Vai al contenuto

E' importante che questa dichiarazione abbia la massima diffusione possibile. editor

Fonte WHO

Dichiarazione congiunta di OMS, ONU, UNICEF, UNDP, UNESCO, UNAIDS, ITU, UN Global Pulse e IFRC

23 settembre 2020

Dichiarazione
Un'infodemia è una sovrabbondanza di informazioni, sia online che offline. Comprende tentativi deliberati di diffondere informazioni sbagliate per minare la risposta della salute pubblica e promuovere programmi alternativi di gruppi o individui. La disinformazione e la disinformazione possono essere dannose per la salute fisica e mentale delle persone; aumentare la stigmatizzazione; minacciare preziosi guadagni di salute; e portare a una scarsa osservanza delle misure di salute pubblica, riducendo così la loro efficacia e mettendo in pericolo la capacità dei paesi di fermare la pandemia.La disinformazione costa vite. Senza la fiducia appropriata e le informazioni corrette, i test diagnostici non vengono utilizzati, le campagne di immunizzazione (o le campagne per promuovere vaccini efficaci) non raggiungeranno i loro obiettivi e il virus continuerà a prosperare.Inoltre, la disinformazione sta polarizzando il dibattito pubblico su argomenti relativi a COVID-19; amplificare l'incitamento all'odio; aumentare il rischio di conflitti, violenze e violazioni dei diritti umani; e minacciando prospettive a lungo termine per il progresso della democrazia, dei diritti umani e della coesione sociale.In questo contesto, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha lanciato nell'aprile 2020 l'iniziativa di risposta alle comunicazioni delle Nazioni Unite per combattere la diffusione della cattiva informazione e della disinformazione. ).

All'Assemblea mondiale della sanità nel maggio 2020, gli Stati membri dell'OMS hanno approvato la risoluzione WHA73.1 sulla risposta COVID-19. La risoluzione riconosce che la gestione dell'infodemia è una parte fondamentale del controllo della pandemia COVID-19: invita gli Stati membri a fornire contenuti COVID-19 affidabili, ad adottare misure per contrastare la disinformazione e la disinformazione e sfruttare le tecnologie digitali attraverso la risposta. La risoluzione invita inoltre le organizzazioni internazionali ad affrontare la cattiva informazione e la disinformazione nella sfera digitale, a lavorare per prevenire attività cibernetiche dannose che minano la risposta sanitaria e a sostenere la fornitura di dati scientifici al pubblico.

Il sistema delle Nazioni Unite e le organizzazioni della società civile stanno usando le loro competenze e conoscenze collettive per rispondere all'infodemia. Allo stesso tempo, poiché la pandemia continua a creare incertezza e ansia, c'è un'urgente necessità di un'azione più forte per gestire l'infodemia e di un approccio coordinato tra stati, organizzazioni multilaterali, società civile e tutti gli altri attori che hanno un ruolo e responsabilità chiari nella lotta alla cattiva informazione e alla disinformazione.

Invitiamo gli Stati membri a sviluppare e attuare piani d'azione per gestire l'infodemia promuovendo la diffusione tempestiva di informazioni accurate , basate sulla scienza e le prove, a tutte le comunità, e in particolare ai gruppi ad alto rischio; e prevenire la diffusione e combattere la cattiva informazione e la disinformazione nel rispetto della libertà di espressione.

Esortiamo gli Stati membri a coinvolgere e ascoltare le loro comunità , come si sviluppano i loro piani d'azione nazionali , e per le comunità Empower di sviluppare soluzioni e resistenza contro mis- e disinformazione.

Chiediamo inoltre a tutte le altre parti interessate , inclusi   i media e le piattaforme di social media attraverso le quali vengono diffuse disinformazione e disinformazione , ricercatori e tecnologi che possono progettare e costruire strategie e strumenti efficaci per rispondere all'infodemia, i leader della società civile e gli influencer a collaborare con il sistema delle Nazioni Unite, con gli Stati membri e tra di loro, e per rafforzare ulteriormente le loro azioni per diffondere informazioni accurate e prevenire la diffusione di disinformazione e disinformazione.

Fonte : Newsletter ETUI che ringraziamo 

Dopo la dichiarazione della pandemia Covid-19 e la sua grande distribuzione in Europa, è stato necessario classificare il nuovo virus che causa questa malattia, SARS-CoV2 in modo da applicare le  disposizioni della direttiva europea sulla protezione dei lavoratori esposti a agenti biologici . Questa direttiva contiene disposizioni generali applicabili a tutti i rischi biologici. Altre disposizioni sono classificate in base al livello di pericolo associato a un agente. La scala va dal gruppo 1 (nessun rischio per l'uomo) al gruppo 4 (livello di rischio più alto).

