Vai al contenuto

Dal Blog dell'ILO riportiamo questo post che riteniamo importante abbia la massima diffusione. editor
Fonte ILO 
Manal-Azzi-120x150

Manal Azzi, Senior Specialist, Sicurezza e salute sul lavoro

La violenza e le molestie sono un problema persistente e pernicioso nel mondo del lavoro.

Trascende i confini nazionali, le condizioni socioeconomiche, i settori professionali e le modalità di lavoro. Può manifestarsi tra collaboratori, dirigenti e subordinati, oppure tra lavoratori e loro clienti o tra il pubblico, minacciando la sicurezza e la salute di tutti coloro che ne sono soggetti.

La violenza e le molestie assumono forme diverse e mutevoli, non solo fisiche o sessuali. Le molestie psicologiche, in particolare, possono essere insidiose e offensive nei modi più subdoli e il costo mentale che richiede può portare a volte al suicidio.

L'impatto negativo sul benessere dei lavoratori colpisce anche le imprese, contribuendo alle assenze dal lavoro e all'aumento del turnover del personale, legato a paure, malattie e infortuni. Questi cambiamenti comportano costi significativi per le imprese e possono anche danneggiare la produttività e le prestazioni.

Durante l'attuale crisi della sanità pubblica, la violenza e le molestie sembrano aumentare. Le restrizioni senza precedenti imposte alle persone durante la pandemia hanno esacerbato i livelli di stress. In alcuni casi, ciò ha portato alla violenza e alle molestie dirette contro il personale essenziale, gli operatori sanitari e altri in prima linea in caso di pandemia.

Stress-at-work-woman-767x431

© Nenad Stojkovic

Ci sono state segnalazioni di medici a Wuhan, in Cina, picchiati e minacciati in ospedali sovraffollati. I lavoratori essenziali nei negozi di alimentari sono stati oggetto di violenza e molestie quando quei negozi hanno esaurito le scorte. Più recentemente, una guardia di sicurezza negli Stati Uniti è stata uccisa nel tentativo di far rispettare una politica di indossare maschere facciali in un negozio.

Non c'è mai stato un momento più importante per riconoscere e affrontare le cause e le manifestazioni della violenza e delle molestie legate al lavoro . Un nuovo rapporto ILO, Ambienti di lavoro sani e sicuri , liberi da violenza e molestie , fa proprio questo. Esamina la portata della violenza e delle molestie nel mondo del lavoro e esamina i quadri, le iniziative e le aree di azione esistenti in materia di sicurezza e salute sul lavoro per prevenire e affrontare i rischi psicosociali sul posto di lavoro, compresi migliori sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro e formazione.

L'anno scorso, alla Conferenza internazionale del lavoro del centenario , i 187 Stati membri dell'ILO hanno adottato la rivoluzionaria Convenzione sulla violenza e le molestie (n. 190) e la relativa Raccomandazione (n. 206) . In questo modo, hanno definito un impegno globale per eliminare questo flagello.

Tuttavia, un tale impegno globale deve essere sostenuto da un'azione di base. I sistemi, le culture e le persone che perpetuano tali molestie o le consentono di continuare devono essere richiamati e corretti. Vogliamo tutti costruire una "normalità migliore", post-COVID. I luoghi di lavoro liberi dalla violenza e dalle molestie dovrebbero far parte di questa equazione.

 

Fonte: Il Segretariato internazionale per la massa al bando dell'amianto

3 settembre 2020

Deja-Vu ancora una volta!

Un mese dopo che un'esplosione ha devastato l'area portuale di Beirut, stanno emergendo informazioni sulla contaminazione ambientale da amianto scatenata dal disastro. Come in tanti altri disastri naturali e provocati dall'uomo, questo rischio aggiuntivo per i soccorritori e la popolazione locale era quello previsto in quanto non accolto. Ovunque sia stato utilizzato l'amianto, intere popolazioni diventano ostaggi della fortuna con l'inalazione di fibre mortali a un solo terremoto, tsunami o conflagrazione. 1

