fisicamente al lavoro ma sentivano che erano disponibili tutte le misure necessarie e i DPI. Continua a leggere “IWH. Canada. Uno studio su adeguatezza del controllo delle infezioni COVID e DPI legati alla salute mentale dei lavoratori.”