In questo contesto, l'Istituto sindacale europeo (ETUI) ha chiesto al professor Jean-Pierre Unger  dell'Università di Newcastle per effettuare una valutazione sulla base dei dati scientifici disponibili a maggio 2020. ...continua a leggere "L’International Journal of Health Services pubblica uno studio sulla classificazione della SARS-CoV2"

Fonte : Newsletter ETUI 

Migliaia di tonnellate di pesticidi vietati in Europa vengono esportati ogni anno dall'Unione Europea (UE) verso i paesi poveri, secondo un recente studio di Greenpeace che ha analizzato le notifiche di esportazione presentate dagli Stati membri dall'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA). Solo nel 2018, oltre 81.000 tonnellate di pestcidi contenenti sostanze attive vietate nei campi europei hanno lasciato l'Europa per il Sud Africa, l'Ucraina, il Brasile e altri paesi con legislazioni non conformi e meno rigorose. Con oltre 32.000 tonnellate esportate quell'anno, il Regno Unito è stato di gran lunga il principale attore in termini di volume. Anche Italia, Paesi Bassi, Germania, Francia, Spagna e Belgio sono stati i principali esportatori di pesticidi.

...continua a leggere "L’Europa esporta pesticidi vietati sul suo suolo nei paesi poveri, afferma Greenpeace"

Fonte : Etui

Durante il mese di settembre 2020 , la Commissione Europea (CE) dovrebbe avviare il processo legislativo relativo alla quarta revisione della Direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni (CMD). L'ETUI, che sostiene la campagna "Stop cancer at work", ha preparato una nota informativa per sottolineare l'importanza di includere farmaci pericolosi (Hazardous Medicinal Products, HMP) nell'ambito del direttiva.

Gli HMP e, in particolare, i farmaci citotossici, citostatici o antineoplastici sono un gruppo di farmaci che contengono sostanze chimiche tossiche per le cellule e che inibiscono la crescita e la moltiplicazione delle cellule. Questi farmaci sono utilizzati principalmente per il trattamento del cancro, ma anche in pratiche non oncologiche, per il trattamento di malattie non cancerose come la sclerosi multipla, la psoriasi e il lupus eritematoso sistemico.

Questi farmaci richiedono una manipolazione individuale per ciascun paziente prima di essere somministrati come infusione o iniezione in bolo. Ciò può portare a errori, fuoriuscite, ferite da punture di aghi e contaminazione, che presentano evidenti rischi per la salute dei lavoratori colpiti dal farmaco attraverso l'assorbimento della pelle e la trasmissione attraverso l'aria. Spesso gli effetti dell'esposizione possono essere subclinici e non essere evidenti per anni o generazioni di esposizione continua. Ad esempio, poiché il cancro richiede spesso decenni per manifestarsi, un caso di leucemia diagnosticato oggi da un infermiere o da un farmacista potrebbe essere il risultato dell'esposizione sul posto di lavoro negli anni '80.

Tuttavia, gli HMP sono essenziali nella lotta contro il cancro e altre malattie non cancerose; questo è il motivo per cui l'obbligo di sostituzione definito nel CCD non si applicherebbe agli HMP. L'inclusione di HMP nell'Allegato I consentirebbe l'attuazione di una legislazione vincolante, compresa la prevenzione dell'esposizione attraverso sistemi tecnologici chiusi, che proteggono tutti i lavoratori che entrano in contatto diretto o indiretto con queste sostanze.

Riferimenti :

Cancro in ospedale: la lotta solitaria di un'infermiera per difendere i suoi diritti

Francesco Domenico Capizzi * - 23.09.2020

Videoconsulto medico

 

 

 

“Un tale che si fa chiamare Esculapio ospita ogni mattina da cinquanta a sessanta malati nella sua anticamera, ascolta le loro lamentale, li dispone su quattro file e, a seconda delle sue proprie convinzioni, ordina alla pri­ma un salasso, alla seconda una purga, alla terza un clistere, alla quarta un cambiamento d’aria” (Medicine in Ancient Greece before Hippocrates: 460 B.C., Concours Med, 1957 Jan 5;79 -1:81-2).

