Inail. Infortuni mortali dovuti alle esplosioni, online un’analisi di cause e dinamiche

Fonte Inail.it

La pubblicazione, elaborata sulla base dei dati del Sistema di sorveglianza nazionale Informo, illustra le caratteristiche principali di 98 eventi occorsi in ambienti di lavoro nel periodo 2002-2018 dove si sono verificate esplosioni che hanno coinvolto 119 lavoratori, con 114 decessi e cinque infortuni gravi

Informo

ROMA – È disponibile sul sito dell’Inail una scheda di approfondimento sulle dinamiche e le cause infortunistiche delle esplosioni che hanno comportato la morte di uno o più lavoratori, in caso di eventi collettivi. La pubblicazione del Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale utilizza le informazioni presenti nella banca dati del Sistema di sorveglianza nazionale degli infortuni mortali e gravi Informo, attivo dal 2002 e realizzato in collaborazione tra l’Istituto, le Regioni e i Dipartimenti di prevenzione delle Asl. Lo studio descrive le caratteristiche principali di 98 eventi accaduti in ambienti di lavoro tra il 2002 e il 2018 dove si sono verificate esplosioni che hanno coinvolto 119 infortunati, di cui 114 con esito mortale e cinque con esito grave registrati in eventi collettivi dove c’è stato almeno un decesso. In conclusione, sono presenti alcune misure di prevenzione e protezione per ridurre o gestire i fattori di rischio evidenziati.

UK | Lo scandalo dei lavoratori sacrificabili prima, durante e dopo il Covid

FONTE HAZARDS

La maggior parte dei luoghi di lavoro non ha mai visto un ispettore. I lavoratori hanno lottato per ottenere il DPI. Gli informatori sono stati messi a tacere. Era prima del Covid-19. L’ editore di Hazards Rory O’Neill rivela come la pandemia non abbia causato una crisi nella salute sul lavoro. Lo ha esposto.

È abbastanza semplice. Il governo aveva un occhio al bilancio e un altro alla base dei conservatori, chiedendo a gran voce la fine delle regole meschine e la perdita delle libertà personali. Doveva esserci un rapido ritorno alla “normalità”, e questo significava tornare al lavoro.

Da luglio 2020 in poi, i ministri hanno intrapreso una missione di tre mesi per riportarci nei nostri luoghi di lavoro “protetti da Covid”.

GRAVE ERRORE  Boris Johnson ha invertito il suo viaggio di ritorno al lavoro solo il 22 settembre, quando i gruppi di lavoro erano saliti ai massimi storici e il tasso di infezione del paese si era spostato nella zona di pericolo.

Continua a leggere “UK | Lo scandalo dei lavoratori sacrificabili prima, durante e dopo il Covid”