Sindacati meccanici. Rotabile ferroviario-amianto. La norma sblocca vertenza nel testo base del Ddl bilancio

Fonte Fiom Cgil 

Che sia la volta buona, finalmente, per i lavoratori del settore rotabile ferroviario esposti a fibre di amianto.

Nel pomeriggio di venerdì 13 ottobre il DDL bilancio 2021 è approdato alla Camera dei Deputati riportando all’articolo 57 (Titolo V Lavoro, Famiglia e Politiche sociali in corso di revisione) significative “Disposizioni in favore dei lavoratori esposti all’amianto”.

Un passo fondamentale per la soluzione della vertenza, iniziata nell’ottobre dello scorso anno, che va a sanare la brusca battuta d’arresto registrata in occasione della conversione in legge del DL agosto.

Nel testo depositato – in estrema sintesi – non solo il “via libera” al pensionamento di quanti raggiungeranno i requisiti certificati entro il 31 dicembre 2020 (con le relative coperture economico-finanziarie), ma anche l’impianto normativo per l’individuazione delle platee e delle risorse necessarie per gli anni a venire.

Previsto infine, un termine perentorio per il perfezionamento delle domande incomplete, carenti di documentazione.

Naturalmente, prima di considerare risolta la vertenza, è necessario attendere il voto finale del DDL bilancio 2021, ma l’inserimento della norma “sblocca vertenza” nel testo base depositato alla Camera dei Deputati è un gesto di grande attenzione, frutto dell’intenso lavorio di relazioni intessuto da Fim Fiom Uilm nazionali con MLePS, MEF, Commissione lavoro della Camera dei Deputati ed esponenti parlamentari bipartisan.

Sarà pertanto nostro impegno monitorare l’iter di approvazione della legge di Bilancio.

Fim Fiom Uilm nazionali

Roma, 16 novembre 2020

Spagna: legge sull’eliminazione dell’amianto in Catalogna

 

Fonte IBAS

Il 17 novembre 2020, il Consiglio esecutivo del governo della Catalogna ha approvato il progetto di legge per l’eradicazione dell’amianto. In una conferenza stampa, il ministro regionale della Presidenza e portavoce del governo Meritxell Budó ha spiegato che la nuova legge proteggerà il pubblico e i lavoratori dalle esposizioni tossiche. Le questioni chiave che devono essere affrontate Budó ha affermato che l’ubiquità del materiale di amianto in tutta la regione – stimata in 4 milioni di tonnellate – un vuoto di informazioni e una mancanza di legislazione che imponga la rimozione dell’amianto. Sarà effettuata una consultazione pubblica e saranno consultati consulenti specializzati. Vedi: Catalunya empieza a elaborar una ley de retirada del Amianto [La Catalogna inizia a redigere una legge sulla rimozione dell’amianto].

Cronache da Berlino al tempo della “seconda ondata” di Franco Di Giangirolamo

Fotostreet in Berlin – foto gierre

17.11.2020

Fatalità? Appena alzato mi cade l’occhio su una pagina dell’AbendBlatt (giornaletto locale) che propaganda senza pudore una praxis per la consulenza testamentaria. Il tempismo prussiano non mi stupisce più ormai: sentita aria di peggioramento della situazione pandemica si sono allertati tutti i servizi collaterali. Il suggerimento non è superfluo nemmeno per coloro che, come me, non si sono preoccupati del testamento, non tanto perchè non temono la inevitabile „livella“, e neppure per scaramanzia, quanto perchè hanno insignificanti patrimoni e molti eredi. Grato del suggerimento mi accingerò tuttavia alla bisogna se non altro per dare uno stile alla suddivisione delle scarabattole che ho raccolto nel corso della vita. Scarabattole sì, ma senza sminuirne il valore. Ho avuto periodi nella mia vita, quando sembrava che l’inimicizia tra me e il denaro fosse inconciliabile, nei quali ho vissuto circondato da utilissime scarabattole, lasciatemi o ereditate dai miei amici, fortunatamente non tutti defunti, che debbo gratificare non solo per il valore d’uso, ma anche per il calore delle appartenenze condivise. Ovvero, per quel sentimento nostalgico che si prova quando un amico/a o un/a amante, o un parente, ci lascia e ci si ritrova a prendere un libro, un disco, un oggetto qualsiasi che evoca momenti della vita con lui/lei e ti accorgi che non lo stai afferrando ma accarezzando, come se l’altro/a potesse, con quel gesto, avvertire e condividere quel ricordo.

Continua a leggere “Cronache da Berlino al tempo della “seconda ondata” di Franco Di Giangirolamo”