Dalla metodica emersero criteri nosologici, etio-patogenetici e risultati apprezzabili in quei raggruppamenti disomogenei di malati in larga parte verosimilmente affamati? Certamente no: agì la Medicina sospesa fra umori e miti, arti misteriche e dignità sacerdotali, convinzioni personali e fatalismi popolari. Bisognerà attendere, fra i tanti, Ippocrate da Kos (V a.c.), Celso da Roma (I d.c) e  Paracelso da Ferrara (di origine tedesca, XVI d.c.), soprannominato “Bombastus” per le sue affermazioni sensazionali e le pratiche difformi dalla tradizione diagnostico-terapeutica fondata su miasmi e prescrizioni magiche. Si accresce nel tempo la costruzione dell’esperienza semeiologica: la Medicina diviene effettivamente olistica, il malato un unicum di soggettività (la sua storia pregressa ed attuale) ed oggettività (la evidente plasticità corporea dei sintomi e dei segni), dal XIX secolo confortate dall’indagine anatomopatologica e successivamente radiologiche ed endoscopiche che supportano la “Medicina scientifica” tuttora in carenza di verità scientifiche assolute e di risultati risolutivi in grandi classi di malattie. Persegue vari livelli di approssimazione in diagnosi, cure e prognosi nonostante le incessanti ricerche scientifiche, le estese organizzazioni sanitarie e gli enormi investimenti etico-deontologici ed economici mentre insistono gli annunci ottimistici ed acritici e propagandate scorciatoie organizzative destruenti, fra cui le ultime: I° - “ perché aspettare tanto  per una visita specialistica? Il Videoconsulto è il servizio di consulenza medica online, pensato per chi desidera fare una visita specialistica a distanza. Grazie a… potrai ricevere – a tariffe convenzionate – una consulenza medica specialistica direttamente dal tuo PC, Tablet e Smartphone. Prenota la tua visita online scegliendo tra oltre 20 discipline mediche diverse, consulta lo specialista direttamente da PC, Tablet e Smartphone…tariffe convenzionate con costo massimo per visita di 39 euro… Per usufruire del servizio di Videoconsulto ti basterà registrarti al servizio e accertarti di avere una connessione internet funzionante il giorno dell’appuntamento… II° - “ parla con il tuo farmacista…prenota un video consulto con il tuo farmacista di fiducia. Bastano pochi click da casa, ufficio, in giro, ovunque tu sia. E’ semplice, sicuro, veloce, efficace, flessibile. Scegli la tua farmacia di fiducia, rispondi al questionario e prenota il consulto, parla in sicurezza con il tuo farmacista in pochi minuti, prenota il consulto, collegati, prenota un appuntamento fino a 7 giorni di anticipo. Alla data e ora concordata, basta collegarsi per iniziare il consulto. Prenditi cura di te e dei tuoi cari grazie alla tecnologia. L’obiettivo è di fare in modo che il maggior numero possibile di pazienti abbia un accesso migliore e moderno ai servizi della farmacia…chiedi al tuo farmacista se ha scelto di aderire al servizio di…”.

Come è possibile che un “consulto specialistico” via filo si svolga in “Scienza e Coscienza”? Come è possibile prescrivere un accertamento ed una terapia attraverso un colloquio a distanza che esula, ovviamente, dal principio irrinunciabile dell’unicum medico di soggettività ed oggettività del malato, e di ogni malattia, fra loro inscindibili? E’ lecito che il farmacista e la farmacia possano assumersi un ruolo che a loro non spetta?

Ci troviamo di fronte ad un quadro di esaltazione tecnologica riconduci­bile al primato di tecnicismi e tecnicalità mentre si assiste quotidianamente all’emarginazione dell’impegno intellettuale e civile di Istituzioni e Politica concepiti, in maniera crescente, come mere amministrazioni contabili e gestionali.

Le condizioni cliniche, soggettive ed oggettive, si appannano  e si allontanano progressivamente di pari passo agli avanzamenti tecnologici fino a sparire nell’orizzonte dell’articolata e complessa pratica clinica. Non senza conseguenze. Più che cittadino-paziente-malato la persona diviene utente-cliente-consumatore di farmaci e di indagini strumentali. Nella connessione video-audio, assente la sua corporeità, la persona si configura come un insieme di organi ed apparati da contemplare nella fissità delle immagini computerizzate disponibili. Non esiste neppure la oggettività semeiologica del “ prego… si sdrai… si rilassi… qui avverte dolore?… e in questa parte?… ora si sieda… trattenga il respiro… respiri… respiri profonda­mente… tossisca… di nuovo… E si accentua la percezione del distacco nel rapporto medico-malato, e cittadino-Istituzioni, che conduce ad un crescente favore popolare verso le cosiddette medicine alternative, non per la loro efficacia intrinseca, che non posseggono, mai dimostrata né dimostrabile per un rifiuto ad accettare controlli, ma per la propensione all’a­scolto da parte del nuovo terapeuta incontrato sulla strada della ricerca affannosa di una soluzione positiva. Suggestione, effetto placebo? Forse, ma funziona!