Stranamente, la prima menzione che ho trovato sulla situazione dell'amianto a Beirut è stata caricata il 5 agosto, un giorno dopo l'evento, in un articolo in lingua russa. L'autore ha citato avvertimenti autorevoli - "L'amianto negli edifici danneggiati rappresenta un rischio per la salute significativo" - sul pericolo post-disastro rappresentato dall'amianto aerotrasportato all'indomani delle esplosioni, ipotizzando che tra i 40.000 edifici danneggiati o distrutti fossero quelli costruiti negli anni '50 e negli anni '60, quando l'uso dell'amianto era all'ordine del giorno. 2

In assenza di qualsiasi mobilitazione immediata da parte del governo centrale o del comune di Beirut per affrontare la devastazione causata dall'esplosione, le organizzazioni non governative (ONG) e le agenzie internazionali 3è entrato nella breccia con la popolazione locale che ha offerto volontariamente il proprio lavoro. Nuove discariche di rifiuti sono state designate frettolosamente e detriti, compresi prodotti contenenti amianto e altri rifiuti contaminati, sono stati raccolti e collocati a casaccio in siti, molti dei quali si trovavano in aree residenziali. I volontari non avevano attrezzature o veicoli pesanti per trasportare i detriti a qualsiasi distanza e hanno fatto il possibile per ripulire i quartieri colpiti. In ogni caso, anche se fossero stati disponibili mezzi di trasporto adeguati, in Libano non esistevano discariche autorizzate in grado di ricevere rifiuti tossici. Inutile dire che i volontari non avevano né indumenti protettivi né attrezzature come respiratori specializzati. Nonostante le urgenti richieste di un "piano di gestione chiaro per la rimozione dei detriti, compreso l'amianto", non è stata segnalata alcuna azione coordinata del governo.4

1 Kazan-Allen, L. Il rischio di amianto post-disastro: 1995-2020. 21 gennaio 2020.
http://ibasecretariat.org/lka-the-post-disaster-asbestos-hazard-1995-2020.php

2 Denominata la sostanza più pericolosa, che si è trasformata nell'aria dopo l'esplosione a Beirut [sostanza più pericolosa nell'ariahttps://360tv.ru/news/mir/nazvano-samoe-opasnoe-veschestvo-okazavsheesja-v-vozduhe-posle-vzryva-v-bejrute/

3 Volantini di tre pagine in arabo ( أسبستوس - المخاطر والممارسات الآمنة للتنظيف بعد انفجار بيروت ) e inglese ( AMIANTO - pericoli e pratiche sicure per la pulizia dopo l'esplosione di Beirut ) preparati dall'università americana di Beir , Organizzazione della sanità, e il Centro per la conservazione della natura erano ampiamente distribuiti tra i volontari e i residenti di Beirut.

4 Rischio di cancro in aumento dopo l'esplosione di Beirut, avvertono gli esperti. 27 agosto 2020.
https://www.thenational.ae/world/mena/cancer-risk-on-the-rise-after-beirut-blast-warn-experts-1.1068627
Porter, L. Dopo l'esplosione: come l'operazione di pulizia di Beirut sta esponendo la più ampia disfunzione statale del Libano. 19 agosto 2020.
https://www.prospectmagazine.co.uk/world/after-the-blast-how-beiruts-clean-up-operation-is-exposing-lebanons-wider-state-dysfunction

Covid-19_ gli effetti della pandemia, dell’isolamento sociale e del lockdown sulla salute mentale degli italiani from Edra on Vimeo.

 

Intervengono
Ernesto Caffo, Professore Ordinario di Neuropsichiatria Infantile - Università di Modena e Reggio Emilia, Presidente di Telefono Azzurro
Padre Alberto Carrara, Direttore Gruppo di Neurobioetica - Università Europea di Roma
Andrea Fagiolini, Professore Ordinario di Psichiatria - Università degli Studi di Siena
Ranieri Guerra, Assistant Director-General for Strategic Initiatives OMS
Armando Piccinni, Presidente Fondazione BRF, Professore Straordinario Unicamillus Roma
Alberto Siracusano, Direttore U.O.C. Psichiatria e Psicologia Clinica - Fondazione Policlinico Tor Vergata
Enrico Zanalda, Presidente Società italiana Psichiatria

Coordina
Beatrice Lorenzin, Deputata, già Ministro della Salute e coordinatrice Health&Science Bridge