Già docente di Chirurgia generale nell’Università di Bologna  e direttore della Chirurgia generale degli Ospedali Bellaria e Maggiore di Bologna

Newsletter della Consulenza Medico Legale INCA a cura del Dott. Marco Bottazzi  ( che ringraziamo

L'ultimo numero del periodico curato dalla Consulenza statistico attuariale dell’Inail presenta la fotografia aggiornata di un ramo di attività che contribuisce al Pil del Paese per circa l’8%, già in sofferenza prima dell’emergenza Covid-19.

I dati presentati dimostrano che per le malattie professionali vi è stato un incremento del 20,3%. Come emerge dall’ultimo numero di Dati Inail, per i lavoratori delle Costruzioni i rischi non derivano soltanto dagli infortuni. Questo settore, infatti, con il 18,3% delle malattie professionali denunciate all’Inail nel 2019 è quello che contribuisce maggiormente, dopo il manifatturiero (21,2%), al numero totale dei casi denunciati all’Istituto nell’Industria e servizi. Nel corso dell’ultimo quinquennio, in particolare, le Costruzioni sono passate dalle 7.493 denunce del 2015 alle 9.016 nel 2019, con un incremento percentuale del 20,3%, molto più alto rispetto al +7,6% dell’intera gestione dell’Industria e servizi, passata da 45.813 a 49.277 casi.

Territorialmente la maggiore crescita si è avuta al Centro con il 45,8% a seguire il Mezzogiorno con il 14,9% (Isole -2,7% e Sud +26,1%) e il Nord con l’1,6% (Nord-Ovest -6,6% e +7,4% Nord-Est)

Con 3.440 casi, nel 2019, è il Centro a denunciare il maggior numero di patologie (Toscana il 39,4% e Marche il 36,2%); 3.102 nel Mezzogiorno (24,9% in Sardegna e 22,1% in Abruzzo) e 2.474 al Nord (un terzo in Emilia Romagna ecirca un quarto inLombardia con il 23,9%).

Gli operatori del settore delle costruzioni sono esposti ad una molteplicità di rischi lavorativi che possono originare molteplici malattie professionali e uno studio dell’European Agency for Safety and Health at Working, già nel 2004, affermava come l’edilizia sia un settore noto per l’incidenza di malattie professionali e i lavoratori edili soffrono più dei colleghi di altri settori di disturbi muscolo-scheletrici, come lombalgie e problemi degli arti; molti di essi risultano ancora oggi esposti ad amianto; i carpentieri hanno un rischio abbastanza elevato di sviluppare un tumore delle cavità nasali come risultato dell’esposizione a polveri di legno; le polveri generate dal taglio e dalla lavorazione di prodotti contenenti silice cristallina, come ad esempio la sabbia, sono in grado di sviluppare silicosi e gravi patologie respiratorie; numerosi lavoratori edili risultano esposti ad alti livelli di rumore e vibrazioni a causa dell’utilizzo di macchinari, tra cui i martelli pneumatici.

Nel 2019 le principali malattie professionali, secondo la classificazione ICD-10, sono state principalmente quelle a carico del sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo (73,3%; 6.518 casi) con una prevalenza del 34% di discopatie; malattie dell'orecchio e dell'apofisi mastoide (11,1%; 989)con il 93% di casi di ipoacusia da rumore; del sistema nervoso (9,9%; 876) di cui il 93% di casi da sindrome del tunnel carpale; del sistema respiratorio (2,8%; 245) di cui placca pleurica 17,1% e asbestosi 15,1%; delle patologie tumorali (1,8%; 162) in particolare quello dei bronchi e del polmone con il 40,1% e mesotelioma della pleura con il 21%. Crescono nell’arco del quinquennio 2015-2019 le malattie del sistema nervoso e osteomuscolare rispettivamente del 34,6% e 26,8%,mentre più contenuta la crescita per tumori dell’1,9%. Decrementi si sono invece registrati per il sistema uditivo (-5,7%) e quello respiratorio (-2,4%).

Disturbi muscolo-scheletrici e lombalgie tra le patologie più diffuse. I lavoratori edili soffrono di disturbi muscolo-scheletrici, come lombalgie e problemi degli arti, più degli addetti di altri settori. I carpentieri hanno un rischio abbastanza elevato di sviluppare un tumore delle cavità nasali, come risultato dell’esposizione a polveri di legno, mentre quelle generate dal taglio e dalla lavorazione di prodotti contenenti silice cristallina, come la sabbia, possono sviluppare silicosi e gravi patologie respiratorie. Numerosi lavoratori edili risultano esposti ad alti livelli di rumore e vibrazioni, a causa dell’utilizzo di macchinari come i martelli pneumatici, e molti continuano a essere esposti all’amianto.